Mercato, caccia in Brasile: idee Dedé e Jemerson per la difesa viola

    0



    dedeAspettando (ancora per qualche giorno) la risposta del Benfica per risolvere la telenovela Lisandro Lopez e in attesa di tentare un nuovo assalto al gioiello del River Plate, Mammana (ma la prima offerta di 6 milioni è stata considerata insufficiente), la Fiorentina scopre le sue carte e punta forte anche sul mercato brasiliano. Traduzione: avrà in ogni caso un passaporto sudamericano il centrale (anzi, per la precisione, uno dei due difensori in arrivo) che la società consegnerà a Sousa.


    Due, dicevamo, le piste dell’ultima ora rimbalzate dal Brasile. La prima porta ad Anderson Vital Da Silva del Cruzeiro, detto molto più semplicemente Dedè. Centrale di potenza, classe 1988, in passato accostato alla Juventus e ancora oggi paragonato a Thiago Silva, il giocatore ha un contratto in scadenza nel 2017 e un prezzo non impossibile (5 milioni di euro). La Fiorentina avrebbe parlato nei giorni scorsi con il rappresentante europeo del procuratore del difensore. Dedè obiettivo concreto, ma la società viola ha sondato il terreno anche per un secondo centrale con passaporto brasiliano. Si tra di Jesus de Nascimento Jemerson dell’Atletico Mineiro, giocatore più giovane (classe 1992) e per il quale la Fiorentina dovrebbe stanziare un investimento non inferiore ai 7 milioni di euro. Anche in questo caso la segnalazione a Sousa è arrivata dal ’giro’ dei rappresentanti del mercato sudamericano collegati a doppio filo alla scuola portoghese. Come nel caso di Dedè, la scheda tecnica di Jemerson inquadra il difensore come un elemento potente ma allo stesso molto veloce nello stretto e abilissimo nel gioco aereo.

    Sempre tenendo d’occhio la scuola brasiliana, ma in questo caso si parla di un elemento già in Europa, attenzione a Doria, difensore centrale in forza al Granada, ma arrivato in Spagna in prestito dal Marsiglia che ne possiede il cartellino.