Mercato frenetico, ma occhio al campo: da domenica parte il tour de force viola

    0



    Montella TorinoFiorentina attivissima sul mercato negli ultimi giorni. Ufficializzati Matri e Rosati, in arrivo Anderson (già effettuate le visite, in attesa delle pratiche burocratiche dall’Inghilterra): tre colpi che riempiono le lacune più urgenti del gruppo di Montella. Con l’infortunio di Rossi ed i ritardi di Gomez c’era bisogno di un attaccante: preso. Munùa rescinde per tornare al Nacional, c’è bisogno di un dodicesimo: preso. A centrocampo mancava un’alternativa (o meglio, un comprimario) per far rifiatare i titolari: preso. Tre colpi che adesso proiettano verso le ultime due settimane di mercato invernale. Giorni in cui Pradè e Macia continueranno a monitorare le eventuali occasioni per potenziare ulteriormente il gruppo a disposizione dell’Aeroplanino.

    Dal mercato, che comunque continua imperterrito, la palla passa però adesso al campo. Dopo il pareggio di Torino, infatti, la Fiorentina si è allenata per una settimana intera (non succedeva da tempo) per preparare la sfida di Catania: gara delicata, su un campo storicamente difficile contro una squadra alla disperata ricerca di punti salvezza. Una sfida da vincere, insomma, per continuare la rincorsa al terzo posto interrotta parzialmente domenica scorsa. Una partita, però, che sarà anche il primo atto di un lungo tour de force a cui sarà sottoposta la truppa di Vincenzo Montella. Dal 19 gennaio al 2 marzo, di fatto, ci potranno essere 12 partite in 42 giorni, per una media di una partita ogni 3,5 giorni. In pratica, in campo ogni tre giorni tranne la settimana tra il 26 gennaio ed il 2 febbraio. Perché ciò accada, però, i viola dovranno superare il Siena giovedì prossimo nella gara dei quarti di Coppa Italia. Se così fosse (impresa non certo proibitiva), la Fiorentina sarebbe in campo anche il 5 ed il 12 febbraio per le gare di andata e ritorno delle semifinali di coppa nazionale.

    Dodici potenziali gare, dunque, che saranno decisive per la stagione viola, con gli impegni in campionato e nelle due coppe. Si parte domenica 19/01 a Catania, mentre giovedì 23/01 ci sarà il derby di Coppa con il Siena (a Firenze). Domenica 26/01 ancora campionato con la gara casalinga con il Genoa, mentre la domenica successiva, il 2/02, la Fiorentina andrà a Cagliari. Mercoledì 5/02 la possibile gara di andata di Coppa Italia (contro una tra Milan ed Udinese), domenica 9/02 sfida casalinga con l’Atalanta in Serie A, mercoledì 12/02 l’eventuale ritorno di Coppa Italia, domenica 16/02 la partita di cartello contro l’Inter al Franchi. Da giovedì 20 febbraio, invece, ripartirà l’Europa League, con la gara di andata in Danimarca contro l’Esbjerg. Domenica 23/02 Parma-Fiorentina, mentre giovedì 27/02 in programma il ritorno al Franchi contro i danesi. Il 2/03, infine, la gara interna contro la Lazio. Dodici sfide una dopo l’altra, senza sosta: una goduria per i tifosi viola, un ciclo da prendere con concentrazione massima per il gruppo di Montella. In questi 42 giorni senza respiro, infatti, si decideranno le sorti della stagione viola: campionato, coppa Italia ed Europa League, tutte gare decisive per gli obiettivi gigliati.

    Ed anche ad inizio marzo niente sosta per la Fiorentina: il 9 marzo, infatti, è già in programma Juventus-Fiorentina, gara che potrebbe essere bissata quattro giorni dopo in campo europeo.

    Insomma, bene pensare al mercato, ma ai ragazzi dell’Aeroplanino saranno concesse ben poche distrazioni sul campo. Da adesso si fa sul serio: la stagione entra nel vivo.