Mercato, tutto passa da Gomez (e Gomez). In uscita invece occhio a…

    0



    papu gomezE’ già mercato. Maledettamente mercato. Freneticamente mercato. Al Franchi due porte, una in entrata ed una in uscita: della seconda parliamo da tempo, la prima, invece, operazioni minori a parte, si è aperta da poco. Purtroppo. L’infortunio di Rossi ha quantomeno aperto un interrogativo in casa viola: continuare così od intervenire per rinforzare il pacchetto offensivo? Alla domanda ha già dato la sua personale e chiarissima risposta Vincenzo Montella: “Se vorremo restare lassù, servirà una seconda punta” ha dichiarato oggi l’aeroplanino in sala stampa, alla vigilia di una gara, quella col Chievo di Coppa Italia, che diventa esame di maturità per Rebic e Matos. 
    Intanto, Rossi aspetta di volare in Colorado, riabbracciare Steadman e capire quanto dovrà lasciare i suoi compagni orfani di lui: poteva andare peggio, lo abbiamo già detto, ma comunque l’assenza non sarà certo inferiore ai 2/3 mesi
    La prossima risposta dovrà darla Gomez (Mario), che lunedì dovrebbe capire a che punto è il suo recupero: se il tedesco darà garanzie può darsi anche che la Fiorentina decida di restare con questo parco attaccanti; certo, Montella (ed i tifosi con lui) non sarebbe felicissimo, ma col n.33 in forma e con i vari Vargas, Cuadrado, Ilicic, Joaquin, le soluzioni non mancherebbero.
    Se arriverà qualcuno, invece, o perché Gomez non darà piene garanzie, o perché la società (ed Andrea Della Valle) vorrà comunque accontentare Montella, non sarà certo un elemento estraneo o incompatibile col progetto tecnico, tattico ed economico della Fiorentina: fredda la pista Jovetic, così come quella per Di Natale, gelida quella di Hernandez che il Palermo non lascia andare; la più possibile, al momento, è quella che porta al Papu Gomez, innamorato di Montella e della Fiorentina e scontento, scontentissimo, dell’esperienza in Ucraina, sia a livello personale che calcistico. Pradè e Macia non si faranno trovare impreparati, visto che l’ex Catania rappresenta una bella occasione, sul profilo tecnico e su quello economico, corrispondendo esattamente al tipo di giocatore chiesto da Montella.
    In uscita, intanto, occhio a due nomi: Roncaglia (non andrà allo Zenit che chiede 7-8 milioni per Criscito, desideroso di andare nella sua Napoli) piace al Genoa, Olivera era stato avvicinato nei giorni scorsi al Cagliari che però non ne ha mai parlato con la Fiorentina.
    Qualche giorno d’attesa e le carte si scopriranno, nel frattempo c’è una Coppa da onorare ed il sogno Champions da cullare…