Merlo: “Berna non dà il massimo come prima. I tifosi di ora…”

16



L’ex viola Claudio Merlo ha parlato così a Radio Sportiva: “L’attuale tifoseria della Fiorentina è migliore di trenta anni fa, quando giocavo io. Ultimamente la squadra è peggiorata e i tifosi hanno diritto di criticare. Bernardeschi? Quando è arrivato in prima squadra dava il massimo, ora molto meno. Dovrebbe leggere meno giornali e pensare più al campo. Per lui sarebbe meglio restare in maglia viola altri due anni.”

16
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

Per un vecchio tifoso come me il nome di Merlo mi fa piangere per l’emozione che mi dato quella bellissima squadra dello scudetto del 1969, saro’ sempre grato a quei CAMPIONI di vita e di campo, Berna dovrebbe prenderli come esempio, ma purtroppo si è montato la testa e non ha piu’ i piedi per terra .E’ diventato un egoista sia nel campo ( gioca solo per se stesso) e sia nella vita ( non si accontenta della proposta della societa’ che è un ottimo ingaggio )..Ma cosa pretende???Ha disputato a buon livello circa 8 mesi.

Donamasi59@gmail.com
Ospite

BRAVO CLAUDIO. HAI PIENAMENTE RAGIONE

Calabria
Tifoso
Toni

Bravo Merlo!!!!!!!!purtroppo la società non capisce o fa finta così come sulle restanti,molte criticità causate soprattutto dal presuntuoso portoghese che andava preso a calci dopo l’esclusione dalla EL che solo un incompetente come lui poteva mettere a repentaglio

arturo
Ospite
arturo

Uno che ha il coraggio di dire le cose come stanno. Bravo Merlo, oggi come allora.

Biliapolis
Tifoso
Active Member

Bernadeschi gioca solo per se stesso, per mettersi in mostra, non lotta con la squadra come fa Chiesa,.

Abbonati anche tu
Ospite
Abbonati anche tu

CHe palle con questo Bernardeschi

G R 51
Ospite
G R 51

Ha pienamente ragione. Grande Merlo. Bei tempi allora.

claudio
Ospite
claudio

il problema della Fiorentina deriva da coloro che non amano la Fiorentina
se il proprietario e l’amministratore delegato non amano la propria azienda
come si può pretendere che la amino i dipendenti

viola55
Ospite
viola55

Bravissimo Claudio, ottima analisi.

Luca
Tifoso
Member

grande merlo ti stimo

Viola56
Ospite
Viola56

Io che ho tifato: Sarti Magnini Cervato Chiappella Orzan Segato Julinjo Gratton Virgili Montuori Prini e tanti altri di quella formazione. Fino ad arrivare a Bernardeshi, che non ancora dimostra niente e sentisi dire pezzi di merda mi viene il volta stomaco. Via subito si è già montato la testa ha ragione Merlo. Sempre Viola.

Lucabilly1963
Tifoso
lucabilly1963

Il grande Merlo ha pienamente ragione. I DV e tutti gli altri presidenti delle squadre di calcio che fanno finta di essere tifosi per non farsi vedere solo imprenditori si dimenticano di una cosa: la squadra di calcio ecome la mamma, le uniche cose che non si cambiano mai nella vita! La Fiorentina appartiene prima ai tifosi in quanto Storia, colori, tradizione, citta, poi ai presidenti di turno che in fondo sono solo dei Magnifici Rettori, proprietari si’, ma solo temporanei. I tifosi restano. La Fiorentina non euna fabbrica, un'officina, uno stabilimento. E una fabbrica di anime, un’officina di cuori,… Leggi altro »

piccio
Ospite
piccio

d’ accordissimo, ma questo andrebbe spiegato a chi fa le regole, nel calcio. invece, proprio loro, pensano a tutt’ altro… (leggi €€€€€)

Andrea Certaldo
Ospite
Andrea Certaldo

idealmente sarebbe così !
Se il calcio fosse uno sport…ma ad oggi è un’industria.
E’ vero che i presidenti sono magnifici rettori, ma i soldi ce li mettono loro..te lo faresti il magnifico rettore mettendoci soldi di tasca tua?
Se fosse come dici te, si potrebbe eleggere il presidente fra i cittadini fiorentini e chi viene eletto paga le spese….voglio vedere se poi si sentono magnifici rettori !!
mica si parla di 100 euro al mese…

Lucabilly1963
Tifoso
lucabilly1963

Nessuno di noi contesterebbe ADV se ADV fosse uno di noi, ovverosia una persona che da’ il massimo nella comunicazione e tocca con mano il territorio. Guarda caso i problemi con loro sono cominciati col proliferare di portaborse, ragionieri, accoliti che hanno ingolfato tutto il sistema rendendolo impermeabile al contatto col tifo. Da qui, il crollo.
Non esiste fabbrica senza operai, non esiste calcio senza tifosi.

Angelo
Ospite
Angelo

Anche in passato i Presidenti ci mettevano i soldi, non solo oggi. Solo che all’epoca, oltre ai soldi, ci mettevano anche il cuore, la passione. Una società di calcio non è una fabbrica di scarpe e i tifosi non sono persone che amano delle scarpe. Il calcio e i tifosi hanno un’anima … le scarpe no! Questo modo di intendere il calcio da parte dei Presidenti sta uccidendo lo sport. Qualsiasi cosa senza un’anima è morta o è destinata a morire. Chi intende il calcio come un’industria dimostra di non aver capito cosa sia il calcio.

Articolo precedenteLa Women’s in Consiglio Comunale dopo lo scudetto conquistato sabato scorso
Articolo successivoMencucci: “Della Valle? Striscioni infamanti generano delle riflessioni”
CONDIVIDI