Milan: conto alla rovescia per Silvio Berlusconi, domani ultima gara a San Siro

di Luca Guazzoni - Qs La Nazione

7



Mancano due settimane all’alba di un nuovo Milan. È quella di venerdì 3 marzo la data buona per vedere passare di mano la società. È tutto pronto: notai, traduttori, catering con tanto di bottiglie pregiate da stappare al momento delle firme, con l’avvicendamento tra il vecchio e il nuovo Cda, la cui composizione è ancora in alto mare (dovrebbe essere a sette membri, almeno cinque cinesi con Fassone). Difficile pensare che qualcosa vada storto a questo punto, anche se il precedente di settembre potrebbe incutere un certo terrore.

Allora erano state le famose autorizzazioni dal Governo di Pechino a far slittare l’agognato closing (mai arrivate in questi mesi, suggerisce Bloomberg che sia una ripicca per la visita del Dalai Lama a Milano), oggi uno scoglio che non si parerà più di fronte a Ses. È confermato infatti che il denaro da versare a Fininvest – 320 milioni di euro – arriverà tutto da conti esterni alla Cina, transitando dal Lussemburgo: il famoso ‘Piano B’ sbandierato da Yonghong Li alla prima – e unica – intervista concessa all’Ansa, già in parte percorso con il prestito ottenuto dalle Isole Vergini Britanniche. Lo avrebbero voluto evitare: così facendo infatti Ses non potrà più quotare il Milan su una borsa cinese e rientrare così velocemente sull’investimento. La presenza nel fondo di Huarong (colosso finanziario pubblico con un fatturato di 11,3 miliardi di dollari) è sì data per certa ma non può essere fonte di sicurezza su investimenti futuri: Huarong infatti dovrebbe fungere solo da garanzia – economica e di reputazione – per gli altri consorziati. Sembra infatti che l’acquisizione del Milan sarà impostata sul debito, in un’operazione che richiama quella con cui la Red Football acquisì il Manchester United nel 2005: la sola – enorme differenza – è che gli investitori di quel fondo avevano un volto riconoscibile, quello di Malcolm Glazer, multimilionario americano, come referente, mentre il nome di Yonghong Li per Ses non suscita la stessa fiducia.

Entro la Fine di febbraio è attesa a Milano – e poi ad Arcore per la ratifica del passaggio di proprietà – una delegazione di Ses. Solo allora sarà svelata la lista completa dei partecipanti. Fininvest aspetta ma non ha dato scadenze: importante sarà vedere il denaro e avere una tracciabilità. I capitali infatti dovranno passare sotto la lente di ingrandimento tanto dell’agenzia delle Entrate quanto della Banca d’Italia. Dopo il closing getteranno la maschera sulle loro intenzioni: se speculative alla Thohir oppure se di ingenti investimenti alla Suning.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
sempre viola
Ospite
Member
Senza pensare a politica o altro, sinceramente, tifoso viola all’estremo tanto da averlo odiato con il suo Milan, a me dispiace . Un pezzo di grande storia dl calcio che se ne va’. Se non sbaglio credo sia stato il presidente che ha vinto di piu’ nella storia del calcio mondiale. Il suo Milan, che avrebbe vinto anche se lo allenavo io, grazie a Sacchi ha dato spettacolo nel mondo. Quello di Capello forse meno splendente ma terribilmente forte e concreto. La finale con il Barcellona fa’ parte della storia del calcio. Pensare che un gruppo di borsisti cinesi entrino nel calcio senza la passione per questo sport ma soltanto per un grande business, non mi piace. Il fatto di non prevedere cose buone per il Milan e’ altra cosa. Questo….potrebbe anche farmi piacere ( rientra la mia parte di tifoso) ma il Milan l’ho già visto retrocedere due volte
Marco27
Ospite
Member

enaltraaaa……

Marcello
Ospite
Member

‘azzi loro, tempi cupi……… poveracci!

CVB Bruxelles
Ospite
Member

hanno già detto tutto i tre che hanno commentato per primi… Lussemburgo, Isole Vergini… vabbé

Viola 1951
Ospite
Member

Il cavaliere vende il bilan ai cinesi…..sì, sì…..Ahahahah ahahahah….!!!

doc rob
Ospite
Member

rientrano i capitali del Berlusca seminati all’estero e depositati nei paradisi fiscali, that’s closing

Tifoso
Ospite
Member

Ceeerto, esce Berlusconi che vende a Berlusconchuan, ma per favore.
Figuriamoci se personaggi SERI, che possono rientrare dell’investimento solo tramite la pubblicità legata all’acquisizione del marchio, nasconderebbero il loro nome e/o quello dei loro gruppi dopo aver speso quasi un miliardo.

C’è qualcosa di estremamente losco sotto, quando poi si verificherà l’inevitabile tutti, da giornali e politici, scateneranno accuse contro chi non ha controllato, verificato eccetera. Sempre tutto a posteriori…

wpDiscuz
Articolo precedenteSousa, ‘bastone e carota’ con Berna. La sostituzione ‘tattica’, e i correttivi per il ritorno
Articolo successivoTanti auguri a Roberto Baggio: compie 50 anni!!! FOTO-VIDEO
CONDIVIDI