Milan, missione ‘quasi’ impossibile. A Nyon col nuovo socio per convincere l’Uefa

di Marco Pasotto - La Gazzetta dello Sport

32



Come riporta la Gazzetta dello Sport, dovrebbe ormai esserci abituato, perché è stato così fin dall’inizio: per Li Yonghong il Milan continua a essere una corsa contro il tempo.

Iniziata ancora prima del closing, quando era riuscito a concretizzare la compravendita del club grazie all’intervento di Elliott proprio a pochi respiri dal punto di non ritorno; proseguita con i ripetuti aumenti di capitale, che più di una volta hanno lasciato tutti col fiato in sospeso e si sono risolti nelle ultime ore a disposizione; ed è un count down di attualità anche adesso, con il tentativo di mandare in porto l’ingresso di un socio di minoranza nel più breve tempo possibile.

POCHI GIORNI. Il nome resta coperto dal riserbo, ma nelle ultime ore si è sparsa la voce che la nazionalità possa essere americana, anche se fino a ieri sera dagli ambienti rossoneri non arrivavano ancora conferme. L’obiettivo di Mister Li è riuscire a chiudere la pratica in tempo già per l’audizione di martedì prossimo con la Camera giudicante della Uefa.

Insomma, presentarsi a Nyon col socio già operativo. Un obiettivo molto ambizioso, probabilmente ai confini dell’impraticabilità perché alla convocazione manca meno di una settimana, ma vale senz’altro la pena provarci. Vale la pena perché comunque l’ingresso di un partner dal nome e dalla solidità economica importanti andrebbe a fortificare propria quella continuità aziendale tanto cara alla Uefa.

INDISCREZIONI. Incontri con gli advisor, teleconferenze e corrispondenza e-mail si stanno intensificando col passare delle ore, a testimonianza di quanto era già filtrato l’altro giorno: la trattativa è in uno stato molto avanzato ed è destinata a chiudersi comunque entro fine mese. In tempo per il ricorso al Tas di Losanna, eventualità che si concretizzerebbe se il verdetto di Nyon confermasse le indiscrezioni di queste settimane, ovvero l’esclusione del Milan dalle coppe.

Ma, come detto, Mr. Li tenterà la fumata bianca già entro martedì prossimo, nella convinzione che se non ce la dovesse fare in tempo utile, sarebbe comunque soltanto una questione di giorni. Per quanto riguarda il nome del socio, continuano a non esserci certezze. Negli ultimi giorni le indiscrezioni hanno portato per esempio a piste americane, che pur in assenza di conferme dagli ambienti rossoneri, non possono essere sottovalutate o ignorate.

Il Milan ovviamente renderà nota l’identità del nuovo socio soltanto a firma avvenuta, quindi per l’ufficialità occorrerà avere ancora pazienza, mentre le voci continueranno inevitabilmente ad accavallarsi.

DELEGAZIONI. Intanto, al di là dell’ingresso di un partner nell’azionariato rossonero, prosegue il conto alla rovescia in vista di Nyon. La delegazione sarà composta da Fassone, dall’avvocato Cappelli (membro del Cda e a capo della task force legale) e dal professor Lago, ex presidente della Camera investigativa Uefa e già consulente del Milan ai tempi della richiesta sul voluntary agreement.

C’è anche l’ipotesi – ancora da valutare – della presenza di un rappresentante del fondo Elliott, creditore nei confronti del Milan e di Mr. Li, ma pronto a intervenire anche questa volta nella veste di garante. Da questo punto di vista ovviamente dipenderà tutto da come procederà la trattativa per il socio di minoranza: nel momento in cui Mr. Li avrà un partner, Elliott (che fino all’altro ieri non aveva ricevuto segnali sull’ingresso nel club di un nuovo partner, e resta alla finestra) è destinato a essere rimborsato – 380 milioni interessi compresi – e a uscire di scena.

Commenta la notizia

32 Commenti on "Milan, missione ‘quasi’ impossibile. A Nyon col nuovo socio per convincere l’Uefa"

avatar
ultimi più vecchi più votati
TyrionLannister17
Ospite
Member

Avvistato a Ravenna lo zombie di Dante,si sta dirigendo in Toscana si dice che prenderà per le gambe Toscano e ci picchiera’ Zanichelli poi tornerà a riposare in pace…..

angelo scandicci
Ospite
Member

a me risulta che abbiano già deciso di escluderli. poi vedremo. basta aspettare qualche giorno.

Donkee Schott
Ospite
Member

Al tas si possono scordare di ottenere qualcosa perché in quel caso Atalanta e Fiorentina si arrabbierebbero, a ragione, è non poco

Paolo ( Bologna VIOLA )
Ospite
Member

Si sono accordati per 10 rigori al bilan
S.F.V.

Leo curva fiesole
Ospite
Member

Il Milan mi sembra un attimino alla canna del gas

fabio
Ospite
Member

vedrai che il gas non arriva,(non ha pagato la bolletta) ma comunque si salva lo stesso e va in europa,in fin dei conti è il MILAN la squadra più titolata d’europa,vuoi che non gli diano qualche rigore all’ultimo minuto…

MATTEO FIRENZE
Ospite
Member

dopo il cinese ora hanno anche il malese …. vaiavaiavaia fanno schifo

maurinho
Ospite
Member

E dietro c’è sempre Silvio

Max
Ospite
Member

Forse mi sono perso qualche passaggio, ma il fatto di avere un nuovo socio serve per non dover cedere il Milan ad Elliot e niente ha a che vedere con la UEFA che dovrebbe deliberare sui conti pregressi e non su quelli futuri.

fabio
Ospite
Member

ma quello del nuovo socio che lo salva è,come dicevo,il classico rigore all’ultimo minuto

Il Duca
Ospite
Member

mi ricorda l’attesa del finanziamento di una banca colombiana per la Fiorentina di VCG…..

MATTEO FIRENZE
Ospite
Member

davvero hai ragione

TOSCANO
Ospite
Member

ora vediamo se l’Uefa a le palle

Gino
Ospite
Member

Vero!
Però, ” A LE PALLE” Non si può proprio leggere.
Voce del verbo avere…

Moramoracchioli
Ospite
Member

… Vuoi dire voce del verbo havere… Altrimenti ha ragione Toscano! 🤓🤓🤓🤭

TyrionLannister17
Ospite
Member

BRAVO ZANICHELLI QUESTA SÌ CHE E’ IRONIA DI UN ALTRO PIANETA…………UNA FREDDURA DA FUORICLASSE

Themauviola
Ospite
Member

mai capito perchè questo sito hè pieno di utenti che anno così gusto ha prendere per le mele chi non a fatto le squole superiori e ogni tanto, è ovvio, sbaglia ha scrivere qualcosa… perché t’anto odio?

TOSCANO
Ospite
Member

gino i problemi sono altri ,te fatti vedere da uno che ha studiato

ALE68LEBAGNESE
Ospite
Member

E MAGARI GUARDIAMO SE CE L’HANNO COLL’ACCA…..

Nicola Bibbiena
Ospite
Member

La farsa più clamorosa della storia dello sport.

rotlf
Ospite
Member

in tutta questa faccenda di sport non c’è nulla

Aristarco Scannabue
Ospite
Member
Quanto all’eventuale ricorso al TAS mi piacerebbe avere un parere legale sull’ammissibilità di fatti nuovi intervenuti DOPO il giudizio di Nyon. A me sembra che essendo il TAS un tribunale arbitrale esso sia abilitato solamente a dirimere controversie sui giudizi dei livelli giudicanti precedenti. In particolare il Milan potrebbe appellarsi al TAS solamente per lamentare errori nel giudizio di Nyon. La presentazione di nuove situazioni come il nuovo socio o la ristrutturazione del debito sarebbe funzionale alla richiesta di un nuovo giudizio rispetto a quanto valutato da Nyon che a mio parere il TAS per sua stessa natura non può… Leggi altro »
LEMAC
Ospite
Member

Ce la fanno ce la fanno, vedrete, Berlusca ha convinto anche il diavolo

Aristarco Scannabue
Ospite
Member

E’ notizia di poche ore fa che mentre è stato archiviato il procedimento di settlement agreement riguardante la Roma è stato confermato quello riguardante l’Inter che quindi avrà la rosa di CL limitata a 22 giocatori, non potrà inserirvi i calciatori comprati nel 2017 (ad esempio (Vecino, Karamoh e Valero) e non potrà acquistare se non vende. Fatevene una ragione, l’UEFA non è la mafia e non ammetterà il Milan senza solide basi per farlo.

fabio
Ospite
Member

vedrai che per il milan le solide basi le trovano…non sono mica la fiorentina o il brescia

Mah...
Ospite
Member

Anche se una parte di me un pò ci spera veramente, mi rendo conto che è quasi impossibile che il milan venga estromesso dall’europa league, altrimenti crollerebbe davvero tutta la credibilità dei proprietari cinesi e in una piazza come il milan sarebbe economicamente devastante…

Geobxl
Ospite
Member

Qualcuno crede veramente che il milan sarà escluso dalle coppe ?
Z mai l’uefa azzardasse questo affronto, il tas la costringerebbe a fare marcia indietro e comminare una multa simbolica.
Troppi interessi (economici ma anche d’immagine) in ballo per solo ipotizzare esiti diversi

claude
Ospite
Member

questo milan mi pare che faccia tanto fumo. resta il fatto che non ha equilibrio economico ,e’ a rischio e falsifica anche il campionato

maurinho
Ospite
Member

o se parlano di fare shopping a destra e a manca

Giacomo
Ospite
Member

vedrete che il tas riammeterà il Milan per la pace di DDV

darpi
Ospite
Member

che centra ddv stiamo parlando del milan e alla fine mandare i viola in el crea solo problemi visto che anche gli introiti non sarebbero così interessanti e il milan delle champions che fa la guerra per la coppetta è da ricovero

Boh!
Ospite
Member

Ma lui ci rivoga il solito discorso… sennò tocca spendere. Chissà quando gli viene a noia

Articolo precedenteDavid Hancko ama i social. Gerrard è il suo eroe
Articolo successivoUfficiale: David Hancko è un giocatore della Fiorentina
CONDIVIDI