Milan, Pioli si presenta: “Mi preparo a questa avventura con grande entusiasmo”

52



L’ex tecnico della Fiorentina, nuovo allenatore del Milan, si è presentato in conferenza stampa

Stefano Pioli è stato presentato oggi come nuovo allenatore del Milan. L’ex tecnico viola, che sostituisce Marco Giampaolo, dopo aver apposto la firma sul contratto biennale, si è presentato in conferenza stampa a Milanello. Ecco le sue dichiarazioni, raccolte da Calciomercato.com:

PRONTO PER LA SFIDA.Mi preparo a questa avventura con grande entusiasmo, sono stato chiamato da uno dei club più importanti al mondo. Sono sicuro di fare un ottimo lavoro con la squadra, ci sono buoni giocatori“.

SCETTICISMO. Ho grande rispetto per i tifosi, hanno diritto di critica. È uno stimolo per fare meglio il mio lavoro. Dovrò lavorare sulla testa dei giocatori, sui principi di gioco e so che saranno 10 giorni importanti per preparare al meglio la prossima partita“.

SUL LAVORO DI GIAMPAOLO. “Marco è un ottimo allenatore ma ha idee diverse dalle mie, per interpretazione e strategia della gara. Devo essere veloce a far capire queste mie idee ai giocatori. So di un gruppo professionale, con valori morali. Eredito grazie a Marco un gruppo abituato al lavoro, voglio portare avanti un gioco che possa esaltare le qualità di questi giovani giocatori, perché hanno le qualità“.

PRINCIPI. I miei principi? Idee, intensità e spregiudicatezza“.

FEDE INTERISTA. “Non ho social, non sono sui social e ognuno è libero di esprimere la propria opinione anche se preferisco chi ti guarda negli occhi. Parliamo di niente, il passato è passato. E’ come confondere un ragazzino con un uomo pelato e con voglia di fare bene. I giudizi devono essere su quello che sono riuscito a fare e non a quando ero bambino e non ero sicuro di cosa volevo fare“.

POSIZIONE RISCHIOSA.Sono sempre positivo, lotteremo per i migliori risultati possibili. Di questo devo essere convinti anche i giocatori, abbiamo un passato glorioso e dobbiamo avere un presente all’altezza. Ci saranno le difficoltà ma dobbiamo diventare al più presto una squadra coesa“.

DOVE INTERVENIRE. “Ho visto tutte le partite, anche se sono stato contattato solo lunedì sera. Mi interessa capire subito i giocatori, entrare nelle loro teste. Sono molto esigente perché lavoro da mattina a sera, dobbiamo dare tutto il massimo. Non sopporto la superficialità, c’è tutto il campionato in avanti. E’ un subentro particolare perché c’è tutto il tempo per crescere e lavorare bene“.

POTENZIATORE? “Io mi adatto ai miei giocatori. Devono migliorarli individualmente per farli crescere anche come collettivo. Ci sono tutte le condizioni per fare bene, compreso l’appoggio della società. I tifosi sono esigenti, è giusto che sia così, dobbiamo essere all’altezza“.

QUARTO POSTO. “Dobbiamo cercare lavorare per andare in Champions League“.

IL MILAN.Ci sono giocatori che possono risolvere le partite. Possiamo mettere in mostra un gioco intraprendente. C’è grande concorrenza, le altre squadre sono ben preparate, ma dobbiamo avere coraggio e insieme dobbiamo mettere qualcosa in più per far risaltare le nostre qualità“.

PARALLELI CON L’ESPERIENZA ALL’INTER. Credo che sia sbagliato comparare le diverse situazioni, cambiano gli interpreti e le situazioni. Non guardo alle spalle ma sempre avanti“.

COME ENTRARE NELLA TESTA DEI GIOCATORI. “Giocare con qualità e intensità, questo è il calcio moderno. Si parla tanto di bel gioco, noi vogliamo essere aggressivi in avanti e recuperare il prima possibile il pallone“.

MODULO. I numeri interessano di più a voi che a me. Abbiamo delle caratteristiche da sfruttare, l’importante è avere una determinata identità di squadra“.

SU COSA LAVORAREBisogna lavorare su diverse cose. Nei prossimi giorni guarderò più  partite del Lecce che quelle del Milan. Dobbiamo avere la consapevolezza che siamo il Milan, non dobbiamo avere ansia, ma trasformare tutto ciò in qualcosa di positivo“.

LO SLOGAN. “Vincere“.

CARATTERISTICHE.Sono molto esigente, ma dò importanza anche ai rapporti personali“.

SCELTA DA NON RIFARE. “Da ogni esperienza si impara sempre qualcosa. Possiamo fare bene, solo con il lavoro e qualche sacrificio si possono raccogliere risultati positivi. In passato forse ho mollato in qualche occasione, ma adesso non capiterà più“.

52
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Stefano
Ospite
Stefano

Tantissimi auguri mister…me hai davvero bisogno!!

marco arezzo
Ospite
marco arezzo

Bravo Milan, Mi raccomando tenete anche Maldini e Boban per i prossimi 10 anni, così c’è una squadra in meno come concorrente per l’Europa. Che Capre.

Belgioviola
Ospite
Belgioviola

Povero milan adesso la serie B e’ sicura

Pepito4ever
Member
Pepito4ever

In passato forse ho mollato in qualche occasione, ma adesso non capiterà più“. Invece di lottare per i miei giocatori che mi seguivano ho preferito scappare per primo e lasciare tutti nella merda….ma oggi non capiterà più……indipendentemente dai Dv per i giocatori, la squadra, la città e i tifosi saresti dovuto restare invece hai scelto la via più facile la fuga…vigliacco e ora parli di vincere e champions? ti si asfalta anche al ritorno

Milan51
Tifoso
Il braccino americano

Un regalo più grosso il Milan non ce lo poteva fare

Unicabandiera
Ospite
Unicabandiera

I demeriti del buon Pioli sono stati esclusivamente l’accettare qualsiasi decisione di una società indegna come avevamo noi l’anno scorso….tutto qui….

Milan51
Tifoso
Il braccino americano

Ma non dire …….

Marcosciupa
Tifoso
Marcosciupa

…..io l’onestà e la serietà la pretendo ,ad esempio,dai politici….un allenatore merda ma vincente (che spesso vanno insieme) lo preferisco,sarò stupido ma ne vedo diversi allenatori… brave persone ma senza lavoro….

massimo
Ospite
massimo

I PRINCIPI DI PIOLI: IDEE – poche ma confuse. INTENSITA’ – nel passare la palla fra difensori nella propria metà campo. SPREGIUDICATEZZA – palla lunga e pedalare per non scoprirsi. Questi sono i principi che ha fatto vedere a Firenze.

Milan51
Tifoso
Il braccino americano

Ha fatto vedere anche Milenkovic a fare il terzino, Simeone a farci piangere senza mai buttarla dentro, Theroau e fare il Ribery senza esserlo, Hagi cacciato via , ecc….

Amedeoviola
Ospite
Amedeoviola

Però ‘ grazie piolo per sempre il 7 – 1 alla Roma e’ come un titolo, una delle serate più belle da tifoso.

Amedeoviola
Ospite
Amedeoviola

Il Milan cerca gli allenatori più esonerati d Italia, prima Giampaolo 0 titoli e 6-7 esoneri I 10 anni circa, ora piolo che misteriosamente a allenato Bologna Lazio Inter fiorentina e ora Milan, sfilza di esoneri e sicuramente colpirà anche col Milan, ormai il mondo va al contrario!!!

GUIDO
Ospite
GUIDO

da noi se ne è andato lui

Milan51
Tifoso
Il braccino americano

Perché non volevano rinnovarlo. Che risultati ha fatto da noi? Il 7 a 1 alla Roma? Che non è contato una cippa..

GUIDO
Ospite
GUIDO

credo che molti di noi si siano dimenticati che giocatori aveva lo scorso anno….alcuni sono ancora con noi perché le altre società non li vogliono neppure gratis, eppure siamo arrivati ad una semifinali di coppa italia e fino alla fibìne di gennaio si giocava alla pari con tutti, Credo che Pioli abbia spremuto tutto quello che ci era da spremere, Poi errori se ne fanno tutti : il suo principale è stato di andarsene. Doveva andare sì, ma da DV dir loro cosa non riteneva giusto e poi portarci in finale di coppa. Poi a molti di noi non va… Leggi altro »

Milan51
Tifoso
Il braccino americano

Aspettiamo solo di arrivare alla decima partita, un terzo del campionato. Poi parleremo. Però anche il passato e la storia dell’uomo insegnano qualcosina… non capirlo vuol dire essere ottusi. Non c’è bisogno che ti mettano nel forno per capire che non ti devi fidare di certuni…..eppure siamo toscani, un minimo di approccio culturale dovremmo averlo anche nel calcio!

Articolo precedenteÖhrström, un libro per bambine che amano il calcio: “Non è uno sport solo per uomini”
Articolo successivoNuovo centro sportivo viola: le immagini dell’area di Bagno a Ripoli (VIDEO)
CONDIVIDI