Milan, rilancio di mister Li: pagherà l’ultima rata, trovato un socio. E tra Uefa e Tas…

da La Gazzetta dello Sport

11



Yonghong Li ha trovato il socio di minoranza, il fondo Elliott potrebbe uscire di scena. In attesa della Uefa e del Tas.

Il blitz milanese ha sortito gli effetti sperati. E, soprattutto, li ha sortiti in tempi molto rapidi, la condizione più vitale a cui era legato il Milan. La notizia è filtrata nelle ultime ore: Li Yonghong ha trovato l’agognato socio di minoranza, scrive La Gazzetta dello Sport. Quel partner strategico per mille motivi. Dal nome importante. Fumata bianca, e adesso il club rossonero confida che questa ne produca altre a cascata. A partire dalle stanze dei bottoni di Nyon fino a Losanna. Il discorso non è ancora stato chiuso ufficialmente, ma siamo ai dettagli. Dopo di che, Mr. Li non sarà più solo alla guida del Milan.

ANNUNCIO? L’affare è stato chiuso in città, dopo una lunga serie di incontri con gli advisor del nuovo socio. Su cui al momento resta ancora una coltre di riservatezza, che però è destinata a cadere in tempi piuttosto brevi. Possibile che l’identità venga svelata già in occasione del Cda in programma per venerdì mattina a Casa Milan. Quello che era nato come un Cda inizialmente destinato a ratificare lo scorso aumento di capitale da parte di Mr. Li, e a formalizzare il prossimo (32 milioni, in arrivo) da effettuare entro fine mese, potrebbe così diventare la sede per un annuncio destinato a cambiare parecchie carte in tavola.

CREDITO Intanto, da quel poco che trapela, si può dire che il socio non è cinese e nemmeno italiano. Un po’ pochino per restringere il cerchio, ma in questo momento il punto focale è che grazie all’ingresso di un partner Mr. Li risolve buona parte dei suoi problemi più impellenti. Innanzitutto in ottica Elliott, il fondo anglo-americano che vanta complessivamente nei confronti del Milan e del suo proprietario 303 milioni di credito (interessi esclusi) e che in tutto questo tempo è rimasto con discrezione alla finestra, in attesa di capire se Li Yonghong avrebbe rispettato tutte le scadenze finanziarie. Con discrezione e con una presenza tangibile, dal momento che il fondo si era già reso disponibile ad aiutare ulteriormente la proprietà cinese in caso di necessità, e si era posto come importante garante di fronte alla Uefa nella richiesta di settlement. Ebbene, con l’ingresso del nuovo socio il fondo di Paul Singer pare destinato a uscire di scena. Nel senso che sarà rimborsato dell’intero prestito, ovviamente compresi gli interessi. Per fare qualche conto: Elliott aveva prestato 303 milioni a Li – cifra senza la quale non sarebbe riuscito a chiudere l’acquisto del Milan –, suddivisi tra 180 in capo a Yonghong e 123 al club. Totale con gli interessi da rimborsare, milione più milione meno: 380.

VERDETTO Resta solo da capire con quale quota entrerà il socio di minoranza. Ovviamente non coprirebbe da solo l’intero debito con Elliott ma, come ha sempre sottolineato Fassone, la parte in quota al club è rifinanziabile molto più facilmente rispetto al debito di Mr. Li. Tempistiche? Il Milan confida che il partner sia operativo in tempo per l’eventuale ricorso al Tas di Losanna, nel caso in cui la Uefa la settimana prossima escluda il club dalle coppe. Se il nome e la disponibilità economica del soggetto sono infatti importanti come filtra, in via Aldo Rossi sono abbastanza fiduciosi di evitare la pena più dura. Intanto martedì prossimo Fassone sarà ascoltato a Nyon dalla Camera giudicante della Uefa, che di lì a breve emetterà il verdetto. In questo senso è complicato pensare che le ultime novità societarie, per quanto importanti, riescano ad ammorbidire i giudici. Ma in chiave Tas il «sentimento» del club è diverso, e lo sarebbe stato anche senza la novità del socio.

MILIONI. I 32 milioni che ancora mancano per completare la seconda tranche da 60 di aumento di capitale sono in arrivo. In teoria potrebbero essere versati entro fine mese, ma Mr. Li dovrebbe riuscire a chiudere la pratica entro la fine della prossima settimana, completando i 120 milioni complessivi che il Cda gli aveva indicato lungo i mesi come necessari per la gestione del club. Ora, col nuovo socio, ad arrivare sarà anche liquidità fresca.

11
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Dragonpollo
Tifoso
dragonpollo

Lezione di Strategia Aziendale. Ho dei soldi all’estero, in un paradiso fiscale, che non posso muovere. Come faccio a renderli disponibili e spendibili? Li metto a garanzia di un soggetto a me non riconducibile, diciamo un Fondo di Investimento che può “scontare” questa garanzia ed ottenere liquidità. Faccio in modo di indebitare una mia azienda italiana, facendo una serie di operazioni con soggetti che mi “rigirano” poi parte di quanto da loro incassato. I debiti li faccio nei confronti del fondo. Con un terzo soggetto vado a comprare la mia azienda italiana, quella indebitata Il terzo soggetto si rivela non… Leggi altro »

Ponzio
Tifoso
ponzio

ma speriamo che riescano ad andare in EL se no chi li regge più… pezzenti!

cico56
Ospite
cico56

Ma che malelingue ci sono su questo sito!!!! Suvvia signori vi è pur scritto che il socio di minoranza non è né cinese né italiano! è un non altro e tronfio milanese,

si ruzza
Ospite
si ruzza

… a forza di lavaggi è rimasto solo la carta bianca.

Girolamo Savonarola
Ospite
Girolamo Savonarola

sei uno uno sveglio 😉

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

Per quanto riguarda il debito la suddivisione tra debito del proprietario e debito del Milan è una questione di lana caprina perchè il fondo Elliot per farsi da parte pretende 380 milioni entro la fine di ottobre altrimenti si rivale sui debitori fagocitando il Milan e vendendo tutti i giocatori. Ma anche se si parla solo della parte in capo al club stiamo parlando di circa 150 milioni tra capitale ed interessi che certamente non possono essere versati e per i quali l’UEFA non si contenterà di promesse visto che dopotutto le sanzioni sono state prese nonostante il debito non… Leggi altro »

sardoviola
Ospite
sardoviola

Rilancio di mister LIsconi……

Simone Magnani
Ospite
Simone Magnani

Secondo me il nome del socio di minoranza inizia per S e finisce per ilvio.

Conte Ugolino
Ospite
Conte Ugolino

Mr. B.

Massi
Ospite
Massi

… quanti viaggi fanno fare ai milioni di Berlusca …

Stemari
Tifoso
Noble Member

schifo

Articolo precedenteAntognoni: “Sarà una Viola competitiva: l’ha detto anche DDV. Chiesa resta, Meret sarebbe un gran colpo”
Articolo successivoAccadde oggi: 13 giugno 2001, Rui Costa alza la Coppa Italia. L’ultimo trofeo viola (VIDEO)
CONDIVIDI