Mister Pioli sale in cattedra, come si prepara una partita e cosa accade dopo

Di Leonardo Bardazzi - Corriere Fiorentino

24



Fonte: profilo Twitter ACF Fiorentina

Tablet in mano, maxischermo in bella vista e il figlio Gianmarco al computer pronto a mandare in onda le immagini chieste da babbo Stefano. Il professor Pioli insegna calcio, solo che stavolta gli alunni non sono giocatori ma giornalisti. «Fate finta di diventare calciatori della Fiorentina per un giorno», dice il mister subito dopo i saluti.

L’idea infatti è «condividere con i media i principi e le idee di lavoro usate ogni giorno al centro sportivo viola», come ha scritto la stessa Fiorentina sui social. E così l’allenatore parla ai cronisti come se stesse preparando una sfida di serie A, spiega la tattica, come si prepara una partita a tavolino e come si possono correggere gli errori commessi. Il motivo è duplice: Pioli (che già a Bologna aveva tenuto a lezione i giornalisti) vuole offrire nozioni tecniche a chi, per mestiere, il calcio lo racconta tutti i giorni. In più, in questo modo, aiuta la società ad «aprirsi alla città» nel modo migliore possibile: parlando di calcio, senza le tensioni dello scorso anno ma, anzi, con la voglia di far capire la mole di lavoro che c’è dietro alla costruzione di questa Fiorentina Millennials. Nell’ora e mezzo passata dentro la sala video del centro sportivo così, Pioli passa in rassegna pregi e difetti degli avversari, il loro modo di costruire l’azione, di sfruttare le caratteristiche dei loro calciatori migliori, l’atteggiamento in fase di non possesso palla e durante le palle inattive. Un lavoro che per lo staff tecnico viola inizia dai match analyst (tra cui c’è anche Gianmarco) e che continua con la scelta delle immagini più interessanti da parte di Pioli. L’idea ovviamente è non lasciar niente al caso, ma anche evitare di allungare troppo le sedute video per non disperdere l’attenzione dei calciatori.

All’incontro coi giornalisti Pioli accetta domande, interruzioni, obiezioni. Esattamente come avviene quando ad ascoltarlo ci sono Chiesa e compagni: il mister viola infatti vuole un gruppo il più possibile partecipe, anche se a volte le barriere linguistiche creano problemi. Le sedute video durante la settimana sono multiple. Se la domenica c’è stata la partita, alla prima occasione si analizzano le cose buone e gli errori commessi (di posizione, tattici o di scelte). Al giovedì invece si passa oltre. E si inizia a studiare l’avversario, finché ogni viola non sappia esattamente cosa fare in tutte le fasi della partita. Non basta però, perché la tecnologia oggi consente un’ulteriore passo in avanti: già durante l’intervallo, i match analyst danno a Pioli l’opportunità di scegliere e far rivedere alcune situazioni di gioco dei primi 45 minuti. In questo modo si può cambiar tattica in corsa o correggere la posizione di qualche giocatore. Qualche esempio? Meglio di no. La lezione, su espressa richiesta della Fiorentina, deve restare privata. Magari però, già da domenica prossima, la lezione del professor Pioli servirà ai cronisti per descrivere meglio le azioni o gli errori più importanti delle partite. In fondo di imparare non si finisce mai.

24
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
alex1950
Ospite
alex1950

La teoria funziona quasi sempre, ,,,la pratica un po’ meno, soprattutto quando gli attori che la mettono in ..campo sono quello che sono.

Lo diceva un certo Niels Liedholm…appena qualche ..decennio fa…

Ha provato a dirlo anche qualcun altro ..lo scorso anno, ma non è stato preso molto sul serio….

Forse non aveva istruito a dovere i giornalisti.
Vediamo se …hanno preso gli appunti giusti.

Walter
Ospite
Walter

Speriamo che alla fine del corso i nostri “bravi opinionisti” scrivano meno bischerate.
Forza Viola! !!!!!!!!!

Grandeviola
Tifoso
Grandeviola

Io le lezioni le farei ai maghi della tastiera che scrivono su questo sito, chissà che possano iniziare a capirne qualcosa

onsag
Ospite
onsag

Ma allora come abbiamo fatto a perdere a Chievo se a tutti era
stato spiegato cosa fare? Vuol dire che qualcuno, anzi quasi tutti,
non stanno attenti durante le lezioni. Questi soggetti vanno buttati
fuori finché non tornano preparati. Se Pioli, al di la’ delle lezioni per
i giornalisti, farà questo allora si può nutrire qualche speranza.

Viola
Ospite
Viola

Grande Pioli, speriamo di poter leggere cose più sensate scritte da giornalisti che vogliono per forza dare informazioni tecniche.

Giucas
Ospite
Giucas

A Firenze si vivono solo buffonate e boutades come questa. Ormai non c’è più limite all’indecenza. Mai visto, in 60 anni di calcio, una stronzata simile, oltretutto al cospetto di personaggi che col calcio non hanno nulla a che spartire se non per le baggianate che raccontano. Speriamo nel padre Eterno che ci aiuti a salvarci ed a mandare all’inferno questa insulsa proprietà che permette di tutto. Mi manca di vedere le puttane al centro sportivo!

Boscaiolo
Tifoso
Member
Boscaiolo

Poero Pioli, icchè ti tocca fare per arruffianarti i giornalisti….attaccato alla poltrona come Andreotti dei bei temoi….ma se tu perdi contro l’Udinese non ti salva neanche l’acqua santa!!!!!! Voglio IACHINI un pò di grinta in panchina ci vuole, non un imbellettato con la erre moscia!!!!!!!!!

Mike
Ospite
Mike

Non avete capito……coinvolgere giornalisti….facendoli credere a sua volta che loro stessi sono importanti è un modo per arruffianarseli…..

marco mugello
Ospite
marco mugello

Sousa era (dice) un pozzo di scienza calcistica, ma è stato asfaltato e buttato fuori dal Borussia in un modo che non ha paragoni nel passato viola… mica dalla magica Honved di Puskas & C! Se i terzini fanno ……. in area l’obbiettivio è tenerli lontani dall’area… poi puoi fare la facciata barocca più rifinita del mondo, ma se li tieni vicini e li costringi a entrare in area a fare …….., c’è qualcosa che non torna. Questa è una Viola costruita da pazzi scatenati, ci sono più rifinitori ed esterni avanti da poter riempire una panchina… però 4 buoni… Leggi altro »

fra diavolo
Ospite
fra diavolo

Vi faccio un esempio,ho un nipote di 13 anni che gioca nei giovanissimi del Piacenza,ieri sono andato a prenderlo dopo l’allenamento e gli ho chiesto cosa avevano fatto mi ha risposto che hanno provato le diagonali difensive e le sovrapposizioni….Perbacco gli ho detto ma tiri in porta stop e cross ve li fanno fare, no mi ha risposto un po’scocciato, il mister dice che non servono.POVERO CALCIO IN MANO AD ALLEVATORI DI POLLI.

fra diavolo
Ospite
fra diavolo

insegnare come si stoppa,come si crossa,come si tira una punizione,come si fa’ un dribbling………….TATTICA E NUVOLE.

Ilcontedilautreamont
Tifoso
ilcontedilautreamont

Una volta esisteva il segreto professionale, gelosamente custodito non solo dai geni, ma da qualsiasi bravo professionista. Oggi non è più così. Sarà la voglia di talk show, di vivere almeno un giorno da leone, di credersi importanti, un misto di superbia, vanità e senso del ridicolo, tanto da diventare fenomeno di massa e così tutti, ma proprio tutti, si credono professori di qualcosa.

Magnifico Messere
Ospite
Magnifico Messere

Dopo aver perso quattro partite su sette ha parecchio da insegnare, si.

Enrico Picchi
Ospite
Enrico Picchi

Te si che sei proprio beota!!!

Max
Ospite
Max

allora se sale in cattedra lui……… siamo a posto!
è proprio vero: in Italia siamo tutti allenatori di calcio….

Enrico Picchi
Ospite
Enrico Picchi

Ecco il secondo

simmi
Ospite
simmi

Ecco il terzo

Tifoso viola di provincia
Ospite
Tifoso viola di provincia

Dalla cattedra passa al banco e quello in prima fila.

Paolo ( Bologna VIOLA )
Ospite
Paolo ( Bologna VIOLA )

Visto quello che ha combinato negli ultimi 3 anni e qualche mese ( da noi ) sarebbe meglio che non stesse in cattedra ma in un angolo della classe con il viso verso il muro .
S.F.V.

Tiziano 51 ( nuovo nn)
Ospite
Tiziano 51 ( nuovo nn)

Lodevole iniziative. E dato che “In fondo di imparare non si finisce mai”, chissà che Pioli non abbia imparato a schierare Benassi nel suo ruolo e non in quello che, inspiegabilmente e nonostante gli insuccessi sul campo, frulla nel capo dell’allenatore Viola, a non lasciare Simeone a predicare solo nel deserto.
Chissà… magari lo scopriremo questa Domenica…..

marco mugello
Ospite
marco mugello

Pioli non ha tutti i torti… non ha una pezza di tessuto, ha un sacco di scampoli di tutti i coloro e di tutti i tessuti, e deve dare subito un abito da esposizione… ne ha perfino troppi, gialli, rossi, verdi, blu, seta, lana, lino…. solo a inventariarli ci vuole un’ora…tanto che i giovani a gennaio o traslocano, o si perdono nei meandri delle cantine viola… ne troveranno qualcuno fra 15 anni… “Toh, guarda dove era andato a finire Zekhnini, l’ ho cercato una settimana anni fa…!”

Giorgio
Ospite
Giorgio

Magari!!!!!!

1_cliente
Tifoso
1_cliente

Buona iniziativa, da tutti i punti di vista.

Gualtiero
Tifoso
gualtiero milano

Certo non solo per colpa sua , ma chissà perché nonostante tutta questa sapienza tecnico-calcistica riusciamo a perdere perfino contro il Chievo ed essere nella parte destra della classifica? Qualcosa non mi torna.

Articolo precedenteGil Dias: frattura di un dito del piede sinistro, è già rientrato a Firenze
Articolo successivoTanta voglia di gol: Thereau e Simeone non hanno ancora segnato al Franchi
CONDIVIDI