Modulo a parte, domani serve una risposta per autostima e fiducia

5



Oltre a metabolizzare il nuovo stop di Saponara, scrive La Nazione, Pioli deve gestire un gruppo che nelle ultime tre partite ha messo insieme un punto e ha bisogno di risposte concretissime a livello di autostima: più ancora degli equilibri per l’aggiustamento (abbastanza annunciato) di modulo, l’allenatore sembra preoccupato per la tenuta mentale dei giocatori. Tutti all’interno della Fiorentina sono alla ricerca di conferme e segnali per credere nello sviluppo tecnico di un gruppo sperimentale, almeno per quanto riguarda il feeling in campo. Lo stesso staff vuole capitalizzare il proprio lavoro, trovando reazioni sempre più convinte da parte dei giocatori. Quindi da parte di Pioli moltissima attenzione all’aspetto delle motivazioni, essendo sul piano fisico buona la situazione generale (…).

5
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Fausto
Ospite
Fausto

Padre Piolo sei un allenatore triste, perdente e malinconico … l’esatta immagine della Fiorentina

Mario number one
Ospite
Mario number one

meno male ci sei te……

Mario number one
Ospite
Mario number one

Io penso aldilà dei moduli, pioli vada fatta lavorare senza furia e con tranquillità. .È forse dopo conte il miglior tecnico d’Italia. 2 spanne superiore al pretonZolo di Certaldo. ..E lo dimostra il fatto che l inda giocava molto meglio scorso anno..Ne vedremo delle belle , allenatore e squadra ci sono.

Kargost
Ospite
Kargost

Abbiamo fra noi un attore comico, il soldato Mario!
(Cit. Sergente Maggiore Hartman)

Fantagrullo
Tifoso
Fantagrullo

Ma scusate, Pioli appena arrivò disse che il 4231 era il modulo di partenza ma che l’avrebbe cambiato senza problemi in caso di necessità…come è possibile che ancora è rimasto attaccato a questo modulo inadatto nonostante la pessima partenza? Mi sembra Ventura 2…

Articolo precedenteAstori: “Stiamo crescendo, serve equilibrio. Milenkovic mi ha stupito. Rinnovo? Partenza giusta, sono contento”
Articolo successivoRinnovo Badelj, Corvino vuole firmare prima di gennaio. Il croato chiede un triennale
CONDIVIDI