Montella: “Alla squadra chiedo lucidità. Ottimisti per Gonzalo”

    0



    Vincenzo Montella vs BolognaVigilia di semifinale di Coppa Italia per la Fiorentina. Domani sera al ‘Franchi’ arriva l’Udinese, i viola devono ribaltare il 2-1 maturato all’andata. Come in ogni vigilia, prende la parola il tecnico Vincenzo Montella dalla sala stampa ‘Manuela Righini’ dello stadio Franchi’. A partire dalle ore 16 potrete seguire le sue dichiarazioni in tempo reale qui su Fiorentina.it.

    Inizia la conferenza:

    Come stanno i giocatori? “Vedremo dopo l’allenamento. Ambrosini non si è ancora allenato con il gruppo, penso lo faccia oggi. Aquilani invece si sta allenando da qualche giorno, così come Mario. Borja non giocherà, per Gonzalo vedremo oggi, ma siamo ottimisti. Vediamo oggi con l’ultimo allenamento. Quando ci sono tante gare ravvicinate ho delle indicazioni in testa ma poi è l’allenamento che parla”.

    Matri e la fase offensiva? “La verità è che Matri spende molto per la squadra, è un giocatore stimato dagli allenatori con cui ha lavorato. Ha questa caratteristica, ma è anche vero che per le condizioni fisiche in cui è arrivato lo stiamo utilizzando forse un po’ più del dovuto. In questa partita vale però molto anche l’esperienza”.

    Cosa chiedo alla squadra? “Dovremo essere estremamente lucidi, sarà una partita lunga e forse lunghissima. Domani avremo di fronte un avversario molto complicato e forte, ha grandi campioni come Di Natale, Muriel. Giocatori esperti in difesa, come Domizzi e Danilo, più giocatori di corsa. Se guardiamo il cammino dell’Udinese in questa competizione vediamo che ha eliminato Inter e Milan. Negli ultimi anni ha fatto molto bene, non facciamoci ingannare dal nome: sanno colpire con giocatori forti. È una partita complicata”.

    Cosa rappresenterebbe la finale? “Sarebbe un prestigio, un premio per la proprietà che ha investito tanto in questi oltre 10 anni. Per questo gruppo di lavoro che ha lavorato benissimo in questo anno e mezzo. Ma la finale va conquistata con le qualità, bisogna giocarcela: è bello giocarsi una partita del genere per tutto l’ambiente”.

    Udinese? “E’ una squadra molto forte, ha un allenatore molto esperto, ci ha messo spesso in difficoltà. Chi starà meglio sarà il campo a dirlo, sarà una partita aperta: che vinca il migliore”.

    Partita attesa? “E’ un vanto per tutti essere a questo tipo della stagione e giocarsi una partita così. Sarà il campo a dire chi merita di andare in finale: c’è coscienza dell’importanza della partita, ma non va esasperato il tutto”.

    I Della Valle? “Andrea è sempre con noi, Diego lo stesso, anche se a distanza. Andrea è sempre qui, la sua partecipazione è totale”.

    Il pubblico? “Ha dimostrato di essere vicino alla squadra, di essersi innamorato del gioco della squadra e di essere partecipe. Molte volte non facendo risultato ci hanno applaudito: dovremo essere bravi a farci spingere dal pubblico”.

    Cuadrado? “Spero che giochi come contro l’Atalanta. Ho letto le dichiarazioni del presidente dell’Udinese su Cuadrado (“Viola lasciaci la coppa, poi per Cuadrado…): spero avvenga il contrario (ride, ndr), ovvero che ci lascino loro la coppa”.

    Wolski? “Sono stato felice del gol, ha dimostrato le sue qualità. Domani ha la possibilità di giocare, così come i suoi compagni”.