Montella: “Champions? Prima il 4° posto. Pizarro e Berna…”

    0



    Montella a kievLa trasferta di Kiev ha portato in casa Fiorentina segnali di ripresa considerando risultato e livello di prestazione. La Fiorentina di Vincenzo Montella adesso deve dimostrare di poter dare continuità alla sfida in Ucraina, già da domani quando al Franchi arriverà l’Hellas Verona. Segui LIVE (ore 18.30) la conferenza stampa del tecnico viola con FI.IT!

    Quanto è importante lottare per la Champions vincendo domani?

    Vogliamo centrare quanto meno l’Europa League senza preliminari, poi penseremo al resto e anche alla possibile semifinale ancora da guadagnarsi sul campo giovedì.

    Punti di forza del Verona?

    E’ una squadra compatta che sa ripartire molto bene, servirà pazienza, equilibrio e fame. Dovremo stare attenti ai loro contropiedi. 

    Se sarei arrabbiato per un pareggio? 

    Mi farebbe arrabbiare più non essere in partita e sbagliare l’approccio, poi i risultati vanno sempre accettati.

    Turnover?

    Ancora devo decidere, chi giocherà domani ha comunque già un buon minutaggio nella gambe. Quango giochi ogni 3 giorni è normale fare un po’ di rotazione.

    Pizarro?

    Vediamo domani, non è al 100%. Dobbiamo valutare se rischiarlo oppure preservarlo per la Dinamo Kiev

    Esultanza sul gol di Babacar?

    Mi è venuta spontanea, come sempre dopo ogni gol. Se è stata più calorosa è perchè credo che la squadra meritasse quanto meno il pareggio. 

    Sull’importanza di giocare 3 gare in casa e l’abilità del Verona sulle palle inattive:

    Sanno attaccare e hanno giocatori alti. E’ un piccolo vantaggio perchè possiamo recuperare evitando i viaggi, ma abbiamo visto che spesso la squadra fa meglio in trasferta

    Bernardeschi?

    Abbiamo deciso di mandarlo con la Primavera per recuperare minutaggio e adesso sta bene ed è recuperato. Gli manca ancora il ritmo partita, mi auguro di poterlo inserire anche se è difficile.

    Tatarusanu?

    E’ tra i convocati, non è ancora al 100%. Anche giovedì ha stretto i denti perchè eravamo a corto di portieri

    Su Toni e Gomez:

    Sono molto contento per lui, nella scelta che facemmo lui aveva bisogno di giocare e di una squadra che giocasse per lui e con l’arrivo di Gomez e Rossi non poteva essere così. Gomez non è un problema, è a disposizione e lotta sempre con e per la squadra. Se dopo il cambio di Kiev era arrabbiato era per il risultato. 

    Episodi di Cagliari e Varese?

    Si devono attuare leggi drastiche, sarebbe il modo migliore per allontare i violenti dagli stadi

    Babacar come sta dopo il gol?

    A volte ha bisogno di essere spronato, a volte coccolato e a volte semplicemente ignorato. Adesso dopo il gol sta molto bene. 

    ORE 18.42 termina qui la conferenza stampa di Vincenzo Montella