Montella: “Ci meritiamo questa finale, grande pubblico”

    0



    montella Così Vincenzo Montella in conferenza stampa dopo la vittoria con l’Udinese: “Finale storica? Ce la meritiamo un po’ tutti, la città di Firenze, l’ambiente, ci ha sempre sostenuto in questo anno e mezzo. Se lo merita la squadra, per i sacrifici, per il gruppo costruito e per il gioco espresso. E grazie al mio staff: non si potrebbero preprarare tante partite così senza di loro. Oggi abbiamo sofferto tanto, la squadra ha conquistato la finale non solo tatticamente e tecnicamente ma con il sacrificio e la volontà. Ho sofferto molto dalla panchina, per fortuna ci siamo salvati alla fine: avrei digerito mal volentieri un gol preso al 96′. Neto? Io l’ho detto altre volte, l’allenatore deve giudicare senza condizionamenti. Si intravedevano grandi qualità, deve ancora crescere ma il destino ti dà delle gioie grandi. Oggi si merita tutto, complimenti a lui. In finale Roma o Napoli? Nessuna delle due, spero che le squalifichino (ride, ndr). Il pubblico? Ci ha coinvolto in questa serata speciale, con il loro incitamento fin dal riscaldamento. Noi sentiamo la passione dei fiorentini in ogni partita, ci seguono sempre, soprattutto in queste occasioni. Quando ci hanno visti in difficoltà hanno alzato ancor di più la voce. La proprietà? Era una finale che loro sognavano, perché non ci sono mai arrivati nonostante i grandi risultati arrivati in questi anni. Era un obiettivo, ce l’hanno fatto capire: hanno ringraziato uno per uno i protagonisti. Savic? Forse sta meglio di me (ride, ndr). Vediamo domani cosa ha. Matri? Sta giocando di più di quanto era logico farlo giocare date le sue condizioni fisiche, ero in dubbio alla vigilia se farlo partire dall’inizio. Guidolin si è lamentato dei palloni? I nostri raccattapalle stavano cercando i palloni di Udine, che anche li non si trovavano…”.