Montella: “Data buona risposta. Sarà bello giocare con la Juve”

    0



    fiorentina a esbjergIl tecnico della Fiorentina, Vincenzo Montella, parla in conferenza stampa al termine del match vinto contro l’Esbjerg per 3-1: “In tutte le partite aspetto delle risposte, anche da me stesso. Abbiamo risposto a noi stessi, come sempre è successo dopo prestazioni non all’altezza. Abbiamo giocato con umiltà, meritando la vittoria anche se abbiamo rischiato di prendere qualche altro gol. Mi è piaciuta la determinazione e l’interpretazione della gara. C’era la voglia di rimettere le cose a posto, questo è quello che mi è piaciuto. Ilicic? Ha giocato bene anche in altre partite. Era comprensibile che avesse problemi a trovare la condizione, si portava dietro un infortunio. Gomez? Mario ha bisogno di giocare un po’ alla volta, al di là del desiderio nostro e senza fretta. Stiamo tutti calmi e lo inseriamo un po’ alla volta come stiamo facendo. La Juventus ha vinto 2-0? Abbiamo ipotecato la qualificazione, ma questo non significa niente perché anche nei preliminari eravamo in netto vantaggio all’andata. Detto questo poi penseremo alla Juve, è bello giocare con le grandissime squadre. Aquilani regista? Ogni volta che ha giocato davanti alla difesa ha giocato lì per mia scelta e non perché mancava qualcun altro. Stasera ha giocato con padronanza del ruolo, gli serve continuità e conoscenza del ruolo. Il ritorno una formalità? No, non lo è. La qualificazione va conquistata anche se abbiamo un vantaggio e ce lo portiamo sul campo. Questo Esbjerg spinge molto sugli esterni, ma questo lo facciamo anche noi e sappiamo che possono lasciare degli spazi in altre zone del campo. Effetti positivi sulla squadra? Vincere aiuta a vincere, questa vittoria ha un buon effetto sulla squadra. Matri? Un gol se lo meritava, anche a lui serve per avere sempre più fiducia. Matos fa bene sui campi pesanti? Ha molta forza fisica e per questo è agevolato. Il campionato? C’è sempre più convinzione, sfrutteremo la spinta che ci ha dato questa vittoria. Italiane in Europa League? E’ una competizione da considerare, perché ti fa crescere come società e squadra. Io e la Fiorentina rispettiamo molto questa competizione e ci piace contribuire ad alzare il Ranking Uefa”.