Montella e i rinforzi: il messaggio è sempre lo stesso

0



Mentre Mario Gomez parla di Champions League come obiettivo della Fiorentina per la prossima stagione, e gli altri confermano che c’è grande voglia di migliorarsi, c’è sempre chi come Vincenzo Montella, col suo stile, non le manda a dire tornando su quel filone che aveva scandito le giornate viola poco dopo la fine del campionato: “L’ossatura c’è, ci sono tanti giovani interessanti, che possono anche dare di più in prospettiva, anche se credo che la squadra debba essere perfezionata come dicono anche i direttori”. Il leit motif è quindi sempre lo stesso, Rossi-Gomez, ok, tra averli e non averli ce ne passa, e già questo basterebbe a far parlare di una Fiorentina più forte, non per lui. Brillante, Basanta, Beleck, Tatarusanu, Bernardeschi, Babacar. Il mercato fin qui fatto dalla Fiorentina non basta a Vincenzo Montella, i rinforzi di spessore che andava chiedendo a fine stagione scorsa sono sempre lì in cima alla lista delle richieste, e forse anche delle ambizioni, dello stesso Vincenzo Montella. “Non voglio decrescere” aveva detto in più circostanze il tecnico viola, e crescere per la Fiorentina, l’anno prossimo, vorrebbe dire centrare almeno il terzo posto o vincere qualcosa tra Coppa Italia ed Europa League.  E Montella è stato chiaro: servono rinforzi. Si attende qualcosa di importante dunque il tecnico viola al quale i dirigenti viola, da Adv in giù, hanno sempre dato rassicurazioni. ‘Sarà un mercato lungo’ disse Pradè qualche settimana fa, col nodo Cuadrado che blocca i movimenti di casa Fiorentina anche se la svolta potrebbe essere vicina. Martedì, infatti, l’agente dell’esterno colombiano, Alessandro Lucci, incontrerà i dirigenti della Fiorentina per fare il punto sul futuro del suo assistito. Andrea Della Valle la sua volontà l’ha già espressa, ovvero quella di volerlo tenere ancora almeno per un altro anno a Firenze, ma non sarà facile. E Montella la sua opinione su una partenza di Cuadrado l’aveva già espressa in maniera sfavorevole, dicendo ‘non ci si rinforza certo con le cessioni’. Ma se non parte Cuadrado i soldi per il mercato importante dove si trovano? La domanda è quindi sempre la stessa. Partire con Rossi-Cuadrado-Gomez sarebbe già una bella svolta, ma non ci sarebbe crescita perché nomi importanti probabilmente non ne arriverebbero, mentre con i soldi di Cuadrado…Ma perderesti Cuadrado. Insomma, il Montella pensiero è un po’ lo stesso del tifoso viola: tenere Cuadrado oltre ad acquisti importanti. Cosa che però, al momento, è di difficile realizzazione, perché una esclude l’altra. Il Montella pensiero è sempre lo stesso, e adesso la palla passa a Pradè e Macia, ma soprattutto ai DV.

Autore: Redazione Fiorentina.it