Montella medita la sorpresa Babacar. Arrivano i Della Valle e vogliono un trofeo

0



Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Vincenzo Montella conosce la pretattica romanista ed ha percepito che la squadra giallorossa potrebbe non essere così disastrata come vogliono far credere da Roma. Rivoluzioni, formazioni nascoste e presunta crisi. D’accordo, gli ultimi risultati della squadra di Garcia parlano piuttosto chiaro, ma sottovalutare la Roma in questo doppio confronto sarebbe un errore madornale. Montella ha quindi messo in guardia squadra ed ambiente. Il gruppo, in ogni caso, non sembra aver bisogno delle reprimende dell’allenatore. La concentrazione è ai massimi livelli e questa volta si ragionerà sul doppio confronto. Niente assalti scriteriati alla porta della Roma, perché come ha detto Joaquin, tra scegliere se fare un gol in più dell’avversario e mantenere la porta inviolata è preferibile scegliere la seconda opzione. Insomma, non subire gol in casa sarebbe un bel viatico in vista del ritorno.

 

Sul fronte formazione le scelte di Montella sembrano poter essere ben delineate. Il rebus riguarda l’attacco. Ed il tecnico gigliato, pur non rivelando alcunché in conferenza stampa, ha fatto capire che potrebbe anche affidarsi a Babacar. Il senegalese si allena in gruppo da due giorni e per Montella non è assolutamente un problema se è rimasto a guardare per una settimana e mezzo. Insomma, Babacar potrebbe essere l’asso nella manica dell’Aeroplanino, anche perché ancora se lo aspettano in pochi nella formazione titolare. Potrebbe essere la sorpresa del pre-partita, con Salah che gioverebbe di una prima punta. Questo si, lo ha ammesso candidamente lo stesso Montella. E’ vero che l’egiziano può giocare ovunque in attacco, ma con un centravanti vero sul quale appoggiarsi si trova maggiormente a proprio agio. Tutto porta quindi a Babacar, con Joaquin che completerebbe il tridente. In porta ci sarà Neto. In difesa nessun dubbio, spazio a Richards, Gonzalo, Basanta ed Alonso. A centrocampo ci sarà Pizarro in cabina di regia, con Borja Valero che dovrebbe tornare dal primo minuto. Il terzo potrebbe essere Aquilani, con Mati Fernandez che è comunque in ballottaggio con il numero 10 e con Borja Valero.

 

Sul fronte societario, raccogliamo la notizia che Diego Della Valle questa mattina dovrebbe far visita alla squadra. Insieme a lui, ovviamente, il fratello Andrea. Il messaggio che porterà la proprietà è già stato fatto filtrare anche dagli altri dirigenti. Nessun dramma per la sconfitta, seppur pesante, di Roma contro la Lazio. Il calo di rendimento poteva essere preventivato, ma adesso la cosa fondamentale è riscattarsi subito. Anche perché, più che puntare al terzo posto (comunque assolutamente gradito per gli introiti economici che ne deriverebbero), la famiglia Della Valle vuole togliersi la soddisfazione di alzare un trofeo. Dopo averlo accarezzato lo scorso anno, quest’anno c’è la voglia (mista a speranza) di poter davvero regalare qualcosa alla città. 

Autore: Alessandro Latini (@LatoAle) – Fiorentina.it