Montella: Penalizzati dagli arbitri. Rossi? Si merita la finale

    0



    Fiorentina-Inter 1-2 Montella 15-02-2014“Vincere da sempre emozioni speciali e non siamo in condizione di scegliere tra campionato, coppa Italia e Europa League perché teniamo moltissimo a tutte le competizioni. E’ vero che si disperdono energie e perdere giocatori come ci sta accadendo. Noi però vogliamo fare bene su tutti i fronti”. Così il tecnico della Fiorentina Vincenzo Montella questa sera ospite al Processo del Lunedì sulla Rai.

    “il gap economico con squadre come Napoli e Roma è evidente ma in passato la Fiorentina è andata bene sia in campioanto che in Europa League arrivando fino alla semifinale – ha detto ancora Montella -. Le critiche per la sconfitta contro l’Inter ci possono stare ma io rifarei le stesse scelte perché Matri e Gomez non erano pronti per giocare dall’inizio”.
    Dallo studio poi gli domandano se sarebbe pronto per allenare l’Italia: “No, no. E’ troppo presto. Io a Firenze sto molto bene, c’è un progetto importante e ho firmato un contratto molto lungo poco tempo fa”. Inevitabile, oggi, la domanda su Matteo Renzi: “Lui è sempre molto presente e vicino alla squadra. Ha grande entusiasmo, adesso gli chiedo di non fare gli errori commessi dai politici come ormai accade da molti anni”.
    Poi sulle prossime sfide in campionato, e probabilmente in Europa, contro la Juventus: “Non credo che quanto stia accadendo tra Diego Della Valle e John Elkann possa avere ripercussioni in campo. Naturalmente ci sarà non mancherà la rivalità tra le tifoserie. Le parole di Elkann? Non credo che i giovani vogliono stare a casa, c’è tanta voglia di lavorare”.
    Sul possibile ritorno di Giuseppe Rossi per la Finale di Coppa Italia: “Adesso nè presto anche per questo. L’importante è che Giuseppe possa tornare quanto prima a giocare. Si meriterebbe di giocare la finale per quanto fatto e dato fino oggi alla squadra. Fiorentina e Napoli calcio più europeo di tutte? Questo non lo so. Credo giochi bene anche la Roma ma anche la Juventus. Ognuno ha la propria fisionomia di gioco. Meglio Napoli o Roma nella finale di Coppa Italia? Difficile dirlo, forse la Roma giocando in casa avrebbe avuto qualche vantaggio in più”.
    Sui torti arbitrali subiti fino a oggi dalla Fiorentina: “A vedere gli episodi è chiaro che siamo stati penalizzati dagli errori degli arbgitri anche se è chiaro che l’errore ci può stare. Ci sono però episodi che si ripetono ed è giusto poter anche dire qualcosa. Paura che finisca come lo scorso anno? Credo di no perché non credo sia voluta. Qualcosa che ci ha penalizzato però c’è stato. Purtroppo gli errori ci saranno ancora e noi dovremo accettarli. Sulla moviola in campo sono d’accordo con Nicchi perchè chissà quante volte sarebbe usata e per cosa sarebbe usata. Si rischierebbe un uso eccessivo. Domenica il gol in fuorigioco e la scarpata su Ilicic in area dell’Inter non l’avevo vista perché dalla panchina si vede male. A fine gara però, essendo anche allenatore, verso i tifosi avevo il dovere e la responsabilità  di dire le cose che ho detto. Gli ho detto cosa non coondividevo come anche la gestione dei cartellini. Poi alla fine accetto le decisioni finali ma con estrema serenità è giusto dire certe cose. L’inter nel primo tempo ha meritato e forse poteva avere un vantaggio maggiore ma nella ripresa c’è stata la Fiorentina e abbiamo subito gol nel nostro momento migliore. Purtroppo poi non abbiamo più avuto la forza di reagire”.

    Finale con battuta sulla sfida contro la Juventus in campionato e probabilmente in Europa League. A chi gli ricodava che dopo il ko di  Firenze  per 4-2 la Juventus non ha più perso, Montella si è augurato sorridendo: “Visto che non hanno più perso dopo essere usciti sconfitti da Firenze e quella gara gli ha dato nuova energia gli auguriamo che gli capiti la stessa cosa per le prossime sfide