Montella: Udinese ostica. Io al Milan? Non scherziamo. Matri…

    0



    juventus montellaConferenza stampa di mister Vincenzo Montella, dalla sala stampa Manuela Righini dello stadio Franchi, alla vigilia della gara contro l’Udinese.

    Punto della situazione sugli infortunati? Settimana andata bene, anche se nel frattempo si è fermato qualche giocatore. C’è da valutare le condizioni di Borja e Mati, Wolski e Pasqual si sono allenati… Mi auguro possano far parte della partita, verifichiamo oggi.

    Pile cariche? Questo lo determinano le partite e gli allenamenti, per quanto riguarda le mie valutazioni. Primo obiettivo è recuperare tutti i giocatori fisicamente e soprattutto mentalmente. Abbiamo queste partite per valutare tutto ciò. Sappiamo che i risultati portano entusiasmo e tranquillità per esprimersi al meglio…

    L’Udinese? Ci siamo incontrati tante volte, è una squadra mixata bene. Ci sono giovani di talento e vecchietti di grande affidabilità, è una squadra ostica in generale, ancora di più per noi perché hanno giocatori che ci possono mettere in difficoltà con velocità e ripartenze.

    Matri in campo? Lo vedrete domani… E’ un momento particolare, sto facendo tante valutazioni, voglio vedere l’ultimo allenamento e forse non mi basterà. La cosa positiva è che ho tante possibilità domani per giocare in un determinato modo o in un altro…

    Troppi moduli? Siamo una squadra nata in un certo modo, con giocatori con caratteristiche diverse. Col 3-5-2 difficilmente uno come Cuadrado si può sostituire a destra, non abbiamo doppioni e per mettere nelle migliori condizioni un giocatore ho l’obbligo di cambiare modulo e la cosa non mi piace molto.

    La difesa a quattro? Una squadra deve avere un modulo che possa esaltare le caratteristiche dei giocatori. 

    Rossi? E’ avanti rispetto alla tabella di marcia, ma non credo che siamo vicini al rientro. E’ bello vederlo così, ma un conto è fare cambio di direzione a comando un conto quando lo devi fare senza segnali..

    Pizarro? Faccio l’allenatore e devo fare questo: se sta bene gioca. Il resto dipende dalle valutazioni della società, se hanno voglia di ascoltare l’allenatore oppure no…

    Muriel? Il discorso di prima sull’Udinese è proprio su questo: gli manca un vecchietto di sicura affidabilità ed hanno un giocatore giovane che può mettere in difficoltà qualunque difesa. Udinese pericolosa perché dispone di questa alternanza…

    Problema del gol? Rispetto al nostro standard assolutamente sì, ideale sarebbe segnare tanto e subire poco. Se non ci riusciamo un problema c’è, siamo riusciti a non prendere gol domenica scorsa e già questa è una notizia. Spesso queste partite vengono risolte da un episodio, non creiamo poche occasioni e nemmeno tante come in passato… Spesso basterebbe una zampata per sbloccare la partita.

    L’Europa? Il nostro obiettivo adesso è quello di trovare un po’ di brillantezza mentale e tutto questo facendo punti perché vogliamo andare avanti in campionato, con un occhio ad una partita importante a cui pensiamo tutti. QUeste gare mi servono per capire come giocare la finale in base a quello che mi fanno vedere i giocatori fisicamente e mentalmente.

    Rendimento peggiore solo per infortuni Rossi-Gomez? Devo dire la verità, è un pensiero a cui non penso quello di sapere dove saremmo stati senza i loro infortuni. Mi piacerebbe saperlo l’anno prossimo, viverlo l’anno prossimo. Vivono bene insieme, sono calciatori che ti possono indirizzare la partita in un modo o nell’altro. Non mi vorrei rifugiare dietro a loro due, ma sono due giocatori che mancano…

    Cuadrado sul mercato? Lo faccio crescere solo per la Fiorentina. Per la squadra devo sfruttarlo adesso e pensare che ci sia l’anno prossimo. Frustazione o logica? Se vuoi vincere una frustazione, se hai altri obiettivi può essere anche un divertimento. Dipende dagli obiettivi…

    Premi per i giocatori del Napoli? Sono cose normali, per dare un segnale alla squadra… Per avere il massimo impegno fino alla fine.

    Io in rotta con la società e Spalletti qua? Non scherziamo, parliamo di cose reali…