Montella, ultimatum alla squadra. Ed a se stesso

    0



    Montella conferenza NapoliMONTELLA si è preso le responsabilità, com’è giusto che un allenatore faccia quando i colpevoli sono troppi. Ha perfino ammesso che per la prima volta non si è riconosciuto nell’atteggiamento della squadra. Ha aggiunto che da qui in poi dovrà capire su chi potrà fare affidamento. L’ultima frase è la più classifica da titolo: ultimatum per il gruppo. Avendo ascoltato direttamente Montella, il tono non è stato proprio questo. La sfumatura della voce era più morbida: più autocritico nei confronti di se stesso che accusatore nei confronti degli altri, l’allenatore viola ha messo in evidenza soprattutto i limiti mentali dei giocatori che lui stesso non è riuscito a ri-motivare dopo la Juve. Non tutti i giocatori, alcuni. L’impressione è che Montella sappia benissimo di chi si tratta, ma in ogni caso la responsabilità di farli giocare è stata sua.

    LA FIORENTINA si è presentata in condizioni irriconoscibili contro la Juve e contro il Napoli, due partite fondamentali in coppa Italia e campionato nel momento in cui vincere rappresenta un marchio definitivo di crescita e non solo un modo per ricevere gli applausi: se i grandi allenatori sono solo quelli che vincono un trofeo e non quelli che fanno giocare bene la squadra in partite che non contano, o contano meno, il salto di qualità che Montella dovrà fare è evidente. Lui è ovviamente il primo a saperlo. Il terzo anno alla guida della Fiorentina sembrava davvero il migliore per aggiungere questo tipo di qualità al proprio curriculum in panchina: eppure in meno di una settimana i fronti per vincere qualcosa (il terzo posto in campionato sarebbe equivalso alla possibilità di giocarsi i 40 milioni della Champions, comunque un grande successo) si sono nettamente ridotti. L’Europa League era la strada più complicata e ora resta l’unica possibile. Fra parentesi la vittoria della coppa minore’ vale anche l’accesso diretto ai gironi Champions: e questo davvero sarebbe un bel modo di aggiungere qualità al proprio curriculum.