Muriel-Piatek, dai gol a grappoli alla ‘crisi’. Sfida per il riscatto

11



Astinenza prolungata in campionato per il colombiano ed il polacco, dopo gli impatti devastanti a gennaio.

Sono stati i due acquisti top del mercato di gennaio. Quelli che hanno fatto svoltare i reparti offensivi di Fiorentina e Milan. Luis Muriel e Krzysztof Piatek, gol a grappoli, baci e colpi di pistola per l’immediato rilancio di viola e rossoneri. Cannonieri… adesso un po’ in crisi. Astinenza da gol, attacchi in sofferenza per Montella e Gattuso. Due gol fatti dalla Fiorentina nelle ultime 6 uscite, tre segnati nelle ultime 5 gare per il Milan. E adesso il riscatto passa proprio dalle due rivelazioni d’inverno.

BACI E ASTINENZA. L’impatto di Muriel sul mondo viola è stato subito evidente e devastante. 6 gol in 16 partite di campionato, 3 gol (più 2 assist) in 4 partite di Coppa Italia. Ma anche il colombiano è stato assorbito dalla clamorosa involuzione della Fiorentina. Giocate a sprazzi, gol che non arrivano da un po’. L’ultima rete in campionato di Muriel è arrivata il 10 marzo contro la Lazio, due mesi e otto partite fa. Ha segnato il gol della speranza a Bergamo in Coppa Italia, e spesso è comunque tra i più incisivi dei suoi (come ad Empoli). Ma senza le sue reti, la Fiorentina sta facendo grande fatica.

FLESSIONE. Cammino simile per Piatek al Milan. Dopo i 19 gol in 21 gare tra campionato e Coppa al Genoa, il passaggio in rossonero a gennaio per 35 milioni: subito la doppietta al Napoli in Coppa Italia, primi dei 10 gol segnati a raffica in maglia rossonera. Una rete dopo l’altra, considerato un vero ‘fenomeno’ il pistolero di Gattuso. Nelle ultime gare però… polveri bagnate per il polacco. E poche occasioni. Solo due tiri nello specchio della porta negli ultimi 292 minuti di campionato, e gol che non arriva da sei partite tra Serie A e Coppa Italia (ultimo gol un mese fa alla Juve). Un’astinenza di 433 minuti che ha estromesso il Milan dalla Coppa e allontanato i rossoneri dalla Champions.

RISCATTO. Un calo e una crisi di gol che a Milano sta preoccupando Gattuso e i tifosi. A Firenze, invece, si cerca soprattutto una reazione al periodo nerissimo con una matematica salvezza che potrà portare a pensare finalmente al futuro. Un futuro che dovrebbe basarsi sul riscatto di Muriel. Quindici milioni da girare al Siviglia dopo il prestito oneroso sancito a gennaio, cifra che pareva irrisoria dopo gli 8 gol e 2 assist nelle prime 11 gare del colombiano in maglia viola. Con giocate da Fenomeno e un ruolo da protagonista. Ora l’astinenza da gol in campionato è arrivata a 623 minuti, e qualche riflessione in più è in corso. Anche su indicazione precisa di Montella, che ben conosce Muriel avendolo allenato alla Samp e al Siviglia. E che avrà un ruolo centrale per la costruzione della Fiorentina che verrà. Un riscatto che passa anche dalle ultime partite di campionato. E dalla sfida a distanza con Piatek. Per interrompere il digiuno e tornare a mandare baci ai tifosi viola.

11
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
AntonioViola
Ospite
AntonioViola

Tranquilli, questa sera uno dei due si sblocca. Ovviamente, Piatek…

Giuseppe
Ospite
Giuseppe

Questi sono casi esemplari di quanto valgono le motivazioni nella gestione di una squadra.
Un buon giocatore demotivato rende come uno scarso.
Un giocatore scarso diventa inguardabile.
Purtroppo la nostra Viola ha solo giocatori medio/scarsi in un contesto “allo sbando” ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti!
Lo dico con immenso dolore, ma è una verità innegabile.
Forza Viola a prescindere.

Inoki Antonio
Ospite
Inoki Antonio

Sembra quasi ci sai un’orda di giornalisti strisciati che voglia che Muriel non sia preso dalla Fiorentina per poter accasarsi in una milanese.. .Ma ci hanno preso tutti per scemi!??!

walter
Ospite
walter

CRISI!??!?!??!….MA SE HANNO UNA MEDIA DI UN GOL OGNI DUE PARTITE!??!………..MARCO PECORINI………MMMMMMH….CHI E’ COSTUI?!…..

MAURO
Ospite
MAURO

QUESTO ARTICOLO E’ UNA COMICA !

REM
Ospite
REM

E ti pareva due mesi fa fenomeni ora messi in dubbio…Mi chiedo ma i giornalisti ci sono o ci fanno? Facile cosí .. addirittura cambiare giudizio in due mesi..
Un brocco puó migliore ma uno bravo peggiorare no..salvo non degeneri fisicamente

Xan
Ospite
Xan

A me Muriel non piace,ne è mai piaciuto…è come moltissimi sudamericani o devastante o nullo da farti innervosire! Sono giocatori che sentono molto l’ambiente e gli stimoli e se entrano “in depressione”…ciao, non riesci a smuoverli per nessun motivo!
Va detto e sottolineato che con 15mln non trovi niente di meglio di Muriel e piuttosto che buttarli per l’ennesima “corvinata” preferisco tenermi stretto il colombiano e iniziare ad imparare la cumbia pur di farlo contento!

Inoki Antonio
Ospite
Inoki Antonio

Torna im Cina

indiviainvidia
Ospite
indiviainvidia

ne fa tre domenica ai bilanisti e i fratellini fanno il bonifico al volo agli spagnoli, scommettiamo?

MARCO
Ospite
MARCO

NON RISCATTARE PLEASE!!

Sugosa Plusvalenza
Ospite
Sugosa Plusvalenza

Tranquillo Piąntek, ci si pensa noi!

Articolo precedenteChiesa, il piano di Paratici per portarlo alla Juventus
Articolo successivoSimeone, un futuro tutto da decidere: Montella ha chiesto un attaccante diverso
CONDIVIDI