Muriel torna dal 1′: caccia al gol per salvezza e riscatto. Col Genoa come un derby

4



Il colombiano non segna in campionato da marzo: cerca il 10° gol in maglia viola, per guadagnarsi anche il riscatto. Già 4 reti segnate al Grifone.

Obiettivo vittoria e salvezza nella sfida decisiva contro il Genoa. Per riuscirci sarà fondamentale per la Fiorentina ritrovare il gol che manca da troppo tempo. Tra i più attesi fra gli attaccanti c’è Luis Muriel il cui arrivo, a gennaio, aveva dato la scossa necessaria alla squadra per rimettersi all’inseguimento di un posto in Europa. 9 reti finora complessivamente realizzate, l’ultima in campionato risale al 10 marzo con la Lazio (1-1). Così scrive Tuttosport.

GOL E RISCATTO. L’attaccante colombiano, destinato a tornare titolare dopo l’iniziale esclusione domenica scorsa a Parma, ha una voglia matta di chiudere lasciando il segno, sperando che ciò gli faccia anche guadagnare la riconferma, che fino a qualche mese fa era data per certa (nonostante la cifra di 13 milioni che la Fiorentina dovrebbe sborsare a giugno al Siviglia per il riscatto), ma che adesso non lo è più, complici il rendimento faticoso delle ultime gare e l’arrivo di Montella, con il quale il feeling già ai tempi di Samp e Siviglia non è mai davvero decollato.

COME UN DERBY. Eppure mai come domenica il tecnico campano avrà bisogno pure dei gol e delle giocate di Muriel. Un ex doriano che ha già segnato 4 volte in carriera al Genoa, le ultime nei derby della Lanterna della stagione 2016-17, entrambi vinti proprio grazie alle sue reti. E ogni volta che il colombiano ha trafitto il Genoa, sia con la maglia dell’Udinese che con quella della Samp, non ha mai perso. Un segnale beneaugurante.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Ponzio
Tifoso
ponzio

meglio affidarsi a Muriel che a Simeone e Chiesa che ormai non segnano da una vita. Muriel quando tira ha il buon gusto di inquadrare sempre la porta, gli altri due tirano fuori o addosso al portiere.

Matteo bg
Ospite
Matteo bg

Sto soffrendo come un cane malato ( come del resto tutti i fratelli viola )
Ma di fronte a tutto sto casino , mi chiedo:
– ma i della valle , gestiscono così pure le altre loro aziende??
Se così fosse , nn capisco come abbiano fatto a farsi ad arricchirsi 🤷‍♂️

Ricorbolo
Ospite
Ricorbolo

T’ha ragione, ma ricorda che una squadra di calcio non è un’azienda in senso stretto. E questo di DV non l’hanno mai capito.

marco mugello
Ospite
marco mugello

Tutti segnamai, ora….però non si mette Vlahovic che è un segnasempre, un goal a partita, tutti tiri imparabili, controllare, prego! Dice qualcuno che non ha segnato in A… si vede che la porta della primavera è larga undici metri e alta tre, e c’è un solo portiere, mentre in A ce ne stanno due….. nella Juve Kean, stessa età, stesso rendimento in Primavera e in Under, è contitolare fra campioni da 100 milioni…

Articolo precedenteLa maschera, la rabbia e quella fascia di Davide: i viola si aggrappano a Pezzella
Articolo successivoInter-Chiesa, intreccio Champions-salvezza per il futuro. E Conte aspetta
CONDIVIDI