Napoli-Fiorentina, l’Album dei Ricordi: dal 2-5 targato Bati alla rete storica di Baggio

3



I 79 precedenti al San Paolo, 70 in campionato e 9 in Coppa Italia dicono 37 vittorie del Napoli 25 pareggi e 17 vittorie della Fiorentina. L’ultima gioia viola è targata Joaquin, mentre l’anno scorso fu 0-0, con qualche rimpianto per diverse occasioni sprecate in un momento in cui la squadra di Sarri non girava a mille. Un ricordo del San Paolo è anche il ko 2-1 in una delle gare più belle del campionato di Sousa, con gol di Kalinic su assist di Ilicic strappa applausi:

L’ultima gioia, come detto, targata Joaquin che nel 2013-14 regalò ai viola la vittoria al San Paolo:

L’ultima vittoria viola al San Paolo prima di quella del 2013-14 risaliva al 2009-10.  La Fiorentina vince 1-3 al San Paolo con le reti di Gilardino e doppio Jovetic.

Vittoria, quella che mancava a Napoli dal 1995-96. 0-2, con autorete di Tarantino e gol di Orlando.

Goleada storica quella del 1994-95. È il 20 novembre 1994 (2-5),  la Fiorentina di Claudio Ranieri vola, ed alla decima giornata di campionato, quando vola a Napoli, ha già ottenuto 5 vittorie, 3 pareggi, ed una sola sconfitta. Ma è soprattutto l’anno di Batigol, che contro i partenopei, andrà a segno per la decima giornata consecutiva, che diventerà record a quella successiva, all’undicesima nel 2-2 del Franchi contro la Sampdoria. Con la doppietta di Napoli, quasi tripletta vista la deviazione di un giovane Cannavaro, Batigol sale a 12 gol in 10 partite. Concluderà l’annata a quota 26 reti.

Stagione 89-90. Il Divin Codino parte dalla propria tre quarti andando via in velocità ad un avversario, ne evita un altro, un altro ancora, salta anche il portiere e la mette dentro. Uno dei gol più belli che Firenze, ed il mondo del calcio in genere, abbiano mai conosciuto. Il San Paolo applaude la prodezza di Robi Baggio, anche se la Fiorentina, perderà quella partita 3-2.

Stagione 1986-87, Napoli-Fiorentina 1-1. Al San Paolo, arriva il primo gol in maglia viola proprio di Roberto Baggio su quella che poi diventerà la sua arma più letale, il calcio di punizione. Il Napoli, quel giorno festeggiò il suo primo scudetto.

Stagione 81-82, quella del “Meglio Secondi che Ladri”, quando la Fiorentina espugnava Napoli grazie ad Antognoni, restando così fino alla fine in lotta per lo scudetto.

Il ricordo più amaro è quello della finale dell’Olimpico di Coppa Italia. Una finale maledetta tra Genny ‘a Carogna, Ciro Esposito ed un primo tempo inesistente della squadra di Montella: ko all’Olimpico con reti di Insigne (2), Mertens e Vargas per il momentaneo 1-2.

Degni di menzione il 3-3 del Franchi, con pareggio su rigore al 93° di Gabbiadini dopo la doppietta di Bernardeschi e lo stupendo gol di Zarate:

Ed il 3-0 dello scorso anno con Simeone Show:

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Gianni
Member
Gianni

Che bei ricordi quel 2-5 … con Bati che prima di partire per Napoli si disse dispiaciuto che nel caso avesse segnato non poteva festeggiare il record con i tifosi. La sera a Peretola eravamo davvero tanti ad aspettare la squadra ma soprattutto Lui… c’era chi aveva portato anche la bandierina del calcio d’angolo…

Simon mago
Ospite
Simon mago

Senza treni alta velocità, ma con il pulman del ccvc, partimmo alle 5 del mattino, x vedere il 5:2 del 1996……allora ero un ragazzo di 25, che sognava di vincere qualcosa…..oggi non è più così. E non x colpa dei della valle, ma solo xké, il calcio è un business, e fa schifo. Punto. La seguo solo xké la amo, senza se e senza ma……

AndreA
Ospite
AndreA

peccato che la clip di youtube sul gol di Antonio dell’82 non abbia l’audio di Sandro Ciotti che interrompe Ameri… indimenticabile ancora quaranta anni dopo o quasi. E anche uino dei gol più belli del Capitano in tutta la sua carriera

Articolo precedenteSimeone: “Vogliamo fare meglio dello scorso anno. Pjaca? Tecnicamente fa paura”
Articolo successivoNapoli, i convocati di Ancelotti: out Ghoulam e Meret, Zielinski ce la fa
CONDIVIDI