Nel momento peggiore vs nel momento migliore. E se non fosse tutto già scritto?

7



Un mesetto fa, pensare ad una Fiorentina in grado di uscire con punti dal San Paolo, era esercizio di ardua immaginazione. La fiducia non era certo ai massimi a Firenze. Ed il Napoli macinava reti e punti. Ma i campionati e le stagioni sono fatte di momenti. E questo rischia di poter essere uno di quelli in cui gerarchie e valori passano in secondo piano per lasciare spazio a contingenze varie.

La Fiorentina che Domenica si presenterà al San Paolo è in forma, ha ritrovato entusiasmo e qualche sicurezza in più. Di squadra, come 5 i punti ottenuti nelle ultime 3 gare, uno sguardo ritrovato sull’Europa, maggiore solidità difensiva dimostrata anche all’Olimpico, e maggiore intesa davanti. Ed anche nei singoli, come l’ascesa di Chiesa, un Thereau tornato in piena forma, ed un Cholito tornato al gol e gasato a mille. Timori reverenziali, dopo le botte d’autostima arrivate negli ultimi giorni, possono dunque esser messi da parte in casa viola.  Dall’altra parte ci sarà il Napoli di Sarri che un mese fa aveva certezze. Di squadra, visto che  segnava a raffica grazie ai soliti movimenti perfetti in fase offensiva, schiantava un avversario dietro l’altro e sognava ad occhi aperti. Ed anche nei singoli visto che Martens incantava trasformando in oro ogni pallone ed Insigne illuminava Fuorigrotta. Ma la combo ko con la Juventus – eliminazione dalla Champions potrebbe rompere il giocattolo napoletano.

Se non del tutto, quantomeno far incrinare qualcosa in meccanismi e convinzione dei propri mezzi. E se non fosse, dunque, tutto già scritto? Anzi. Mai come in questa occasione la Fiorentina ha la grande chance di poter fare risultato. Certo il Napoli avrà una rabbia interiore fortissima, ed al San Paolo saranno in 50mila. Ma il Napoli sa benissimo che a questo giro non può più sbagliare. La pressione sarà tutta sulla squadra di Sarri. La leggerezza tutta su quella di Pioli.

La mission, è un pò meno impossible. Crederci, per la Fiorentina, in questo momento quanto mai, potrebbe portare ad una solida realtà piuttosto che esser destinata a rimanere solamente un sogno.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
TonyMac
Ospite
Member

Un mese fa avrei firmato per il pareggio, ma allo stato attuale delle cose no.

1_cliente
Ospite
Member

ma che razza di discorsi….. momento migliore, momento peggiore…….ma guardate la classifica!
Il Napoli ha 17 (DICIASETTE) punti in più della Fiorentina dopo solo 15 giornate…… !!!

Con le ultime 4 (Benevento, Verona, Spal e Sassuolo) la Fiorentina ha fatto ben 10 punti, praticamente metà dei 21 che ha.
Con le prime 6, di cui fa parte il Napoli, ha fatto finora 1 punto (Lazio) perdendo con Inter, Juve, Roma e Samp……

Domenico, Roma
Ospite
Member

Anche prima di Crotone eravamo “nel nostro momento migliore”. E sappiamo tutti com’è andata. Suvvia, non scherziamo, domenica andrem0 ad affrontare sul suo campo una squadra tra le 2/3 più forti in assoluto del campionato. e che ha ben 17 punti in classifica più di noi. Tra l’altro il Napoli proviene da due sconfitte consecutive e sputerà fuoco e fiamme per vincere. Non c’è da essere ottimisti per niente. Ma si sa com’è il calcio, quindi, a prescindere da tutti questi ragionamenti ineccepibili, lasciamo aperto uno spiraglio alla speranza, alla possibilità che al San Paolo possa accadere qualcosa di clamoroso (anche un pareggio lo sarebbe)…

Simoneleroi
Ospite
Member

metterei la firma per un pari… darebbe molto morale,,,

io me
Ospite
Member

andrebbe bene anche una partita giocata bene e una sconfitta onorevole, di misura.
L’importante per il morale é non sbracare e farsi prendere a pallonate dai’ nnapoli

Forza viola!

Sinapsilondon
Ospite
Member

Pareggio a napoli buttiamo fuori la zampe vittoria col grifo GRAT GRAT E BUON CAMPIONATO E NATALE A TUTTI FORZA VIOLA

joretti
Ospite
Member

Se Pioli si giocasse bene la difesa ed i centrocampista di contenimento, qualcosa di buono potrebbe anche venir fuori.

wpDiscuz
Articolo precedentePioli testa la difesa a 3, ma al San Paolo l’obiettivo è imitare… la Juve
Articolo successivoDifesa viola in crescita, ma il Napoli ha un attacco stellare. Mertens pericolo n°1
CONDIVIDI