Nella Fiorentina l’aria è cambiata, ritorno alla luce tra orgogli e sorrisi

Di Benedetto Ferrara - La Repubblica

16



Come riporta Benedetto Ferrara su La Repubblica, Già. I tifosi, i tamburi, i cori. Anche qui, forti di un gemellaggio storico, le bandiere viola hanno colorato buona parte della curva. Firenze inizia ad amare questa squadra che ancora deve dimostrare tutto ma ha la forza di volontà cucita addosso. Questa partita è il frutto soprattutto del lavoro che Pioli ha fatto durante la lunga sosta vissuta a quota zero.
Niente stress, niente musi lunghi. L’arte della motivazione viene fuori in momento come questi, nella costruzione dell’autostima di un gruppo che ha voglia di dimostrare qualcosa, pur consapevole dei propri limiti.
Intanto la squadra ha preso subito in mano la partita, chiudendola di fatto dopo dieci minuti. Il resto è stato un lungo divertimento in scioltezza, una partita dove ogni tifoso ha potuto godere nello scoprire i personaggi di questa squadra.
Il muro Pezzella, e Gaspar, che vola in attacco e non lo fermi e poi svolazza dietro alla ricerca del difensore che è in lui ma che non sempre riesce a trovare. E poi quel meraviglioso folle di Veretout, che si sbatte qua e là e poi tira fuori una punizione da urlo. E Benassi, il vero oggetto misterioso nato da un buffissimo equivoco. Lui che a Torino l’hanno venduto in quanto non adatto al 4-2-3-1, che viene a Firenze per ritrovare lo stesso modulo. Come fare? Beh, a ventitré anni, anche se sei un interno da 4-3-3, ci sta che tu possa spostarti qualche metro avanti e inventarti un ruolo che Sousa avrebbe definito basculante.
Già. Benassi quasi un todocampista, un giocatore che crea equilibrio nella geometria complessiva della squadra. Qui a Verona il ragazzo è uscito dal limbo di quelle incertezze mostrate nelle prime due uscite in campionato. Ok, era il Verona, questo Verona, però Benassi ha dato il suo contributo su tutti i primi tre gol, quelli che dopo poco più di venti minuti avevano asfaltato l’allegra brigata di Pecchia.
Insomma, niente da dire, la Fiorentina si è tolta dal ground zero della classifica, e lo ha fatto portandosi dietro i suoi tifosi, usciti sfiniti da un anno sbagliato da tutti, un anno senza motivazioni e senza gioia, mesi e mesi che hanno tolto di mezzo il calcio dai discorsi e dalle discussioni lasciando spazio a un torneo tutto nostro, fatto di fischi, fischi ai fischi, comunicati surreali e domande senza risposta.
Il tutto mentre la società ripartiva su una strada diversa, dal punto di vista tecnico tutta da decrifrare. Questa vittoria a Verona non dice chi avesse ragione, ma racconta che però c’è un clima che è cambiato, i tifosi hanno fatto un passo per ritrovare la loro identità più vera, la società ha capito che forse uomini come Antognoni e Salica avevano più di altri, chi per carisma e chi per umanità, la capacità di dialogare con la gente. Soffiano in casa Fiorentina che venerdì Andrea Della Valle tornerà a Firenze e dirà la sua. Beh, che venga o no resta il fatto che l’aria è cambiata e che c’è un nuovo entusiasmo. Quello che serviva per far sbocciare un sorriso e provare a dare un senso a questa stagione.

16
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Grandeviola
Tifoso
Grandeviola

Moralizzatore bagnolesi e soci il punto è sempre quello per vendere ci deve essere qualcuno che che compra e sicccome nn ce ne sono smettetela perché non c’è alternativa e se ci fosse con i tempi che corrono potrebbe non essere migliore . Ogni il cervello andrebbe usato.

Bagnolesi Giovanni
Ospite
Bagnolesi Giovanni

Per me se ne puo’ stare tranquillamente a casa sua con il fratello maggiore. Il mio rapporto personale con questa proprieta’ non esiste piu’. Prima ve ne andate e meglio si sta tutti ma siccome in ballo ci sono interessi di una certa importanza dubito di vedere soddisfatto il mio desiderio.

Cladio
Ospite
Cladio

Per me se confermeremo gioco e risultati sarà una grande rivincita della società e della proprietà sull’accozzaglia ignorante e becera dei tovagliolai che hanno obbligato i dv a star lontano da firenze e non hanno permesso loro di venire a vedere la squadra che hanno finanziato raccogliendola dal fallimento.quaslcuno vuole dimenticarlo,?

Tresantiviola
Ospite
Tresantiviola

Dice torna ADV ,bene ma a fare cosa a dire che il prima possibile appena arriverà l’offerta giusta vendono puo andare anche bene, o a dire che ripartiranno con investimenti seri certamente in certi limiti ma per riportare la Fiorentina a livelli che le competono come EL ,molto bene,se poi invece torna per fare insoliti discorsi imbonitori che poi lasciano il tempo che trovano e continuando con questo rigido autofinanziamento vendendo i migliori o uno di questi ad ogni sessione di mercato ,per cui se viene per fare quest’ultima tipologia di discorsi forse farebbe meglio a non venire non servono… Leggi altro »

il moralizzatore
Ospite
il moralizzatore

chi critica l’operato societario è per prima cosa tifoso viola per cui questa caccia agli antidellavalliani post Verona non ha senso..
Non saranno 1 , 10, 20 vittorie a modificare delle concezioni su persone e fatti.

Paride
Ospite
Paride

Dalla Gazzetta.
“La terza giornata di Serie A ha laureato la Fiorentina come squadra da corsa con una prestazione che supera i 113 chilometri complessivi. Alle sue spalle il Milan e poi Lazio Inter e Udinese che si confermano nelle prime tre posizioni della classifica generale”
113,221 Fiorentina
112,505 Milan
111,669 Lazio
109,763 Inter
109,628 Udinese
109,409 H.Verona
107,808 Sassuolo
107,537 Bologna
107,163 Napoli
107,117 Benevento
106,953 Atalanta
106,123 Crotone
106,064 Cagliari
105,793 Chievo
105,342 SPAL
104,990 Torino
103,836 Juventus
102,412 Genoa

Luniko
Ospite
Luniko

Non mi esalto per la vittoria di Verona contro una squadra allo sbando, mi piace però lo spirito, l’entusiasmo, la voglia di questa giovane squadra. Mi piace l’unità di intenti (l’abbraccio tra Chiesa e Pioli segnale fortissimo), mi piace la evidente “fame” di alcuni giocatori (Simeone e Therau in primis). veretout è un signor giocatore, Simeone crescerà, Therau una garanzia di doppia cifra, Badelj un giocatore di levatura, Benassi non può che migliorare, Chiesa un fuoriclasse “in nuce”, Gil Dias una piacevole sorpresa. Qualche falla in difesa (troppo lenti i centrali, scarsi i laterali bassi, insicuro il portiere), e qualche… Leggi altro »

Renato
Ospite
Renato

Andrea Della Valle che ritorni pure, benvenuto, ma che non faccia il risentito o il nervosetto. Ricominciamo da capo ma che non pretenda le scuse. Anzi.

Nello
Ospite
Nello

L’aria sarà anche cambiata ma il countdown ancora no! Dove sono i secondi?

Abelardo
Ospite
Abelardo

Ora capisco perché lo stadio di Verona si chiama Bentegodi !

gianni usa
Ospite
gianni usa

Son contento della vittoria e del fatto che se si continua cosi’ si dimostrera’ che tante mie critiche erano sbagliate.Dall’altro lato pero’ non ci eccitiamo tanto per la vittoria contro una squadra che squadra non lo e’.Se no ci sara’ continuita’ si ritornera’ al punto di partenza.Siamo stati in situazioni come questa decine di volte,si passa dall’euforia di una vittoria all’abbattimento di una sconfitta,proprio come una squadra da meta’ classifica.

Tiek
Tifoso
tiek

Speriamo meta’ classifica!

FoFa
Tifoso
FoFa

Ti ricordo che l.’Inter fa festa per aver battuto la Spal. La Juve sembrava temesse il “fortissimo Chievo”. Il Torino ha battuto il Benevento dopo 4 minuti di recupero. Quindi non si capisce perchè noi non dovremmo dirci soddisfatti..

Girolamo Savonarola
Ospite
Girolamo Savonarola

giannino,forse hai perso un po la verve per via di Irma….e avresti avuto ragione se si fosse vinot 0-1 o 1-3 etc. solamente

ma se un tifoso non si puo’ eccitare per una vittoria fuori casa per 0-5, subendo ZERO…non siamo diventati tutti commercialisti, presidenti o simpatizzanti!
Il verona valeva poco? o siamo stati noi a distruggere il suo gioco?
IGli abbiamo fatto la manita, e se gliene facevamo altri 3, non avremmo rubato niente….
senno non siamo piu tifosi ma turisti simpatizzanti!

ALE
Ospite
ALE

Soltanto e sempre FORZA VIOLA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Canterbury
Tifoso
Canterbury

Finalmente ho visto un centravanti che è lì dove dovrebbe essere e insacca sulla respinta del portiere e un centrocampista vero che segna i goal. E questo non mi sembra poco.

Articolo precedenteSimeone e compagni, un mercato da rinascimento
Articolo successivoRizzoli: “Var? Serve maggiore rapidità”
CONDIVIDI