Nella notte più pazza non basta Veretout, Europa più lontana

Di Matteo Dovellini - La Repubblica Firenze

10



Come riporta La Repubblica Firenze, di certo chi ha scelto di andare allo stadio ieri sera non si è annoiato. Anche se alla fine la Fiorentina è uscita con una sconfitta (3-4) che brucia e la allontana dall’Europa. A fine primo tempo si contavano un’espulsione per parte (Sportiello e Murgia), quattro reti, Inzaghi allontanato per proteste e il sudore di Damato, che ha avuto il suo bel da fare tra i replay del Var, le proteste da parte di tutti e alcune situazioni che sicuramente faranno discutere.

E che hanno portato all’espulsione del tecnico laziale, che anche alla gara d’andata (calcio di rigore assegnato col Var e realizzato da Babacar) si innervosì e non poco. Ci sono episodi che segnano una gara. E poi ci sono quelle sliding doors che possono raccontare le mille ipotesi all’interno di una sfida. Della serie: cosa sarebbe potuto accadere se. Appunto, quei “se” grandi così che segnano una svolta nel destino del match. Come quando dopo soli sei minuti Sportiello non si capisce col compagno Pezzella, esce dalla sua area e respinge con le mani il tentativo di cross di Immobile. Nessun dubbio, espulsione diretta per il portiere viola e Pioli costretto a togliere dal campo Eysseric per inserire il 97’ Dragowski che si prende gli applausi di incoraggiamento e pochi minuti dopo anche la Lazio rimane in dieci uomini per l’espulsione (anche qui diretta) di Murgia per atterramento di Chiesa lanciato a rete proprio da Dragowski direttamente dal rinvio coi piedi.

Il Var conferma e sul calcio di punizione assegnato al limite Veretout disegna una parabola perfetta di interno piede. Quella che apre le danze dei gol. Ma le sliding doors non sono terminate, anzi. Perché da una parte Milenkovic salva su Immobile a botta sicura e poco dopo Biraghi viene steso in area da Luiz Felipe. Ancora una volta Veretout non sbaglia e dal dischetto spiazza Strakosha. Tutto finito? Macché. Nei sei minuti che segnano la fine del primo tempo la Lazio riapre e agguanta una partita fino a quel momento ben interpretata dai viola. Prima la punizione di Luis Alberto, che sorprende Dragowski. Poi la papera del portiere polacco, che sul colpo di testa di Caceres direttamente da calcio d’angolo trova l’opposizione goffa del sostituto di Sportiello. Quella che poteva essere la sua gara, insomma, si trasforma in un incubo. Almeno fino a quando Veretout a inizio secondo tempo decide che una partita del genere avesse bisogno di una sua terza perla, stavolta su azione.

Il francese, 25 anni e un mondiale under 20 alzato al cielo, ruba un pallone morto al limite dell’area, salta secco Luiz Felipe (che serataccia la sua) e di sinistro firma una tripletta memorabile. Il suo ottavo gol in campionato e una prestazione superlativa. Il Franchi applaude il centrocampista, il miglior acquisto del calciomercato estivo. Uno sul quale puntare per costruire la squadra del futuro, ancor più competitiva. Ma certe gare sono pazze e stravolgono qualsiasi copione, scritto o pensato. E così quando a mezz’ora dalla fine Immobile cade giù in area nel duello con Pezzella, l’arbitro assegna il calcio di rigore. Ma ancora una volta il destino dice Var e il Var dice che l’attaccante bianco celeste parte da posizione di fuorigioco prima di affrontare l’argentino. Stavolta però le sorpresa sono di quelle che fanno male e prima Felipe Anderson, talento sregolato, trova il pareggio con un destro da fuori area che sorprende ancora una volta il portiere polacco. Poi Luis Alberto in scivolata firma il sorpasso e segna la sconfitta della Fiorentina dopo oltre due mesi.

10
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Nazione Toscana
Ospite
Nazione Toscana

Basta pioli, per favore!
Qualcuno lo dica ai della valle.
Basta Pioli!

Tommaso
Ospite
Tommaso

Harakiri tattico del nostro allenatore (mi ha ricordato Paulo Sousa… che mostro ho evocato…). Mi piacerebbe saper perchè sul 2-0 (e quindi anche sul 3-2 che era arrivato come una manna dal cielo) ha tenuto tre punte (per di più leggere) in campo quando in panchina aveva Laurini (Milenkovic non riusciva a reggere i raddoppi laziali sulla fascia) oppure Benassi. Gil Dias e Chiesa non coprivano. Sul 3-2 ho visto Pezzella partire in contropiede, per poi perdere palla e essere scoperti. La lazio ha avuto sempre, dico sempre!, un uomo in più in attacco perchè Dabo e Veretout (nonstante siano… Leggi altro »

Kubrick
Tifoso
Kubrick

Con 61 punti credo che si arriva settimi, quindi in EL. Ci servono dieci punti. Imperativo vincere a Sassuolo. Se il Napoli perde lo scontro diretto con la Juve, potrebbe mollare e magari un punticino lo racimoliamo anche contro di loro. Poi ci vuole un impresa a genova e una vittoria casalinga con il Cagliari. E alla fine un pareggino con il Milan. Comunque anche dopo la partita un po sciagurata di ieri posso dire che questi ragazzi avranno sempre la mia ammirazione per come hanno reagito a una tragedia immensa.

Calabria
Tifoso
Toniviola56

La disanima degli episodi è incompleta per due motivi: 1) il fallo da rigore su Biraghi doveva comportare il giallo e quindi espulsione e Lazio in 9. 2) il goal annullato a Simeone sul 2a0 era regolare e invece è stato annullato da un arbitro apparso rincoglionito dal primo minuto. Detto questo, però, non può non evidenziare che pur ammettendo che la Lazio è più forte della Viola, il nostro mister è sembrato troppo distratto per non accorgersi che Gil Dias andava sostituito quasi subito, che Falcinelli è una bestemmia solo ad immaginarlo utile in serie a, e che non… Leggi altro »

joretti
Ospite
joretti

La partita con la Spal è stata buttata alle ortiche dagli attaccanti, Non si possono fare 20 tiri in porta senza far gol. La partita con la Lazio l’ha sbagliata completamente l’allenatore. Troppi errori gratuiti , troppi regali.

Sinapsilondon
Tifoso
Sinapsi London

Stefano alla Ferguson lunga vita a Firenze AVANTI COSÌ GRANDE STEFANO OTTIMA PROVA RAGAZZI DETRATTORI ALLA LARGA FORZA VIOLA SEMPRE

ClaudiodaSasso
Tifoso
claudiodasasso

Detrattori alla larga chi? Ma ieri sera la partita l’hai vista o dici le cose tanto per…Pioli ieri sera non ne ha azzeccata una, a partire dalla formazione iniziale. Gil Dias non è un giocatore per il campionato di serie A italiana, continuare a schierarlo per fargli fare figure barbine, è da ottusi e deleterio per il ragazzo. Poteva, ma ormai è inutile parlarne, far crescere Lo Faso e Zekhnini facendoli giocare in quel ruolo, alternandoli con lui e forse oggi eravamo messi meglio. Dopo l’espulsione, lasciare Dias a fare il. Terzino e togliere Eysseric, è stata la. Mossa più… Leggi altro »

Stefano Viareggio
Ospite
Stefano Viareggio

Sinapsi sei patetico,sinceramente mi fai quasi tenerezza

Martello viola
Ospite
Martello viola

Direi Europa molto compromessa, anche perchè la Fiorentina ha un calendario molto difficile se si esclude la partita in casa con il Cagliari, le altre partite comprese Napoli e Milan sono quasi proibitive per questo organico. Ma non è una squadra che poi si merita EL al di là della tragedia subita e francamente non è nemmeno una Società che potrebbe far fronte ad un eventuale EL. con acquisti decorosi.

geronimo
Ospite
geronimo

Europa lontano o vicino si vedrà all’ultima partita a Milano. Fatto sta che dopo la rivoluzione di Luglio scoro.. la Fiorentina HA: uno dei + forti centrocampisti del campionato 2017/18. Un regista (un pò lento) invidiatoci da molti, un trio centrale difensivo di tutto rispetto e invidiatoci da molte squadre + blasonate di noi. un terzino sx che non piace ma che secondo me c’è sempre (sbaglia molto in fase di tiro a rete) ma si procura rigori, punizioni, fa sanzionare avversari …in somma rompe i C….. a qualsiasi difesa e centrocampo avversario. Centravanti a parer mio non adatto al… Leggi altro »

Articolo precedenteFiorentina-Lazio, le immagini dei tifosi sugli spalti del Franchi
Articolo successivoCasarin: “La Var è sempre più rapida e più efficace. Così la tecnologia fa bene”
CONDIVIDI