Neto: “Champions era obiettivo di inizio stagione, ora la Coppa”

    0



    Juventus-Fiorentina, Neto e TevezGrande crescita in questa stagione per Norberto Neto, passato dalle critiche iniziali ad una conferma di rendimento arrivata partita dopo partita. Tanto da tornare in lizza, secondo i media brasiliani, per un posto nella rosa del ct Scolari per i Mondiali. Il media brasiliano Placar lo ha intervistato a 360°. Ecco le sue parole: “Perché noi giovani rischiamo di non andare al Mondiale? Questione di occasioni mancate, c’è chi ha avuto più opportunità di mettersi in mostra, ed il ct ha valutato le sue scelte. Io presente al Mondiale 2018? Fra 4 anni ci saranno diversi portieri affermati, ma è un rinnovamento naturale. Io spero di avere il mio spazio. Il Mondiale in Brasile? Se non ci andassi non me la prenderei. Io voglio fare del mio meglio per la Fiorentina, certo è che il sogno per andare al Mondiale c’è sempre. La mia crescita alla Fiorentina? E’ stato un percorso difficile, ero triste, ma il periodo difficile mi ha fortificato, mi ha dato esperienza. Volevo diventare protagonista, ho dovuto aspettare il mio turno. Alla fine è andata bene. Firenze un trampolino di lancio per la mia carriera? La Fiorentina ha riconquistato il suo posto nel calcio italiano, con Inter e Milan che intanto hanno perso forza. Certo, ci sono squadre top nel calcio, come Barcellona, Real Madrid o Bayern Monaco, ma sono felice alla Fiorentina, mi sono adattato alla città di Firenze. Il terzo posto? Ad inizio stagione la Champions era il nostro obiettivo principale, volevamo arrivare più in alto. Ora è difficile superare il Napoli, ma non impossibile. In caso contrario, dobbiamo lottare per mantenere il quarto posto. Poi l’altra priorità è portare a casa la finale di Coppa Italia contro il Napoli. L’attaccante più forte che ho affrontato in Italia? Cavani era quello che mi piaceva di più: ha forza, fa assist ed è molto disponibile con i compagni”.