Nicola si dimette e sbatte la porta, Crotone nel caos e in cerca di un nuovo allenatore

9



Davide Nicola ha presentato le dimissioni irrevocabili da allenatore del Crotone. La decisione improvvisa è stata presa dopo la sconfitta con l’Udinese, la quarta consecutiva tra campionato e Coppa Italia, a causa di incomprensioni con la dirigenza alla fine della gara. Nicola aveva detto che “chi pensava di salvarsi prima si sbagliava di grosso”, una frase sibillina che forse era riferita a critiche di troppo. Silenzio dalla società che starebbe già lavorando per trovare il sostituto. Sviluppi sono attesi nelle prossime ore

Serata turbolenta quella di ieri in casa Crotone quando Davide Nicola ha fatto sapere alla società calabrese di avere intenzione di dimettersi. Ambiente rossoblù in fibrillazione, mentre dalla società non è trapelato nulla se non il fatto che la decisione di Nicola era stata comunicata solo verbalmente, ma niente di ufficiale o di scritto. La sconfitta di lunedì sera in casa contro l’Udinese ha lasciato il segno e, a quanto sembra, anche abbastanza profondo. Il Crotone, che in classifica è al quintultimo posto con 12 punti, dopo le due belle vittorie in casa contro Fiorentina e al Dall’Ara sul Bologna, sembra essersi praticamente perso.

Dopo l’ultima sosta per le Nazionali, infatti, ha rimediato solo sconfitte: tre in campionato (Genoa, Juventus e Udinese) e una in Coppa Italia contro il Genoa a Marassi. Un passivo pesante di otto gol subiti, zero realizzati e nessun punto in cascina oltre all’eliminazione dalla Coppa Italia. Ma lunedì i toni devono essersi alzati ulteriormente se è vero che nell’intervallo di Crotone-Udinese il presidente Vrenna sarebbe sceso nello spogliatoio per esprimere il proprio disappunto sulla prestazione dei rossoblù.

Un episodio che avrebbe provocato la reazione dell’allenatore, ma sono solo ipotesi. La certezza, invece, è che il Crotone sembra aver smarrito la strada della vittoria e del gol. Ieri pomeriggio Vrenna avrebbe voluto tenere una riunione con tutto lo staff tecnico e i suoi collaboratori, riunione saltata. Ieri sera, poi, la squadra era a cena in una località nei pressi di Crotone, ma né Nicola, né i suoi collaboratori erano presenti. Nella tarda serata era in corso un vertice in società per analizzare la situazione e non farsi trovare impreparati nel caso il tecnico formalizzasse le sue dimissioni. E così l’allenatore dell’impresa impossibile, mai messo in discussione lo scorso anno nemmeno quando perdeva a ripetizione, ora sembra voler prendere lui una decisione, che porterebbe alla rottura del rapporto con il Crotone.

9
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
max
Ospite
max

Grande saggezza, via dalle palle…Bravo Nicola, certi ambienti vanno evitati prima del peggio, Forse si erano montati il capo un po troppo dopo aver vinto contro di noi , e a Bologna..

Mario Viola
Ospite
Mario Viola

Mi piace!
Ha degli attributi che i nostri non hanno!!!
Neppure se usano il microscopio!

Conte Ugolino
Ospite
Conte Ugolino

c’è libero Montella…

Tifoso
Ospite
Tifoso

Un allenatore non può allenare due squadre dello stesso paese nella stessa stagione.

Rambaldo
Ospite
Rambaldo

Anche Ventura!

REM
Ospite
REM

Prendiamolo noi!!Facciamo uno scambio

massimo
Ospite
massimo

Se penso che abbiamo perso in casa di questi …………………………mi vengono i brividi

illepri
Ospite
illepri

i brividi li fecero venire i nostri!!

massimo
Ospite
massimo

Appunto

Articolo precedentePeretola, nuova pista: sullo stadio la Fiorentina resta prudente; è il primo passo
Articolo successivoGilberto, per adesso zero estimatori anche in Brasile
CONDIVIDI