“Non sono un lamentino”..Vincenzo Montella punge l’arbitro Mazzoleni

    0



    montella cagliariLa frenata è di quelle brusche. E in ogni caso difficile da digerire e da commentare. Alibi non ce ne sono e Vincenzo Montella lo sa. Il dopopartita di Cagliari è di quelli che un allenatore (e una squadra intera) vogliono dimenticare il più in fretta possibile. «Non so se posso dire che è stata la Fiorentina più brutta di questa stagione _ è il primo commento dell’allenatore viola _. Diciamo che non siamo stati lucidi come lo siamo sempre stati anche in situazioni simili a questa e se tutto ciò significa che siamo stati brutti, beh…». Si ferma, Montella. Capisce che difendere la squadra dopo la prestazione di ieri non è facile, fa autocritica, e mette sul piatto dell’analisi del match i tre punti chiave (in negativo) del sabato della Fiorentina. «Diciamo che non siamo stati veloci come dovremmo nell’arco di tutta la gara. Può succedere, sia chiaro, anche perché è sempre bene ricordare che davanti hai un avversario che fa di tutto per metterti alle corde».
    «Detto questo _ aggiunge _ non mi nascondo e dico che la partita è stata risolta da un episodio evitabile e che noi, non abbiamo avuto la lucidità giusta al momento di provare a reagire e a cercare di riconquistare il risultato». La fotografia del primo tempo aveva messo in evidenza una Fiorentina opaca. Montella punta il dito sull’episodio che ha costretto la sua squadra a rincorrere. «L’ho detto _ribadisce _, il risultato finale è stato segnato da un episodio e da una situazione che avremmo potuto evitare. Dispiace, ma non possiamo arrenderci. A volte certe sconfitte possono essere salutari. Tutti sappiamo il valore della Fiorentina e bisogna essere coerenti e dire che abbiamo le carte in regola per tornare nella direzione giusta».
    Adesso le energie diventano un atteggiamento fisico-psicologico essenziale per puntare all’andata della semifinale di coppa Italia su un campo delicato come quello di Udine. «Ci sono aspetti su cui lavorare quando ti porti a casa risultati come questo. E’ ovvio che la possibilità di giocare quasi subito può essere il modo migliore per rivedere ciò che non ha funzionato».
    Chiusura con l’arbitro Mazzoleni. Montella: «L’arbitro mi ha detto che sono ‘lamentino’. Ma non è vero, solo in passato ho avuto da ridire. Ho chiesto il perché di certe decisioni ma ha voluto rispondere così. Di cose da dire ne avrei avute parecchie, ma in passato. E comunque non abbiamo perso per errori arbitrali, ma Mazzoleni ha permesso al Cagliari di spezzare troppo il gioco. Certe volte i direttori di gara dovrebbero ascoltare i consigli degli addetti ai lavori, ma ripeto che le colpe sono solo nostre». Punto. Inutile nascondersi.

    Commenta la notizia

    avatar
      Subscribe  
    Notifica di
    Articolo precedenteQuattro gol in due partite. Campanello d’allarme difesa, è tornata vulnerabile
    Articolo successivoPastorello: “Vi racconto Pepito.” Ventisette anni di calcio, dal NJ a Firenze…
    CONDIVIDI