NOVANTUNESIMO MINUTO: una Fiorentina spuntata che aspetta rinforzi…

    0



    Roncaglia in Torino-Fiorentina 12-01-2014E prendiamoci anche questo zero a zero, per una Fiorentina spuntata che aspetta rinforzi per tornare a fare gol. Siamo quarti. Vorremmo essere più avanti. Ce lo meriteremmo perché il resto della squadra, a parte gli infortuni, funzione, e bene. Si veda il solito Borja Valero, festeggiato anche perché proprio ieri ha compiuto ventinove anni: come sempre è  stato quasi perfetto, giudizioso e onnipresente, tempestivo ed elegante. E si veda anche il redivivo Roncaglia, che per lunghi tratti della partita ha quasi annullato il pericolo Cerci. E con loro il solito (almeno da qualche settimana) scattante Neto, assolutamente reattivo a difendere la porta viola.
    Non si può dimenticare certo di complimentare il talento di Pizarro, intelligente e agile. Le note dolenti, come si è detto e come era assolutamente prevedibile sono venute dall’attacco: senza Gomez e soprattutto senza Rossi, fragili si sono rivelati gli interventi di un finora assolutamente inespresso Ilicic, di un Joaquin con smalto decrescente e di un Cuadrado questa volta più accucciato che sgusciante. Infine, inesplicabile la scelta di inserire tra le punte l’oggetto misterioso che risponde al nome di Jakovenko. E’ un attaccante quasi trasparente (nel senso che non si vede), che col tradizionale gioco elegante della Fiorentina di Montella non pare aver niente a che fare. Vedendolo in campo si è presi dall’irritazione e dal rimpianto, naturalmente per gli infortunati. Prendiamo appunto. Anzi, al più presto prendiamoci una punta, di quelle vere.

    Maurizio De Luca
    Direttore di Fiorentina.it