Occhio a Tagliavento: bilancio esterno disastroso per i viola col fischietto di Terni

12



Paolo Tagliavento di Terni, con i suoi 44 anni, è uno fra i più anziani fra gli arbitri italiani. Dirige in serie A dal 2003/04 ed è internazionale dal gennaio 2007. Nel massimo campionato ha arbitrato 204 partite. Sono 96 le vittorie delle ospitanti, 45 i pareggi e 63 i successi in trasferta. Rientra nella media in fatto di espulsioni (73)  mentre è molto più severo per i rigori concessi (94). La Fiorentina ha con lui un bilancio in rosso, almeno in serie A, di 7 vittorie, 5 pareggi e 9 sconfitte. E in trasferta un solo successo a Napoli nel ’13/14, un pareggio e 6 sconfitte. In questo campionato ha diretto i viola nel 3-3 del Franchi contro il Napoli, con il pareggio degli azzurri su rigore di Gabbiadini all’ultimo minuto e il loro primo gol di Insigne in fuorigioco. Nessun precedente finora fra Fiorentina e Palermo. Così scrive La Nazione. E’ anche l’arbitro del celebre Fiorentina-Milan 2-2, nel primo anno di Montella in cui accadde di tutto.

12
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Simone
Ospite
Simone

Premesso che loro giocheranno alla morte, poiché lo vuole il potere, e ormai i soldi del paracadute gli avranno….premesso che l’arbitro è come quello mandato con l’empoli….se non vinci oggi, la responsabilità è dei giocatori e dell’allenatore emussiunale. E nemmeno dei ciabattini, xké x vincere con empoli e palermo, non occorre, ne cr7, ne messi……basta un po’ di volontà.fine.

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

Il punto non è che Tagliavento è scarso ma che quando al Milan serve Tagliavento c’è sempre.

olegna
Ospite
olegna

quando si dice……….cominciamo bene; sperem.
Forza Viola.

danielbertoni
Ospite
danielbertoni

Tagliamento è un arbitro di livello sotto lo zero termico, come Calvarese, Damato, Mazzoleni, Irrati e Massa, ma non è che all’estero stiano meglio, direi proprio di no. Ciò premesso, bisogna dire però che finché non abbandoneremo questo atteggiamento provinciale/vittimistico, non progrediremo mai, ma proprio mai. Non sono gli arbitraggi che ci hanno portato all’8 posto, sono invece i perpetui buchi di bilancio, non sono gli arbitraggi che ci hanno fatto subire 45 gol in 33 partite, sono invece i Tomovic, Milic, Olivera, Salcedo e compagnia broccheggiando. Ma è molto più facile dare la colpa agli arbitri, scarsi quanto si… Leggi altro »

pippo
Ospite
pippo

AIMMENO CI SI LEVA I PENSIERO.

paoloviola
Ospite
paoloviola

Vai ci siamo , il solito braccio armato delle strisciate , mandano lui per non rischiare nulla , non si sa mai , magari la Fiorentina si avvicina troppo , penso che stasera (mi auguro di no) saremo qui a inveire contro l’arbitro per un rigore non dato clamoroso o uno dato al palermo inesistente , tanto il palermo è già in B quindi i soldi li prende uguale .

Antonio1943
Tifoso
antonio scozzi

E come al solito il designatore lo ha mandato apposta. E poi parlano di calcio pulito-

andrea
Ospite
andrea

questo qui è un arbitro vergognoso; dovrebbe essere cacciato subito perché non è in grado di arbitrare in serie a

Walter
Ospite
Walter

Dopo Mazzoleni, Taglliavento. Cosa direbbe il buon Zoff?
– Cattivi pensieri.
Il Palermo che non vede l’ora di retrocedere per incassare il paracadute da 25/40 milioni, non ha opposto resistenza a nessuno, ma oggi sarà diverso, qualcuno gli incentiverà a dare il massimo. Il tutto unito all’azione di Tagliavento renderà difficile portare a casa anche questo risultato.
L’unica è partire a razzo e chiudere la partita fin dai primi minuti.
Forza Viola!!!!!!!!!!!!!

Viola 1951
Ospite
Viola 1951

I nostri arbitri non sono certo i peggiori in assoluto. Purtroppo devono, spesse volte, soltanto “eseguire gli ordini”….. Anche esponendosi a figure imbarazzanti….ma “tengono famiglia”…….

Anziano tifoso viola
Ospite
Anziano tifoso viola

Mi ricordo sempre che Tagliavento, allora miglior arbitro in C1, fu inviato ad arbitrarci in C2 per una partita di cartello. Quanta acqua è passata sotto i ponti da allora. Però anche cose belle come la promozione di quell’anno e il passaggio immediato in serie B, ma, almeno per me, la gioia sportiva più grande fu la vittoria l’anno successivo nello spareggio contro il Perugia con il ritorno immediato in serie A.

Graziano
Ospite
Graziano

Il fischietto determinerà chi riceverà il sesto posto!

Articolo precedenteQuotidiani a confronto: la formazione viola chi l’azzecca?
Articolo successivoIlicic, caccia al gol dell’ex n°5. Un anno fa applausi del Barbera. Oggi verso la panchina
CONDIVIDI