Oliveira a Fi.it: “Vorrei vedere Simeone con Babacar. Europa possibile, a patto che…”

5



La Fiorentina continua ad allenarsi al centro sportivo, in vista della trasferta natalizia di Cagliari di venerdì sera. Anticipo non troppo semplice per la squadra di Pioli, perché il Cagliari di Diego Lòpez è squadra arcigna ed in salute, nonostante alcuni risultati gli siano sfuggiti veramente per un soffio, come contro la Roma nell’ultima giornata. La Redazione di Fiorentina.it ha contattato in esclusiva il doppio ex per eccellenza. Luis Oliveira, il Falco per tutti. Cinque stagioni a Cagliari, quattro a Firenze. Tanti gol, tanti dribbling ed un unico comune denominatore: è nel cuore di entrambe le tifoserie.

Partiamo dalla Fiorentina. Un bilancio alla fine del girone d’andata?
“Manca qualche punto in classifica, che è la conseguenza della mancanza di gol degli attaccanti. Simeone aveva iniziato bene, adesso lo vedo un po’ in difficoltà. Momenti così capitano, deve lavorare duramente per ritrovare fiducia, poi per un attaccante è tutta una questione mentale: una volta sbloccato, diventa tutto più facile”.

C’è anche Babacar, che in molti vorrebbero vedere titolare insieme a Simeone…
“Anche io, mi piacerebbe vederli insieme con continuità. Pioli chiede un lavoro di sacrificio al centravanti e spesso vedo che Simeone è in difficoltà. Mi piacerebbe vederli in coppia, con uno che si sacrifica in fase di non possesso e con l’altro che rimane alto per dare appoggio e profondità alla squadra”.

Che Cagliari troverà la Fiorentina?
“Da quando è arrivato López la squadra è più viva. Tutti i giocatori gli stanno andando dietro, a conferma delle voci che dicevano di una squadra che non seguiva più Rastelli. López è stato bravo a motivare il gruppo, sono stati sfortunati nei risultati, ma la squadra in casa è temibile”.

Che partita verrà fuori in Sardegna?
“La Fiorentina deve andare a giocarsela a viso aperto, non può fare altrimenti. Il Cagliari proverà a sfruttare le ripartenze e Pioli deve stare attento proprio a queste situazioni di gioco. Come dicevo prima, in casa il Cagliari è una squadra molto temibile. Mi dispiace che abbia perso in quel modo a Roma. Sono convinto che, a parti invertite, quel gol di Fazio sarebbe stato annullato. Ma il calcio italiano è così…”.

Chiudiamo con la Fiorentina: Europa possibile?
“Difficile, ma possibile, a patto che nel girone di ritorno ci sia più continuità di risultati. Serve un salto di qualità che porti diversi punti. Adesso ci sono squadre che stanno facendo molto bene, la Fiorentina ha bisogno di un cambio di passo”.

5
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Giusy
Ospite
Giusy

Babacar e Simeone insieme sarebbe la soluzione migliore per l’attacco ma quanti anni sono che non vediamo più giocare due punte insieme? È vietato?

marco mugello
Ospite
marco mugello

Se non Babacar, un altro centravanti… Semeone ha tiro, scatto, velocità, in area a difesa schierata viene sovrastato e soffocato… ma se un centravanti grosso fa a sportellate con gli stopper, si muove, scatta orizzontalmente o obliquo a pochi metri dalla porta, specie se è uno che segna, e quindi è temuto, agita la difesa come un campo di grano il vento… ecco quindi gli spazi dei quali ha bisogno Simeone a difesa schierata…

IrBudelloDiToPa
Tifoso
IrBudelloDiToPa

2 punte? Oh lulù ma che scherzi, pioli ha salvato questa formazione e non ritrova quali tasti pigiare per cambiarla, l’unica è sperare che perda il salvataggio ma che non torni al 4-2-3-1 di fine agosto

joretti
Ospite
joretti

Anch’io vorrei vedere Simeone con Babacar.

Giacomo
Ospite
Giacomo

Lulùsei il meglio, quando volavi

Articolo precedenteA Coverciano nasce il primo centro permanente per la formazione Var
Articolo successivoSquadre più seguite in tv, la Fiorentina scende fino al 12° posto (TABELLA)
CONDIVIDI