Onofri: “Lavoro di Pioli sta producendo risultati, ma in attacco ci sono problemi”

28



Queste le parole di Claudio Onofri, ex calciatore che ha commentato per Sky Atalanta-Fiorentina , ai microfoni di Radio Bruno: “Nel primo tempo l’assemblaggio di sei giocatori nuovi ha penalizzato l’Atalanta. Però c’è stato tanto merito della Fiorentina, questo va riconosciuto: sta bene in campo, è aggressiva e non concede quasi mai contropiedi pericolosi (ha subito solo un gol su contropiede in stagione). Il lavoro pian piano sta producendo risultati, non sono quelli aspettati dai tifosi abituati ai vari Borja e Vecino, ma pian piano Pioli sta dando risultati di continuità. Ci sono dei valori: Veretout lo prenderei in ogni squadra, Badelj è davvero intelligente. In attacco in effetti c’è qualche problema”.

“Purtroppo il calcio italiano è scaduto alla terza-quarta posizione nell’ambito europeo per quanto riguarda i proventi che arrivano. Dunque, realtà come la Fiorentina fanno fatica, non si parla della storia della Fiorentina, che è gloriosa, ma del presente. In Italia ormai solo alcune realtà come Juve e Napoli riescono a mantenere i propri giocatori importanti. Le altre realtà si devono barcamenare in qualche modo. Ovviamente, poi, in questo contesto che chi lavora meglio e chi meno”.

Rosso a Milenkovic? Il primo fallo non era da ammonizione: il serbo ha preso la palla. sul secondo giallo invece non c’è nulla da dire. Comunque sia, credo che questo episodio non abbia influito tantissimo: nel primo tempo la Fiorentina aveva dominato, poi l’Atalanta è cresciuta e la partita si è fatta bruttina, anche per merito delle due squadre che hanno messo tanta aggressività. Ho incontrato Tomic, il procuratore di Milenkovic, e mi ha chiesto un parere sul suo giocatore: io gli ho detto che è un ottimo giocatore. Ha giocato con l’handicap di giocare in un ruolo non suo, contro un avversario brevilineo come Gomez e con Gil Dias come compagno di fascia, che per caratteristiche rientrava in ritardo. Tutto sommato se l’è cavata molto bene”.

“Pioli troppo rigido nelle scelte? Non è facile cambiare in corso d’opera: le situazioni che crei le hai preparate in allenamento, se cambi rischi di scombinare le cose. È anche vero che un tecnico deve riuscire a vedere durante la gara le problematiche insorte durante la partita e cercare di ovviarle”.

28
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Alberto
Ospite
Alberto

Non ci sa un attacco !!

marco
Ospite
marco

Ma quali risultati!! Peggio di così c’è solo la retrocessione

Don.Draper
Tifoso
Don Draper

Dare tutta la colpa a Simeone sarebbe fin troppo facile ed è un giochino che non mi appassiona perchè è riservato a chi di calcio è completamente digiuno. Simeone non è un top e qui tutti d’accordo, ma bisognerebbe chiedere al pretino aziendalista del nostro allenatore, come mai non si crea in area quella densità necessaria per mettere in difficoltà le difese avversarie. Simeone è lasciato troppo solo e fisicamente non è certo un grado di far salire la squadra e trattenere il pallone. Ma gli esterni? Ecco, sarebbe opportuno che il prete, acclamato come il gotha degli allenatori dai… Leggi altro »

aldo
Ospite
aldo

Lascia un commento
ieri era l’occasione giusta per togliere, a mezz’ora dalla fine, Dias inserendo Falcinelli al fianco di Simeone. È questione di coraggio o solo di buon senso?

Canterbury
Tifoso
Canterbury

O coraggio o buon senso andava fatto, punto. Ma da questo allenabrodi non ci si può aspettare; come ho detto, è talmente scontato che ogni cambiamento è utopia.

Canterbury
Tifoso
Canterbury

Io spero ardentemente che quest’anno passi alla svelta e che all’orizzonte ci sia una cessione della società perchè questa è una Fiorentina tra le più tristi, insignificanti e mediocri, sotto tutti i punti di vista, che abbia mai visto e ne ho viste tante. L’allenatore da par suo è in netta sintonia con la squadra, scontato e asettico. come la società. Stendo un velo pietoso su coloro che seguitano ad appecorarsi e compiacere questa proprietà, per loro non c’è speranza.

michele
Ospite
michele

Con un attacco così stitico è ovvio che devi sudare le classiche sette camicie per portare a casa punti e il miglior lavoro del mondo può andare vanificato con le squadre ciniche. Non siamo da buttare, nè nel mezzo nè dietro, ma davanti si vive troppo alla giornata. Se Therau si rimette a modino può dare una grossa mano. E anche falcinelli in certe partite lo vedo più adatto a fare la prima punta. Simeone da solo in avanti non ha senso, si sta sfinendo…

Marcello
Ospite
Marcello

Ahhh quindi tu speri in Therau, complimenti

mike
Ospite
mike

si,infatti e Pioli riesce
a vedere che va sostituito il 9 con il 9,il 7 con il 7 11 con 11.

Lorenzo
Ospite
Lorenzo

Mua…non so che campionato stia guardando oppure se guarda le partite sotto allucinogeni!!!!

antonio del giglio
Ospite
antonio del giglio

In attacco ha varie scelte, le faccia una buona volta!!!!

Articus
Tifoso
Articus

Io lo sto dicendo da agosto quando ci fu il sondaggio “Quale reparto risulta piu indebolito dopo il calciomercato estivo?” a dire che era l’attacco. La fiorentina non è mai stata granche in difesa.. leggermente meglio a centrocampo ma di solito i nostri migliori gioielli li sforniamo in attacco. Ad oggi persino Diamanti e Gilardino farebbero la loro bella figura in questa rosa.. ma dobbiamo accontentarci di Simeone e Falcinelli. Io dico.. ma far giocare 1 partita, 1 sola, Gori e Lo Faso? Secondo me farebbero meglio a occhi chiusi, magari con un modulo 3-5-2 dove il centrocampo con Dabo… Leggi altro »

Ilcontedilautreamont
Tifoso
Il Conte di Lautréamont

L’unico risultato del lavoro di Padre Piolo è stato quello di aver sospinto migliaia di tifosi a cercare qualche hobby per passare con tranquillità la domenica.

mike
Ospite
mike

sono d’accordo,i bavaglini marchigiani hanno tutte le colpe di questo mondo,ma Pioli inasprisce in negativo tutto ancora di piu’e ci fa fare delle dormite tremende

Articolo precedenteBryan Dabo: “felice del mio debutto nel giorno del mio compleanno” (FOTO)
Articolo successivoMilic-Napoli: in settimana l’ufficialità. Non convince tecnicamente Sarri, ma è pronto subito
CONDIVIDI