Onofri: “Muriel e Simeone complementari. Sono due centravanti veri”

6



E’ un tema molto chiacchierato quello della collocazione in campo del colombiano e il possibile cambio di modulo di Pioli

Claudio Onofri, ex giocatore del Genoa oggi opinionista, a RMC Sport ha parlato anche di Luis Muriel, primo acquisto della Fiorentina in questo mercato invernale: “Muriel e Simeone possono giocare insieme, sono complementari e non avranno problemi.

Magari non in un 4-3-3 ma già contro il Genoa Pioli aveva spostato Mirallas sulla trequarti alle spalle di Simeone, quindi forse ci stava già lavorando.

Credo che anche lo stesso Simeone potrà giovare dal giocare accanto a uno come Muriel“.

6
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Tristezza
Ospite
Tristezza

Sono due centravanti veri lo avete scritto voi o lo ha detto Onofri? No perché lui invece dai virgolettati avrebbe detto un’altra cosa

Erny
Ospite
Erny

La foto è de sisti?

antonio
Ospite
antonio

Caro Onofri; il problema di Simeone e’ che si rifiuta di segnare.

gianni usa
Ospite
gianni usa

Senza un regista vero si fara’ poco meglio di ora.Si continuera’ a vedere un Chiesa che vorra’ fare tutto da solo e dopo un po’ ho paura che anche Muriel fara’ lo stesso perche’ e’ un po’ il suo modo di giocare. Tecnicamente e’ molto forte , come lo e’ Chiesa , tutti e due puntano e saltano l’uomo,cosa rara in Italia, pero’ Chiesa quasi sempre deve partire dal centrocampo, perche’ non c’e nessuno che lo metta in una situazione dove saltato un difensore puo’ andare al tiro mentre ora di difensori ne deve superare sempre almeno tre perche’ troppo… Leggi altro »

AntoNiche
Ospite
AntoNiche

questo grazie a quell’incompetente di pioli.

MAURO
Ospite
MAURO

anche perchè il ragazzo non sa inserirsi negli spazi d’attacco vedrai la differenza con Muriel

Articolo precedenteScanziani: “Muriel non è una scommessa. Se in giornata è devastante”
Articolo successivoLara (ex ct Colombia) a FI.IT: “Muriel in alcuni aspetti mi ricorda Ronaldo. Può giocare sulla fascia. Importante la fiducia dell’allenatore”
CONDIVIDI