Ottavi ipotecati, in Europa i viola non sbagliano: l’attacco c’è, ma la difesa è un limite

    0



    Esbjerg - Fiorentina RoncagliaLa Fiorentina, in Europa, non sbaglia praticamente niente. Se i viola confermano, specialmente senza Gonzalo, i soliti limiti difensivi, con Roncaglia troppo spesso indeciso, ma anche con Savic (seppur con la scusante del rientro dopo un infortunio), è altrettanto vero che i viola quando possono avere dei punti di riferimento davanti diventano difficilmente controllabili. Era successo nei momenti di platino di Pepito Rossi, ma anche con un Matri almeno nelle condizioni fisiche dimostrate ieri e magari con il supporto di un ragazzino coriaceo quale è Matos le cose tornano a funzionare. Il progressivo rientro di Gomez dovrebbe dare finalmente continuità. Buona la gara del centrocampo, dove Aquilani versione regista e con tutto il campo a disposizione può lanciare ed aprire a ripetizione. Bene anche Mati Fernandez, che ci mette sempre tutto se stesso, e ovviamente Borja Valero. Un passo avanti anche da parte di Ilicic. E’ questa l’analisi sui singoli e sulla squadra riportata questa mattina dal Corriere dello Sport-Stadio.