Pagelle Fi.it: Borja super, Neto dice di no. L’attacco non incide

    0



    Montella TorinoLa Fiorentina torna da Torino con un solo punto ma avrebbe sicuramente meritato la vittoria per le occasioni da gol create. Joaquin, Borja Valero, Roncaglia hanno avuto le occasioni per segnare senza però riuscirci. E’ vero che giocare senza Rossi non sia facile ma l’attacco vioola, che Montella ha cambiato più volte durante tutta la partita, non è riuscito a essere incisivo e determinante. Bene la difesa che ha limitato al massimo Cerci (un solo tiro in tutta la partita), migliore in campo Borja Valero e a ruota David Pizarro. 30 minuti da dimenticare, invece per Iakovenko. Adesso tutti a pensare alla gara di domenica prossima contro il Catania. Montella spera però in settimana di iniziare ad allenare quella punta che adesso alla Fiorentina manca e come se manca…

    Gianni Ceccarelli dallo stadio Olimpico di Torino

    NETO: VOTO 6.5 Un paio di indecisioni nel primo tempo, bravo quando invece viene chiamato in causa da un tiro in diagonale di Cerci allo scadere del primo tempo. Si ripete a inizio ripresa sempre su Cerci.
    RONCAGLIA: VOTO 6.5 Montella lo mette a sinistra a controllare Cerci e in pratica gli concede solo un tiro nel primo tempo poi nulla più. 
    GONZALO RODRIGUEZ: VOTO 6. Perde Meggiorini sul finale di gara e per i viola poteva essere una beffa per il resto gara con qualche errore di troppo in fase d’impostazione o di passaggio decisivo al compagno.
    SAVIC: VOTO 6. Gara di carattere e dinamica, resta sempre sulla corda fino alla fine.
    TOMOVIC: VOTO 6. Un errore a centrocampo dopo 5 minuti della ripresa poteva costare caro alla Fiorentina, nella ripresa trova maggior spazio per arrivare sul fondo ma nessuno dei suoi cross crea pericoli alla difesa granata
    MATIAS FERNANDEZ: VOTO 6. Con una Fiorentina senza attaccanti ti aspetti di più da lui anche a conferma di quanto fatto nelle ultime gare. Invece non riesce a dare ritmo e concretezza alla prestazione, pochi gli inserimenti in area granata e quei pochi sempre mal gestiti. 
    PIZARRO: VOTO 6.5 Torna a indossare la fascia di capitano. Come sempre detta i tempi del gioco viola ma anche lui è parso come se gli mancasse una punta di ruolo
    BORJA VALERO: VOTO 7. Nel giorno del suo 29° compleanno avrebbe voluto i tre punti, invece si deve accontentare di essere il migliore in campo. Non si risparmia dall’inizio alla fine. Cerca il gol e prova a mettere i compagni in grado di segnare. A metà del primo tempo sfiora il gol del vantaggio con un insidioso tiro sul secondo palo, stessa cosa nel finale di primo tempo.
    JOAQUIN: VOTO 6. Al 31’pt si mangia incredibilmente un gol già fatto sotto porta. Per il resto parte a destra e poi Montella lo sposta a sinistra. Tutto bene fino alla line dell’area di rigore, poi non cambia passo.
    ILICIC: VOTO 6. Gioca da falso centravanti con alcuni spunti interessanti per i compagni ma non riesce a dare continuità alla prestazione. 
    CUADRADO: VOTO 6. Anche lui tutto bene fino alla linea dell’area di rigore poi perde rapidità e lucidità. Riesce a vincere pochi duelli e soprattutto non è incisivo dentro l’area granata
    IAKOVENKO: VOTO 5. Entra al 15’st al posto di Ilicic. Purtroppo non riesce a dare un contributo positivo se non una serie di interventi sanzionati con punizioni per il Torino.
    AMBROSINI: VOTO S.V. Dal 32’st al posto di Matias Fernandez
    MATOS RYDER: VOTO S.V. Entra al 39’st al posto di Joaquin
    ALL.: MONTELLA: VOTO 6.5 Giocare senza attaccanti di un certo livello non è semplice per nessuno. Parte con una attacco e finisce cambiandolo con la speranza di trovare il gol vincente. La Fiorentina fa la partita, domina il Torino, crea almeno 4 palle gol ma non riesce a concretizzarle. Sarebbe inutile non dirlo: a questa squadra serve un attaccante importante in attesa del ritorno di Mario Gomez (quando?) e Giuseppe Rossi…