PAGELLE FI.IT: Cuadrado e Wolski su tutti. Matri lotta ma..

    0



    Fiorentina-Atalanta montella WolskiAlla vigilia Montella aveva chiesto alla sua squadra di tirare fuori gli artigli e i giocatori viola nella prima parte di primo tempo aggrediscono con corsa, velocità, pressing e raddoppio sul portare di palla, l’Atalanta senza farla ragionare e giocare.  Ilici si fa ritrovare segnando un gran gol e stessa cosa nel finale con Wolski. Nel mezzo una gara dominata in gran parte dai viola anche se ci sono state alcune disattenzioni che potevano costare molto. La corsa Champions continua alla grande, adesso c’è da conquistare la finale di Coppa Italia…

     

    Gianni Ceccarelli, dallo Stadio Franchi di Firenze

     

     

    NETO: VOTO 6.5 Rischia molto, il calcio di rigore, per l’intervento su Moralez. Si distende bene sul tiro da fuori area di Bonaventura togliendo il pallone dall’angolo basso. Si ripete alla fine del primo tempo sempre su Bonaventura: sbaglia il rinvio, l’atalantino tira da corta distanza e lui prima di mano e poi di piede respinge il pallone che sembrava già dentro la porta. Nella ripresa sbaglia qualche rinvio di troppo.

    DIAKITE’: VOTO 6. Dopo Udine da continuità alle prestazioni anche se non va oltre la sufficienza.

    SAVIC: VOTO 6..5 Visto il forfait di Gonzalo Rodriguez deve giocare dal primo minuto (Montella gli aveva concesso un turno di riposo a favore di Compper) e con Compper controllano abbastanza bene Denis e Moralez

    COMPPER: VOTO 6..5 Torna dal primo minuto è gioca una gara attenta senza particolari fronzoli per la testa.

    CUADRADO: VOTO 7 La strigliata di Montella deve aver fatto effetto perché si è tornati a vedere il Cuadrado irresistibile, pieno di dribbling e superiorità numerica. Cerca il gol ma aiuta anche i compagni a segnare.

    ANDERSON: VOTO 6. Sicuramente la miglior partita da quando è arrivato. Sfiora anche il gol nel primo tempo ma poi cala. Montella lo cambia dopo una manciata di minuti dall’inizio del secondo tempo

    PIZARRO: VOTO 6. Con un centrocampo inedito si prende ancor di più le sue responsabilità e in pratica prende per mano la squadra. E se lui gira bene gira bene anche la squadra.

    BORJA VALERO: VOTO 6.5. Dov’è il pallone c’è sempre lui. Praticamente inesauribile, accorcia, allunga, rallenta, accelera, recupera palloni e distribuisce palloni. Cerca anche il gol che non arriva per poco.

    VARGAS: VOTO 6. Questa volta copre con disinvoltura tutta la fascia sinistra anche se poi in fase offensiva perde un po’ di lucidità nei cross. Molto utile in fare di recupero.

    MATRI: VOTO 5.5. Un passo indietro rispetto a Udine sul piano dell’intensità e dinamicità. Quando vede che non ha occasioni per segnare si mette a disposizione dei compagni ma ci riesce a fasi alterne.

    ILICIC: VOTO 6.5. Segna un gran gol con una magnifica punizione e sfiora il gol nel finale di primo tempo con un insidioso diagonale da dentro l’area ospite. Gioca una gara di sacrificio e di grande volontà tattica. Esce perché non ha più energie.

    MATIAS FERNANDEZ: VOTO 6. Dal 10’st al posto di Anderson. Attacca gli spazi e rallenta il gioco nel finale di partita. Suo il prezioso assist per il gol di Wolski

    WOLSKI: VOTO 7. Dal 14’st al posto di Ilicic e al 41’st segna un gran gol al termine di un’azione personale di gran pregio. Complimenti.

    MATOS RYDER: VOTO S.V. Dal 33’st al posto di Matri

    ALL.: VINCENZO MONTELLA: VOTO 7. Alla vigilia aveva chiesto alla squadra di tirare fuori gli artigli e non solo questo. La squadra ha risposto alle attese, in un momento dove ci sono anche molti giocatori infortunati. Basti pensare che nel finale di gara in campo c’erano ‘solo’ 5 dei soliti titolari. La corsa Champions continua alla grande, adesso c’è da conquistare la finale di Coppa Italia.

     

    Gianni Ceccarelli, dallo Stadio Franchi di Firenze