Pantaleo Corvino: dall’emozione di tornare nella sede viola alle difficoltà di costruire la nuova Fiorentina

    0



    Pantaleo CorvinoSarà un giorno particolare, quello di oggi, per Pantaleo Corvino. Quando questa mattina varcherà la porta della sede viola dopo, all’interno dello Stadio Franchi, a distanza di quattro anni sicuramente sarà un momento dove ricorderà quanto fatto nei suoi ‘primi’ sette anni in viola e già s’immaginerà la Fiorentina del futuro. Quella che lui da oggi dovrà costruire, anche se il compito rispetto al 2005 non è sicuramente più semplice. Anzi. L’autofinanziamento della società viola non sarà certo d’aiuto al lavoro di Pantaleo Corvino. E c’è anche chi si domanda perché alla fine l’uomo di Vernole ha voluto accettare e tornare alla Fiorentina in una situazione non facile. Sapendo che non sempre le seconde volte possono portare i risultati come la prima volta.
    Pantaleo Corvino, però, è un uomo forte, che conosce bene il mondo del calcio e che alla fine ha accettato alla richiamata dei Della Valle è perché convinto e deciso a raggiungere gli obiettivi da raggiungere.

    Mercato che da oggi entrerà nel vivo, la trasferta in Portogallo da Paulo Sousa è servita si a conoscersi ma soprattutto a buttare già la lista dei partenti, di quei giocatori da cedere per fare mercato e individuare invece i giocatori su cui puntare: su quelli già in rosa e quelli da far arrivare dal mercato. E quanto la situazione è questa sicuramente dobbiamo aspettarci un mercato con molte operazioni con giocatori in prestito, al massimo in prestito con diritto di riscatto. Nomi? Con Pantaleo Corvino le sorprese sono sempre dietro l’angolo, dopo la conferenza stampa di oggi, però, molto sarà più chiaro.