Pasqual: “Biraghi? Da quando è alla Fiorentina è un continuo crescendo”

3



L’ex capitano gigliato presenta un’iniziativa benefica, parla della sua attuale squadra e dice la sua su Cristiano Biraghi

Manuel Pasqual, ex capitano della Fiorentina e giocatore dell’Empoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Bruno per sponsorizzare un’iniziativa benefica di cui è testimonial, AILoverunning. Queste le sue parole: Come sto? Dal 6 settembre sono lontano dai campi per un problema ad un occhio. Ora sono dieci giorni che mi alleno con la squadra, ne sto venendo fuori ma devo crescere in condizione fisica. Empoli? Stiamo raccogliendo meno rispetto all’anno scorso, com’era prevedibile. Però giochiamo bene e vogliamo dare una sterzata a questa stagione perché con questa media si fa fatica. Non possiamo giocare a pallonate, dobbiamo insistere con questo gioco, però manchiamo in qualcosa che stiamo cercando di correggere”.

Biraghi? Sta facendo molto bene: da quando è arrivato alla Fiorentina è stato un continuo crescendo, rispetto all’inizio con qualche malumore. Ha avuto una settimana bellissima mettendo il timbro in Nazionale. Serve a questa nazionale, per la sua qualità e perché è un giocatore giovane. Soprattutto, perché è un terzino sinistro: in Italia siamo veramente pochi”.

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Peccato che non sappia difendere, deve sempre essere coperto da qualcuno, ma non dovrebbe essere Chiesa

Sinapsilondon
Tifoso
Sinapsi London

Cristiano ci sta parecchio pensando in questi giorni, a cosa, al fatto che la vita è straordinaria, è fatta di episodi di momenti di istanti che ti possono girare bene come nel suo caso perché poco prima ha rischiato cappella enorme perché poteva far segnare la polonia (donnarumma) e poi sappiamo come è andata FORZA RAGAZZI FORZA VIOLA SEMPRE

Uccio
Tifoso
paolo

sempre bello rivederti CAPITANO

Articolo precedenteMercato, ufficiale il ritorno di Miguel Veloso al Genoa
Articolo successivoAlbertini: “Elezioni Figc? Instabilità degna della Prima Repubblica”
CONDIVIDI