Pasqual e Fiorentina: saranno titoli di coda?

0



Il capitano Manuel Pasqual… Cioè, no, l’ex capitano Manuel Pasqual… Il calcio è così: quello che vale oggi, non vale domani, e viceversa. Così, nella serata del grandissimo match disputato dalla Fiorentina a Marassi, è venuta fuori una nuova e inaspettata verità: il terzino di San Donà di Piave non è più il leader del gruppo gigliato. Pur facendo parte della gara, non ha indossato la fascia. Cosa che ha destato un po’ di sorpresa da parte di chi mastica Fiorentina tutti i giorni da anni. Anche perché non era mai successo prima che Manuel non indossasse la fascia quando schierato dal primo minuto. Evidentemente da quest’anno – anzi a dire il vero da domenica sera – le gerarchie sono cambiate e a mettere la fascia di capitano non è più il giocatore più ‘anziano’ del gruppo, quello che indossa la maglia viola da più tempo (12 anni), bensì quello ad oggi più rappresentativo a livello caratteriale. Ecco che si è scelto di passare il testimone a Gonzalo Rodriguez, elemento esperto, un veterano del gruppo, ed essenziale per la squadra, tanto da giocare sempre (o quasi). Insomma è uno di quelli che si chiamano ‘titolari inamovibili’. Cosa che Pasqual, per il tecnico portoghese, non è più. Qualcuno obietterà: “poteva subentrare a Manuel anche Borja Valero”. Sì, è vero. Il centrocampista spagnolo è a Firenze dallo stesso tempo del centrale argentino ma, a differenza del difensore, ha forse meno accentuate le caratteristiche del leader? Non lo   sappiamo. Di sicuro, però, a Gonzalo queste caratteristiche sono state riconosciute, così come il carattere, la personalità e la stima totale del gruppo e di tutta la città che, in effetti, intravedeva proprio nel neo papà argentino il ruolo di erede naturale di Pasqual. Di prossimo capitano viola. 
 
E così è stato. Rodriguez è il nuovo capitano gigliato. E Pasqual? Si mormora non abbia fatto salti di gioia per quanto accaduto, pur accettando la decisione con serietà, come ha sempre fatto. E così, gli ultimi mesi in viola, il numero 23 li passerà da ‘ex capitano’, aspettando la scadenza del suo contratto (30.06.2016). Anche se addirittura c’è chi avanza l’ipotesi di un possibile addio anticipato a gennaio. Cosa che era stata sussurrata anche un anno fa, per poi essere smentita dai fatti. Quest’anno, potrebbe andare diversamente? Quest’anno, qualora Pasqual dovesse ricevere offerte, accetterebbe e preferirebbe andarsene a giocare lontano da Firenze? Possibile, anche perché oltre al posto da titolare in viola e alla fascia di capitano, momentaneamente, ha perso anche la Nazionale. E un giocatore di 33 anni che ha davanti a sé la possibilità di far parte della comitiva azzurra ai prossimi Europei, non può non giocarsela…
 
Autore: Michela Lanza – Fiorentina.it