Paulo Sousa e l’appello ai tifosi viola: “Valgono il 30% in più, non facciamo calcoli”

di Niccolò Casalsoli - Qs La Nazione

11



Più sorridente del solito, Paulo Sousa mostra determinazione e idee chiare alla vigilia di un giovedì determinante per il futuro suo e della Fiorentina. Dopo il ko di Milano che ha avvicinato lo spettro di un piazzamento inconcludente in chiave prossima Europa, il ritorno con il Borussia Mönchengladbach vale tantissimo.

Il tecnico portoghese non fa calcoli e pensa a una Fiorentina da sistemare in difesa, ma votata ad attaccare. La natura del football predicato da Paulo non cambia: «Dobbiamo pensare a fare gol e a vincere la partita – precisa Sousa -. Aspettare il Borussia non è nella mia idea di partita: non vogliamo gestire il vantaggio. Cambieremo qualcosa nell’organizzazione difensiva. A livello offensivo dobbiamo essere veloci nella circolazione. Abbiamo un piccolo vantaggio; starà a noi trovare il momento giusto per verticalizzare il gioco e fare gol. Voglio determinazione e convinzione».

Al «Franchi» ci saranno più di 25mila spettatori. Un numero che qualcuno considera al di sotto delle aspettative. Non Sousa, che già al Borussia-Park ha sentito la carica dei tifosi viola. Per questo nuovo crocevia della stagione, il tecnico lancia un nuovo appello al popolo viola. Un appello all’unità e al sostegno: «Il nostro pubblico vale il 30% in più nelle nostre prestazione. Saremo in buon numero. I tifosi sono fondamentali. Rapporto da riallacciare con loro dopo Milano? Vinci e sei vicino, perdi e ti allontani. È così. Io lavoro per onorare al massimo questa maglia».

Ammettendo che sì, dal punto di vista del risultato, la sconfitta contro il Milan ha fatto registrare un passo indietro, Sousa pensa soltanto a questa Europa League diventata palcoscenico da difendere a tutti i costi: «Chi passa questo turno fra noi e il Borussia può andare molto avanti in questa competizione – conferma il portoghese -. Pressione? Per chi vuole vincere, la pressione deve esistere sempre. Mi concentro su quello che posso controllare. Quindi penso a fare la partita perfetta perchè per passare il turno, servirà quel tipo di partita».

Quindi no a distrazioni ed errori di concentrazione perché «davanti abbiamo degli avversari che ci possono creare delle difficoltà. Sugli errori di concentrazione: «Davanti abbiamo avversari in grado di crearci difficoltà. Prenderò le decisioni come sempre per il bene della squadra. Non per fare felici alcuni. Dopo la partita di Milano ho sentito di un errore nella decisione di Salcedo. Per me la scelta era corretta. Le voci su futuro? Non mi danno fastidio. Sono trent’anni che sono nel mondo del calcio. I ragazzi non sono distratti da queste cose, sono professionisti. Io come leader spingo al massimo per ottenere il massimo».

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Gianni di Firenze
Ospite
Member

Ma lo vedete anche voi quanto e’ alla frutta questo gobbaccio di Sousa ?? Dice che il pubblico vale il 30% e subito dopo che non facciamo calcoli. Ma e’ rintronato veramente. E il calcolo del 30% chi lo ha fatto? Non lo sopporto piu’. Saponara in tribuna…..forse, parzialmente poteva “assaggiare” il campo.

Sempre Viola
Ospite
Member

Attenzione a cosa dici Sousa perché se veramente si vale il 30% in più Della Valle ci metterà poco a venderci😂😂😂

Alves Edmundo
Ospite
Member

Si fa una gran partita
Si vince e si passa il turno
Firenze Firenze Firenze Firenze!!!!
Violaaaaalé Violaaaaalé Violaaaaalé!!!!!

giuliano
Ospite
Member
pur essendo un estimatore di mister sousa, e devo dire che personalmente lo considero un allenatore veramente preparato, un allenatore che era gia un leader in campo quando giocava, inoltre era il cosidetto geometra del centrocampo, quello che organizzava la manovra,e che quindi conosce il calcio perfettamente in tutte le sue tre fasi, tuttavia alcune sue considerazioni le condivido , come l’aspetto importantissimo che ricoprono i tifosi nelle gare di questo tipo, oppure anche sul fatto che noi non sappiamo gestire i risultati, quindi è meglio essere propositivi e cercare noi di fare la partita, ovviamente stando attenti alle loro ripartenze.l’aspetto dove non mi trovo assolutamente daccordo con lui, è quello li dove lui difende alcune sue scelte a mio avviso opinabili, pur non dimenticandomi che lui a mio avviso possiede le stigmati del grande tecnico, tuttavia nella mia visone del calcio, e anche se nei dilettanti a calcio personalmente… Leggi altro »
Checco 54
Ospite
Member

… diciamo che, in special modo quelli sempre polemici, sono dei simpatizzanti viola … il tifoso è ben altra cosa. Guardare MC – Monaco per capirlo … sul quasi 1- 3 questi cantavano e applaudivano… noi non ci arriveremo mai … se si perde si comincia con il meleggio imperterrito alla ns. squadra… ma in do si vole andar !!!

Antonio
Ospite
Member

Dopo questo pensiero
caro filosofo di questa cippa
devi parlare male della proprietà
tanto il copione lo conosciamo
stasera mi raccomando tira fuori qualcuno perchè non mete intensità
fai un altra cacata di formazione
non deludermi

Svarowsky
Tifoso
Member

Almeno per una volta sono daccordo con Sousa…

VIA I DV
Ospite
Member

VIA IL GAT, VIA I DV

FORZA VIOLA!!

Marco77
Ospite
Member

Soprattutto via il GAT

Lanfranco
Ospite
Member

Un anno ahimè c’arrivarono i Rangers in finale , un altr’anno il Braga , un altro ancora il Dnipro……crediamoci poi per fare i processi e le considerazioni siamo sempre in tempo……

viceversa
Ospite
Member

Sviolinata non gradita. Tu vali il 30% in meno. Poggio e buca…

wpDiscuz
Articolo precedenteFiorentina-Borussia Mönchengladbach, Sousa riparte dalla difesa a quattro
Articolo successivoLa coppia si ritrova…
CONDIVIDI