Paulo Sousa entra anche nelle commedie

    0



    Paulo Sousa conferenzaPaulo Sousa è l’allenatore del momento. L’uomo che Firenze ha scelto e che gli altri guardano con ammirazione e stupore (e anche un pizzico di invidia sportiva?). Nessuno si aspettava quello che sta facendo sulla panchina della Fiorentina e, forse anche per questo, entra dappertutto: nei discorsi degli anziani davanti ad un cappuccino e un bel cornetto caldo, in quelli dei più giovani davanti ad un’asta di fantamercato e perfino nelle commedie teatrali.

    Proprio così, il tecnico portoghese della Fiorentina è entrato nel copione dello spettacolo che Massimo Ghini ha portato a Firenze, al Teatro Verdi, dal titolo ‘Un’ora di tranquillità’ (dopo la prima di ieri sera alla quale erano presenti anche il sindaco Dario Nardella e l’attore inglese Colin Firth, la commedia resterà al Verdi fino a sabato 3 gennaio) . A nominarlo è stato Luca Scapparone, che interpreta un non eccelso idraulico portoghese, che fa finta di essere polacco. Gli idraulici polacchi, a suo dire, sono più famosi e lui, avendo bisogno di lavorare, mente sulla sua nazionalità. Ma quando viene scoperto e ammette di essere portoghese, per giustificarsi, dice “Io no Paulo Sousa” e mima il gesto del gioco del calcio. Gesto che, manco a dirlo, a Firenze ha ricevuto consensi dal pubblico dimostrati con sorrisi orgogliosi e applausi.

    Insomma, il tecnico gigliato ha stregato tutti. Donne e bambini. Uomini di sport e dello spettacolo. Tutti. Ma soprattutto ha stregato i tifosi viola che, con lui, sognano in grande. Sognano lo scudetto.

    Commenta la notizia

    avatar
    Articolo precedenteRossi, mossa a sorpresa: vuol convincere Sousa
    Articolo successivoArticolo del Tifoso: I tuoi articoli pubblicati su Fi.it? Inviali a…
    CONDIVIDI