Per orgoglio e per denaro caccia al sogno Europa League

Di Benedetto Ferrara - La Repubblica Firenze

7



Come riporta La Repubblica Firenze, per orgoglio, per dare un senso a questa stagione difficile, per onorare la memoria del Capitano, per i tifosi, per la città, per non perdesi nel vuoto di un campionato di seconda fascia e, anche, per soldi, perché quelli fanno sempre comodo. Europa League, l’obiettivo della middle class del calcio italiano, quelli che il nostro scudetto è il sesto posto, o il quinto, ma se arriva la congiuzione astrale giusta pure il settimo. La vittoria col Napoli e quella splendida tripletta del Cholito hanno tenuto la Fiorentina in corsa. Tutto è ancora aperto, e la Fiorentina ci sente un casino, perché due mesi fa sembrava impossibile e tutto così lontano.

Invece Pioli ha azzeccato la partita perfetta, quella che ha dato un calcio alle ambizioni del Napoli e alle sconfitte con Lazio e Sassuolo, eventi che avevano portato tanti a ipotizzare un crollo psicologico dopo una rimonta clamorosa. Ma oggi restare fuori dall’Europa è una sconfitta di immagine, soprattutto per i giocatori, che nel circuito televisivo internazionale possono aumentare il fascino, il seguito, il valore e magari anche lo stipendio. Perché poi snobbare l’Europa League non ha proprio senso, né quando la giochi, né tanto meno quando la insegui. Infatti la Fiorentina ci sente parecchio per questo traguardo, tra l’altro non facile. Certo, i soldi non sono la priorità, ma se la Champions ti cambia la vita (e anche il monte ingaggi), l’Europa degli ambiziosi misurati ha un impatto soft sui costi di gestione ma in compenso qualcosa in tasca te lo mette, soprattutto se non la fai tanto per fare, come spesso è capitato a molte italiane, attirate più dai milioni dell’Europa quella ricca, che dal premio di consolazione.

Che però non è esattamente uno scherzo, soprattutto per un calcio che vive di autofinanziamento. Basta pensare che il premio per la vincente è di 6,5 milioni, che sommati ai vari premi raccolti lungo la strada, portano il malloppo finale a circa 15 milioni. L’altra finalista, la perdente, ci rimette più o meno 3 milioni, prendendone 12. È chiaro che tra una partecipazione e una finale c’è un mezzo abisso, ma visto che il calcio italiano è stato organizzato per tenere i meno ricchi fuori da qualsiasi possibilità di vittoria, è bene iniziare a pensare che vincere questa coppa potrebbe essere un obiettivo serio.

L’alternativa per i meno abbienti e potenti è la Coppa Italia, che è decisamente più a portata di mano, ma anche meno nobile di una coppa europea leggermente potenziata negli ultimi anni per dare almeno una possibilità a chi non tifa per le solite note di sperare in qualcosa di importante. Oltre che di frequentare qualche stadio europeo e non solo gli sciancati impianti nostrani. Comunque solo arrivare al girone porta in cassa 2,4 milioni. Passare ai sedicesimi mezzo milione mentre arrivare in semifinale 1,5 milioni. Insomma, per orgoglio e per denaro. Che sarà anche vile, ma spesso fa comodo.

7
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Ponzio
Tifoso
ponzio

L’EL resta una grande fregatura in termini di guadagni. Basti pensare che vincere una partita nei gironi della CL porta nelle casse di una squadra 2 milioni di euro a cui vanno aggiunti i diritti televisivi. FInchè resta un divario di guadagni di questo genere resta quasi un azzardo affrontare una competizione lunga e faticosa per guadagnare pochi milioni. Giocare il giovedì e fare trasferte talvolta di duemila chilometri implica giocare in campionato con un handicap di almeno 4-5 punti. In sintesi devi avere una panchina che attualmente la Fiorentina non ha. Rimane la soddisfazione di arrivare fra le prime… Leggi altro »

MoNrOo
Ospite
MoNrOo

Il rovescio della medaglia è che molti giocatori non ti ci vengono se non giochi le coppe perchè avrebbero meno visibilità.

Walter, Firenze
Ospite
Walter, Firenze

Le quattro semifinaliste di quest’anno sono Olympique Marsiglia, Salisburgo, Atletico Madrid e Arsenal.
Una Fiorentina che mantiene questa base, alla quale aggiunge un paio di titolari e qualche seconda linea maggiormente funzionale, può competere a questi livelli.
Vincere una coppa europea, porterebbe soldi, entusiasmo e partecipazione alla Champion’s.
Forza Viola!!!!!!!!!!!

Scudetto_nel_2011
Tifoso
Scudetto nel 2011

Per raggiungere certi obiettivi bisogna NECESSARIAMENTE INVESTIRE su giocatori di livello pronti subito . Non come si fa noi che si spende 70 milioni per una miriade di mezzi giocatori con la speranza di rivenderne i migliori Così non si cresce mai Bisogna fare come fanno le prime della classe per intenderci, ad esempio un Immobile o un Kolarov che hanno un ingaggio più alto ma costano sempre meno dei vari Benassi e Saponara. Naturalmente non sono giocatori con la prospettiva di farci una PLUSVALENZA per arricchire il COMPARTO AZIENDALE, ma il calcio non è calzaturificio che deve fruttare denari… Leggi altro »

I picca della Canova
Ospite
I picca della Canova

Ma vai a letto rintronao per piacere!!Sempre con le tue solite ………..!!

Simon mago
Ospite
Simon mago

Solo x noi, x orgoglio….ilma denaroa è come un unghia….ricresce……lo dice uno che se le mangia dal 1976…..”’e a quasi 50 anni, x nervo, non ha mai smesso…..ps. ho preferito smettere di drogarmi (pochissimo), e di bere(poco)..

LUIGI M.
Ospite
LUIGI M.

Aspettiamo a cantare vittoria, i Viola hanno giocato contro 10 del Napoli facendo comunque una grande gara. Credo che la conferma l’avremo contro il Genoa, se ripeteranno la stessa prestazione si può sperare.

Articolo precedenteLa Fiorentina e il ritiro estivo, a Moena dal 7 al 22 luglio
Articolo successivoAttacco, i gol del mercato: Simeone è l’acquisto estivo più prolifico della serie A
CONDIVIDI