Pericolo Tottenham nella mente dei viola a Reggio. Ma Diamanti e Gila…

0



L’anticipo di San Valentino e… il pericolo Tottenham. Sì, certo, questo pomeriggio la Fiorentina giocherà a Reggio Emilia contro il Sassuolo di Di Francesco, non contro gli inglesi. Ma il pericolo c’è. C’è perché non è così semplice non pensare a giovedì. Non lo è per i tifosi, figuriamoci per chi, contro gli uomini di Pochettino, ovvero contro una delle squadre più in forma della Premier, si devono giocare un passaggio del turno…

Qualcuno penserà che chi gioca a calcio, deve essere abituato a questi intrecci tra campionato e coppe. E che deve avere la lucidità e la forza mentale di pensare gara per gara. Partita per partita. Avversario per avversario. Ma l’inconscio, a volte, ha la meglio sulla razionalità e ci potrebbe essere il rischio che qualche viola, senza volerlo, sia con la mente a Londra già da questo pomeriggio. Che si dimentichi che c’è una partita importante da giocare al Mapei Stadium, contro il Sassuolo. Contro una squadra che nelle ultime due partite, tanto per fare un esempio, ha raccolto 4 punti, battendo l’Inter e pareggiando a Genova contro la Sampdoria. Sarebbe un grosso errore sbagliare l’approccio mentale al match, oggi. Sarebbe imperdonabile. Perché se è vero che l’Europa League è uno dei grossi obiettivi della Fiorentina 2014-15, è altrettanto vero che la squadra è ancora in lotta per il terzo posto.

Allora c’è bisogno di qualcuno che esorti la squadra a pensare solo ed esclusivamente a Berardi e Zaza. A concentrarsi unicamente su quello che sarà il freddo campo di Reggio Emilia. Serve qualcuno – e Montella proverà a farlo sicuramente, nella speranza che il suo pensiero venga percepito, compreso e messo in pratica – che isoli la mente dei suoi uomini. Che ci entri dentro per attivare la parte razionale di ognuno di loro, staccando la spina dell’inconscio. Appunto.

In questo senso, chi potrebbe aiutare e non poco il tecnico viola e la Fiorentina in quel di Reggio Emilia… sono i due ‘grandi esclusi’ dalla lista Uefa: Alessandro Diamanti e Alberto Gilardino. Il primo sarà sicuramente in campo e, con la sua imprevedibilità, la sua genialità e la sua grinta, cercherà di accontentare Montella (che ha dichiarato di voler vincere…); il secondo si gioca il posto da titolare con Babacar (Gomez sarà giustamente tenuto a riposo in vista di giovedì). Il Gila ha una grande voglia di giocare. Di dare (ancora) qualcosa alla maglia viola. Di tornare al gol in serie A. E poi ha la mente completamente sgombra. Né pensieri londinesi, né di rinnovi di contratto in vista, per l’attaccante di Biella. Ma deciderà Montella, com’è giusto che sia. In base all’avversario. In base allo stato di forma psico-fisico degli uomini a disposizione. In base alle sue sensazioni di allenatore. Il senegalese sembra essere in vantaggio ma, quel che è certo, è che loro, Diamanti e Gilardino, due che si conoscono molto, molto bene, possono permettersi di dare tutto oggi. Senza risparmiarsi in vista di giovedì… Loro non avranno la testa a Londra. 

Autore: Michela Lanza – Redazione Fiorentina.it

Commenta la notizia

avatar
Articolo precedenteAntonio Conte a Sanremo: “Forza Viola…”
Articolo successivoQuotidiani: le prime di QS, CdS, Stadio, Gazzetta, Tuttosport
CONDIVIDI