Petko Hristov, il muro bulgaro di Bigica che si allena con i grandi

16



Arrivato durante l’ultima sessione estiva di calciomercato, dopo essersi messo in luce con la nazionale Under-19 nell’Europeo di categoria, Petko Hristov ci ha messo poco ad imporsi e a diventare uno dei punti fermi della Fiorentina Primavera. I baby viola dopo 5 giornate sono primi in classifica, ed il difensore centrale ex Slavia Sofia è sempre stato schierato titolare. Costato circa 1,5 milioni di euro e strappato alla concorrenza di Zenit San Pietroburgo e Werder Brema, sta impressionando per la sua solidità, ma soprattutto perché passa gran parte della settimana a lavorare con Mister Pioli, per poi calarsi il week-end con i più giovani.

Dopo l’esordio ufficiale contro l’Atalanta alla prima giornata, quando era stato schierato in coppia con l’argentino Illanes, e in cui aveva commesso qualche sbavatura di troppo, si è rapidamente adattato ai ritmi e ai movimenti della linea difensiva, rivelandosi un elemento di sicuro affidamento. Nelle giornate successive, Bigica ha preferito affiancargli quasi sempre Pinto, relegando Illanes addirittura in tribuna, anche per una questione di quote, ed il classe ’99 ha trovato la via del gol nel 5-2 contro la Sampdoria. Durante questi primi mesi in maglia viola ha inoltre ricevuto la chiamata della nazionale Under-21, saltando la categoria Under-20, e venendo schierato sempre titolare nelle 3 partite disputate di qualificazione all’Europeo, che ne arricchiscono il bagaglio di esperienza internazionale. Questo aspetto era stato sottolineato anche da Bigica in tempi non sospetti: “È un giocatore pronto, in Bulgaria si è già confrontato con il calcio dei grandi e la sua esperienza sarà importante per noi”. In effetti in patria aveva già accumulato 31 presenze nel massimo campionato.

Con i suoi 191 cm  è praticamente insuperabile nel gioco aereo, e da quanto si è potuto apprendere in queste prime giornate non disdegna l’anticipo, e cosa più importante corre pochi rischi. Un difensore vecchio stampo, che pensa più a difendere che a impostare. Dopo l’ultima vittoria contro la Roma, adesso è già il momento di pensare all’Inter, prossimo avversario in campionato, in quella che potrebbe essere vista come una rivincita della finale scudetto dello scorso anno. Contro i nerazzurri dovrà affrontare un tridente composto dall’ex viola Zaniolo, dall’argentino Colidio e dal danese Odgaard. Aspettando una chiamata di Pioli e sognando una serata come quella dello scorso 23 Agosto nella quale esordì in prima squadra nei minuti finali dell’amichevole col Real Madrid al Santiago Bernabeu, adesso Petko si gode un presente che lo vede protagonista di una Fiorentina Primavera in testa alla classifica.

16
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Andovai
Ospite
Andovai

Un bidone anche questo piu in là della primavera non andrà

Viola 56
Ospite
Viola 56

Non me ne frega niente di chi l’ha seguito, a me è bastato vederlo giocare contro la Roma per capire che questo è buono veramente. Speriamo che crescendo non si perda. Sempre Viola.

marco mugello
Ospite
marco mugello

A me con la Roma è sembrato dimolto buono… un bravo difensore si vede quando gli attaccanti avversari hanno rotto la falange difensiva e c’è quel che di confusione per cui si perdono distanze e posizioni… se allora c’è spesso il solito che, non visibile prima, emerge e ci mette una pezza, vuol dire che è uno buono, che pensa rapido e agisce bene…… Hristov è stato così…

pepo
Ospite
pepo

Hable è il nuovo Nedved!!!!!

DeiXo
Ospite
DeiXo

tu sei il nuovo renzo bossi

Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

Ha ottime potenzialita’ ,spero che non si perda strada facendo ,perchè sarebbe un peccato.

Guga
Ospite
Guga

Speriamo, perchè se fosse vero tra lui e Milenkovic potremmo avere la coppia di centrali del futuro già in casa!!

Esperto
Ospite
Esperto

Il ragazzo ha indubbie doti agonistiche che sfrutta al meglio nella fase difensiva. Ho tessuto le lodi di Corvino quando lo ha portato a Firenze, seguivo il giocatore da circa 5 anni. Lo vedo meglio in una difesa a tre, ma sta sviluppando interessanti tatticismi anche nella difesa a quattro.

Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Tu seguivi da 5 anni un 99 bulgaro? Come si fa a seguire il campionato giovanissimi bulgaro? 5 anni fa aveva 12 anni.

antani
Ospite
antani

evviva l’Italia evviva la Bulgaria questo è il ballo del pippero

Gualtiero
Tifoso
Gualtiero Milano

Lo seguivi fin dalle elementari?

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

E’ il padre biologico.

Fabio
Ospite
Fabio

Sei un parente? No perchè seguire da 5 anni un ragazzo del ’99 bulgaro, anche volendo, mi sembra un pò difficile…. Comunque mi fa piacere vedere di essere passati dall’ìavere 2 soli centrali decenti ad averne 3 validi e 2 di prospettiva, speriamo che un giorno possa succedere lo stesso con i terzini, anche se ormai ho quasi perso la speranza….

Guga
Ospite
Guga

Che figata!!!!
Ti immagino, sciarpa viola a collo, seduto sugli spalti di stadi di periferia in Bulgaria a vedere ragazzini di 14 anni giocare a pallone in attesa di Corvino che magari dopo 5 anni ne porta uno a Firenze..T’è andata bene che non tan preso per pedofilo. Si scherza ovviamente

pepo
Ospite
pepo

Sei Brovarone? è una tipica delle sue…….diciamo aneddo.

Lo psichiatra di Esperto
Ospite
Lo psichiatra di Esperto

Esperto, invece di scrive caxxate qui sarebbe bene tu tornassi in Reparto .. e di corsa!!
La cura psichiatrica, come ben puoi vedere anche te da icchè scrivi, sarà ancora molto molto lunga.

Articolo precedenteBenevento, seduta atletica e tattica. Domani porte aperte per i tifosi
Articolo successivoPre partita agitato a Londra. Scontri tra la polizia inglese ed i tifosi della Roma, c’è un arresto
CONDIVIDI