Pioli e il suo 4-3-3: molte le alternative arrivate dal mercato viola

8



Rispetto alla scorsa stagione il tecnico ha più soluzioni da poter scegliere, molto dipenderà dalla condizione e dall’avversario

«L’anno prossimo voglio una rosa non troppo numerosa, ma con un alto livello di competitività. Chi ha fatto bene potrà crescere ancora, ma per consolidarci avremo bisogno di qualità e competizione».

Così parlò Stefano Pioli. Era il 20 maggio e, a San Siro, si era appena concluso il campionato. Parole chiare. Precise. Del resto, l’allenatore, si era già confrontato con la società. E con Corvino in particolare.

Il dg lo ha ascoltato, e si è mosso di conseguenza. La domanda, al netto degli ultimi giorni di mercato (si chiude venerdì alle 20) è: missione compiuta? Risposta: i numeri (e non solo) sembrano dire di sì. Con l’arrivo di Edimilson Fernandes infatti (che ieri ha sostenuto le visite mediche) la Fiorentina si ritrova con due squadre. Almeno due alternative, in ogni ruolo, e con una qualità media (sulla carta) aumentata.

PORTIERI. Il titolare è Lafont. Un giovane (classe ‘99) che in queste settimane ha già conquistato tutti. Talento, personalità, carattere. Il francese (pagato 8,5 milioni) rappresenta l’investimento maggiore di questa estate e, sul fatto che parta come numero uno, non si discute.

Alle sue spalle, al momento, c’è Dragowski. Un altro giovane che, però, vorrebbe andare a giocare. In caso di cessione, Corvino, andrebbe a caccia di un 12 esperto, con un’operazione che dovrà essere necessariamente low cost.

DIFESA. Anche in questo caso, le gerarchie son ben definite. Si parte con la linea a quattro composta da Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo e Biraghi. A destra, la prima alternativa è Laurini, al quale si unisce Diks.

Non è da escludere, per questo, che uno tra l’olandese e il francese possa partire. Di certo, si cercherà di piazzare in prestito Venuti. In mezzo, dietro ai due titolari, c’è Ceccherini, acquistato dal Crotone per (circa) 3 milioni.

Oltre al livornese c’è Hristov, ma la sensazione è che in caso di emergenza, verrà riportato al centro Milenkovic. Senza dimenticare un altro volto nuovo, Hancko, teoricamente riserva di Biraghi ma capace di esprimersi anche da centrale mancino al posto di Vitor Hugo.

CENTROCAMPO. È il reparto che, forse, convince di meno. Perso Badelj infatti, non è arrivato un giocatore che, in partenza, offra le stesse garanzie del croato. In teoria, il terzetto titolare dovrebbe essere quello composto da Benassi, Veretout (Pioli sembra sempre più orientato a spostarlo in mezzo) e Edimilson. In questo caso però, le gerarchie non sembrano così chiare.

Certo, Benassi e Veretout sembrano inamovibili, ma per la terza maglia ci sarà da battagliare. Dabo, Norgaard (fin qui il danese non ha convinto a pieno) e Gerson scalpitano, e permetteranno all’allenatore di poter scegliere ogni settimana in base ad avversari, esigenze, e stato di forma.

Senza contare che, il brasiliano arrivato dalla Roma, offre al mister pure la possibilità di cambiare modulo, schierandolo da trequartista. Ad oggi, in rosa, ci sono anche Saponara e Cristoforo per i quali, Corvino, sta cercando in tutti i modi una sistemazione.

ATTACCO. Era in questo reparto che Pioli si aspettava gli interventi più importanti. Del resto, i numeri dello scorso anno, parlano chiaro. Servivano (servono) più gol. Per questo è stato preso Pjaca che, con Chiesa e Simeone, formerà il tridente titolare nel 4-3-3 immaginato fin da Moena.

Oltre al croato, è arrivato anche Mirallas. Un’alternativa ai due esterni ma, come visto anche con lo Schalke, pure al Cholito. Il vice-centravanti, comunque, dovrebbe essere Vlahovic.

E poi Eysseric. Il francese (che resta in bilico dal punto di vista del mercato) a oggi è l’ala sinistra di riserva. Restano i giovani: Sottil e Montiel. Il primo, però, dovrebbe andare in prestito. La missione, in teoria, è stata portata a termine. Non resta che aspettare l’unico, vero, inappellabile giudice: il campo.

8
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Manca il gioco, non abbiamo schemi d’attacco, ma solo quelli difensivi, quindi saremo in difficoltà, come l’anno scorso, contro le squadre che giocano coperte, il palla lunga e pedala non rende.

roberto
Ospite
roberto

Sinceramente non mi dispiace, occorrerebbe una vera punta in alternativa a Simeone
per il resto siamo meglio dello scorso anno
sulla carta, poi vedremo . .

Noni
Tifoso
Massimiliano

Non hai terzini buoni e devi sacrificare milinkovic, digli a quel besugo di corvino che ci vuole un bel terzino ,anzi due,lasxt del Genova, invece di sperimentazione x scommesse come olivera e cristofero colombo…….

Boutoumba
Ospite
Boutoumba

Chieck Diabatè

Francoviola
Tifoso
Francoviola

D’accordo su quasi tutto, dico quasi perché in mezzo al campo davanti alla difesa, ad oggi, il più indicato mi sembra Dabo, Benassi e Veretout, ai lati, poi si vedrà, valutando meglio il materiale a disposizione. Le prime due manca Vereteut e quindi avremo subito modo di valutare le alternative. In attacco va bene Vlahovic alternativa a Simeone, un giovane, fisico, che potrà subito misurarsi con i marpioni avversari.

Gio
Ospite
Gio

Il centrocampo non è un granché, ma numericamente i giocatori ci sono. La vera grande lacuna della squadra attualmente è il centravanti di riserva. Non c’è proprio. Non diciamo sciocchezze su Vlahovic. Non è certo uno da SerieA. Voglio sperare che alla fine resti Thereau, altrimenti siamo scoperti.

Aspetta & Spera
Ospite
Aspetta & Spera

…alternative! mi sembra un parolone che nasconde necessità…proviamo a guardare: portiere un francesino di 19 anni senza neanche uno a fare da chioccia, terzino dx Pioli seguita con Milencovic (ottimo centrale quindi sprecato lì) perchè i nuovi per ora non danno garanzie; a centrocampo non c’è nessuno con le caratteristiche di badelj ma 3 o 4 con caratteristiche simili, sulla trequarti ancora si gioca con Eysseric perchè i nuovi sono in ritardo condizione…quando qualcuno (non sia mai..) chiederà la testa di Pioli bisognerà ricordare che aveva chiesto almeno 3 titolari (come altri prima di lui), abbiamo visto come è stato… Leggi altro »

i'turacciolo
Ospite
i'turacciolo

io lafont non lo conosco, ma se non sbaglio ha giá 100 presenze in serie a (tra l’altro con una maglia viola), mi sembra piu esperto di tanti 25enni che hanno fatto solo panchina in serie b….
poi magari ė un brocco, ma inesperto non direi….

Articolo precedenteUscite: il giovane viola Riccardo Baroni verso l’Entella
Articolo successivoHristov verso la Ternana in prestito. Visita del club manager della Ternana
CONDIVIDI