Pioli lucida le punte: caccia a ‘quota 100’ contro il tabù Ancelotti

0



Attacco che ora funziona, con un Muriel in più. Serve un’impresa per puntare all’Europa: il tecnico punta quota 100 gol da quando è sulla panchina viola.

Il 3-0 sul Napoli la scorsa stagione dette impulso alla corsa all’Europa, poi sfumata nelle ultime gare. Un obiettivo che la Fiorentina continua a inseguire anche nell’attuale stagione. Ma per non perdere altro terreno nei confronti delle tante agguerrite rivali e per dare una svolta alla classifica deve per forza ricominciare a vincere con continuità anche e soprattutto al Franchi. Vero che è sempre forte l’eco dei 7 gol rifilati nel proprio stadio una settimana fa alla Roma che ha proiettato i viola in semifinale di Coppa Italia, ma è altrettanto vero che l’ultimo successo casalingo in campionato risale a quasi due mesi fa, 3-1 all’Empoli lo scorso 16 dicembre, cui sono seguiti la sconfitta di misura con il Parma e, dopo la sosta, il rocambolesco 3-3 con la Sampdoria. Così scrive Tuttosport.

CACCIA AL 100° GOL. Urge insomma un cambiamento di rotta a partire dalla sfida di sabato. Un altro big match che Pioli, mai vittorioso in carriera contro il collega Ancelotti, punta a conquistare dopo aver fermato negli ultimi mesi Milan e Roma. In ballo punti pesantissimi per l’Europa oltre al traguardo del 100° gol da quando lui allena la Fiorentina (57 l’anno scorso, 42 finora fra campionato e Coppa Italia in 64 partite).

ARTIGLIERIA. Per questo il tecnico sta lucidando al massimo la propria artiglieria: dovrà fare a meno ancora di Benassi che deve scontare la seconda giornata di squalifica e pur non essendo un attaccante di ruolo è l’attuale capocannoniere viola in campionato con 7 centri. Ma i vari Chiesa, Simeone, MurielMirallas, 22 reti finora, oltre la metà di quelli complessivamente realizzati dalla squadra, stanno scalpitando. Specialmente il primo, reduce dalla tripletta ai giallorossi in Coppa, ha una voglia matta di tornare a fare gol davanti ai propri tifosi pure in campionato: l’ultima volta risale all’ormai lontano 22 settembre contro la Spal, da allora il talento viola ha segnato sempre e soltanto in trasferta prima appunto dell’exploit con la Roma. Quanto a Simeone e Mirallas, i loro ultimi gol interni in A risalgono al derby vinto con l’Empoli mentre Muriel (che in carriera ha già segnato due volte al Napoli) ha timbrato la doppietta da ex con la Samp lo scorso 20 gennaio. 

Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Articolo precedenteVerso il Napoli: ballottaggio Mirallas-Simeone. Gerson favorito su Dabo
Articolo successivoVitor Hugo in dubbio: Ceccherini ma non solo, ipotesi Hancko centrale
CONDIVIDI