Pioli sfida Inzaghi: le polemiche e il duello per l’Europa. Solo un successo per il tecnico viola

5



L’eredità biancoceleste e una sfida infinita tra i due: diversi modi di calcio e dichiarazioni a distanza. Domenica sarà sfida per l’Europa.

Per la Fiorentina sarà forse l’ultima chance per l’Europa, per la Lazio la partita per capire se davvero i sogni Champions sono rilanciati dopo il 3-0 nel derby. Ma al Franchi si sfidano anche Stefano Pioli e Simone Inzaghi. Passato e presente biancoceleste, i due si sono avvicendati sulla panchina della Capitale ad aprile 2016. Quando Pioli fu esonerato (proprio dopo un derby, che finì 4-1 per i giallorossi) e Inzaghi fu promosso dalla Primavera. Da allora poche gioie per l’attuale tecnico viola contro il biancoceleste. E diverse polemiche anche a mezzo stampa tra i due.

SOLO UNA. Pioli ha battuto solo una volta Simone Inzaghi. Era Inter-Lazio del dicembre 2016, prima da ex del tecnico parmigiano contro i biancocelesti. Finì 3-0, apoteosi nerazzurra nella rincorsa Champions (poi fallita). Da allora a gioire fu quasi sempre il tecnico laziale: vittoria contro l’Inter di Pioli ai quarti di Coppa Italia nella stessa stagione, poi altri tre successi e un pareggio contro la Fiorentina negli ultimi due anni. L’1-1 del novembre 2017 con infinite polemiche per il rigore nel recupero su Pezzella, poi i successi tra campionato e coppa della scorsa stagione (1-0 e 4-3) oltre alla vittoria 1-0 di ottobre 2018. Da avversario, Pioli ha battuto così la Lazio solo in quel 3-0 di San Siro. E anche da giocatore viola, l’unica esultanza per Pioli fu un Fiorentina-Lazio 1-0 del 1989, quando decise un gol di Roberto Baggio. Poi arrivarono due sconfitte (anche un pesantissimo e storico 8-2, in cui fu espulso) e quattro pareggi. Mentre per Inzaghi un’ulteriore (grande) gioia arrivò anche in Primavera, con il successo in finale di Coppa Italia nel 2014 contro la Fiorentina di Semplici al Franchi.

POLEMICHE. Rivalità tra Fiorentina e Lazio, rivalità tra Pioli e Simone Inzaghi. Un tempo ‘collaboratori’ alla Lazio, ma negli ultimi mesi protagonisti di polemiche e dichiarazioni al veleno a mezzo stampa. Iniziò il biancoceleste, con polemiche infinite dopo quel contatto Caicedo-Pezzella in area laziale lo scorso anno: il Var segnalò il rigore, la Fiorentina pareggiò in extremis. Le proteste di Inzaghi andarono avanti per settimane, anzi per mesi: C’è tanta amarezza perché questo rigore, lo rivedi 20 volte e non si capisce se è o meno rigore. Massa e Fabbri me li sognerò per diverso tempo…”. Dopo qualche mese: “I punti persi contro la Fiorentina per il Var pesano e peseranno”. Prima della sfida di ritorno, Pioli quindi disse:In Italia certe cose non cambiano mai. Da inizio anno qualcuno si lamenta: non credo sia il modo di comportarsi, ci sono altre sedi per confrontarsi. Io ho le mie idee e voglio essere coerente con me stesso. Poi si va a vedere i motivi per cui l’Italia non si è qualificata al Mondiale. È anche questione di cultura”.  A cui seguì risposta di Inzaghi: “Pioli un bravo allenatore ed anche una bravissima persona, lo rispetto molto. Detto questo i fatti sono sotto gli occhi di tutti e a me non interessa fare polemica”.

TATTICA. Sarà sfida anche tattica tra i due allenatori. Se dal confronto con Gasperini il tecnico viola ne è uscito piuttosto male (anche per alcune scelte che non hanno pagato), contro la Lazio si dovrebbe tornare al 4-3-3, o 4-3-1-2, con il rientro in pianta stabile di Pezzella in mezzo, un centrocampo ‘classico’ con Edimilson, Veretout e uno tra Benassi e Gerson, e il trio con Chiesa-Muriel più uno tra Mirallas, Simeone e lo stesso Gerson. Dopo diverse critiche ricevute, a Pioli il compito di dare più equilibrio e compattezza alla squadra, senza rinunciare alle potenzialità di un attacco che finalmente segna con continuità. E Inzaghi? Dopo un periodo in affanno (2 vittorie in 6 gare – di misura contro Empoli e Frosinone – e tanti infortuni), ha ritrovato la sua Lazio nel derby. Cambiando anche mosse tattiche, con Luis Alberto spostato a centrocampo e Correa con Caicedo davanti. Contro i viola potrebbe tornare dall’inizio Immobile, e il tecnico potrebbe sfruttare anche l’accoppiata ‘pesante’ con un lanciato Caicedo. Mosse e contromosse, i due allenatori si sfideranno anche a colpi di tattica.

EUROPA. Perché sarà sfida per l’Europa. La Fiorentina è lontana, -5 dai biancocelesti, e se vuole ancora avere sogni ed ambizioni deve battere la diretta avversaria. Non ci sono alternative. Il gruppo ci crede, dal tecnico a tutti i giocatori. Ma serve solo vincere. In caso di mancato successo, addio ad ogni speranza e campionato praticamente archiviato a marzo. La Lazio invece è lì, proprio a quota 41, ma deve sgomitare a pari punti con Atalanta e Torino. -3 dalla Roma, -6 dalla Champions: in casa biancoceleste puntano proprio al 4° posto. Domenica importante, in programma nel pomeriggio anche un Sampdoria-Atalanta che potrebbe rimescolare la classifica. E dal Franchi, così, passano punti pesanti per l’Europa. Per i viola senz’altro decisivi.

5
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Mario.romano
Member
mario.romano

Abbandonare il campionato per puntare tutto sulla coppa Italia non porta da nessuna parte. Tutti gli allenatori che ci hanno provato hanno sempre perso capra e cavoli . Il Napoli di Sarri per puntare sullo scudetto resto fuori dalla coppa Italia dalla champions dalle Uefa leaghe e perse anche lo scudetto. Esperienza e scaramanzia insegnano che per ogni incontro anche se si tratta della coppa del nonno bisogna mandare in campo la migliore squadra. Poi si vede.

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

VIA I DV!!!

Maiunagioia
Ospite
Maiunagioia

Macchè Lazio…… basta pensare al campionato… pensare e organizzare bene il ritorno di coppa italia già da ora……
far vedere i video di Ilicic Gomez Zapata ai nostri difensori ogni mattina appena si svegliano e ogni sera prima di dormire…… unico modo di andare in europa e la coppa italia.

In campionato far giocare a girare i vari Vlahovic Hancko Montiel ecc… sperando che qualcuno di questi esploda….

Badtzmaru
Ospite
Badtzmaru

Io spero nevichi, ma la vedo molto dura…

maurizio
Ospite
maurizio

Uno dei due è un’incapace indovinate chi dei due?????

Articolo precedenteLazio, la rivoluzione silenziosa di Inzaghi: Luis Alberto mezz’ala e ‘formula fantasia’
Articolo successivoEysseric decisivo con il Nantes: due assist nella vittoria in coppa (VIDEO)
CONDIVIDI