Pioli sorride, le nazionali fanno bene ai suoi giocatori. Morale alto per tanti, a Napoli il primo vero test

8



Le convocazioni con le rispettive nazionali fanno sorridere i viola. E Pioli pensa già alla trasferta di Napoli

A Federico Chiesa sono bastati venti minuti, per prendersi la scena e – di fatto – salvare la Nazionale di Mancini dalla prima sconfitta in gare ufficiali. L’esordio del Ct nella Nations League non è stato indimenticabile, ma la partita di Bologna ha messo in luce una volta di più le qualità del talento viola, che nel post partita si è preso i complimenti degli addetti ai lavori e dello stesso Commissario Tecnico.

Federico ha cambiato volto all’Italia, con il suo ingresso in campo ha rimesso in gioco partita e risultato. Il rigore conquistato, e poi trasformato da Jorginho, ha confermato tutte le sue qualità. Pioli può sorridere, perché alla vigilia della partenza dei suoi giocatori per gli impegni delle varie nazionali, aveva auspicato che in tanti giocassero. Ed il tecnico viola è stato, fin qui, accontentato, perché Pjaca ha giocato un’ora abbondante con la Croazia, Biraghi e Milenkovic hanno giocato una partita intera, Pezzella e Simeone giocheranno in nottata da titolari contro il Guatemala. Soddisfazione, perché oltre che con minuti nelle gambe (ad inizio stagione conta soprattutto giocare), in tanti torneranno con il morale altissimo.

E quella che comincerà lunedì sarà per la Fiorentina la prima settimana davvero probante della stagione. Il test di Napoli è di quelli significativi per capire a che punto sia l’esuberante e sbarazzina Fiorentina di Pioli. Dopo i successi contro Chievo e Udinese, la squadra di Ancelotti farà salire il livello su tutti i fronti. Pioli, così come il tecnico partenopeo, riavrà la squadra al completo soltanto giovedì, per questo al San Paolo potrebbe anche proporre qualche novità rispetto alle prime due partite. Sicuramente tornerà Veretout in cabina di regia ed a centrocampo sembra difficile poter rinunciare a Benassi, versione goleador in questo avvio di stagione. Occhio però a dare per escluso Edimilson (impegnato oggi e martedì con la Svizzera), che ha convinto in modo particolare Pioli ed il suo staff in questo primo mese fiorentino. Dalla parte di Gerson c’è ancora il fatto di essere rimasto due settimane ad allenarsi a Firenze, al contrario del compagno. Ma mai dire mai.

In attacco, molto dipenderà da come tornerà Pjaca a Firenze. La tentazione di lanciarlo dal primo minuto c’è, ma per Pioli potrebbe essere ancora un’arma per indirizzare la partita nella ripresa, come è stato contro l’Udinese. Mirallas continua a crescere di condizione, mentre Eysseric contro l’Udinese è piaciuto particolarmente a Pioli. Insomma, le alternative non mancano anche là davanti.

8
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
trallalero
Ospite
trallalero

A Napoli la prima vera batosta… Almeno torneremo alla nella nostra dimesione.. C’è già chi è sicuro di arrivare tra le prima 4.. Ahahah

Cuore Viola
Ospite
Cuore Viola

Un vero tifoso deve sognare sempre di vincere, altrimenti che tifoso è? Chi tifa Benevento Lecce Brescia Pescara Genoa ect. ect allora che cosa dovrebbe fare ? Contestare a vita ?
Pensa a fare il tifoso… 13 punti nelle prossime 5 partite… poi ne saranno 2, pazienza, ma io continuerò a tifare sempre VIOLA… In 60 anni abbiamo visto di peggio…

Franco Ponte di Mezzo
Ospite
Franco Ponte di Mezzo

tanto tanto il tuo nappule non vince infiltrato sudicio, stai fresco….io sono tifoso e il napoli storicamente è sempre stato dietro come dimensione poi gli inciuci cambiano le carte ma io sono tifoso viola e per me la Fiorentina sarà sempre più forte e migliore del napoli e di tutte le strisciate, …di tutte le squadre ti vogliam regina….caro tattarillo

sch8les
Ospite
sch8les

Insomma l’unico in

claude
Ospite
claude

calma. speriamo non tornino a firenze cotti. comunque sicuramente i ragazzi stanno facendo bene.a napoli sara’ durissima. loro sono gia’ all’ultima spiaggia per i loro obiettivi

Giovanni
Ospite
Giovanni

Importante volare bassi visto che il Napoli e la Sampdoria sono due buone squadre che potrebbero tarpare le ali ai nostri sogni..

PolemicoViola
Ospite
PolemicoViola

Sorridi, sorridi, Pioli. Ma, purtroppo, le vittorie non si fanno coi sorrisi e con i facili entusiasmi di esuberanti e sbarazzine squadre “ye-ye”, ma col sano pragmatismo e con una immensa umiltà, quell’umiltà che ti porta inesorabilmente a crescere e che, se manca, ti getta nell’anonimato di una stagione di alti e bassi com’è stata quella passata. Non credano i giocatori, il mister, i tifosi e l’ambiente giornalistico sportivo locale che giocare contro il Napoli sia come affrontare Chievo e Udinese. I partenopei rischiano di farci fare un tonfo di quelli abbatti-morale, specialmente quando la Viola è appunto composta di… Leggi altro »

Cuore Viola
Ospite
Cuore Viola

Non sono d’accordo. A Napoli la pressione sarà tutta sul Napoli, perché gioca in casa, perché ha degli obiettivi ambiziosi. Per me potrebbe uscirci la sorpresa, ma anche se dovessimo perdere 6-0 avrai perso sempre e solo 3 punti… e penserei subito alla partita successiva…

Articolo precedenteMancini: “Chiesa ha lo strappo che altri non hanno, sta migliorando. Balo e Berna…”
Articolo successivoDebutto sognato per Simeone: in gol nel 3-0 al Guatemala (VIDEO)
CONDIVIDI