Pirlo sui pochi italiani in campo: “Succede da un po’, Milan e Fiorentina le eccezioni”

20



Pirlo

L’ex centrocampista della nazionale italiana ha detto la sua sul problema dei pochi italiani in campo

Andrea Pirlo si è espresso così su La Repubblica dei temi legati alla Nazionale e sul grido di allarme lanciato dal Ct Roberto Mancini: “Succede da un po’: tanti stranieri sono meno bravi dei nostri. Capita anche in B e perfino nelle categorie inferiori. Probabilmente costano meno ai club, anche in ingaggi, altrimenti non vedo il senso. Penso che per un ct il problema sia riferito soprattutto alle grandi. L’eccezione è il Milan, e tra le altre la Fiorentina”.

20
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Roberto
Ospite
Roberto

iniziamo col mettere dei limiti, naturalmente ci saranno più Italiani nelle nostre squadre
facciamolo poco a poco
diamo risalto nostri giovani, che da anni sono soffocati da chi viene da fuori
cerchiamo di essere un pochino più Nazionalisti, non solo per il calcio, come fanno da tempo altri paesi
FORZA ITALIA

CoccodrilliViola
Tifoso
Coccodrilli Viola

Basterebbe mettere una durata massima di due anni ai contratti del calcio e le grandi squadre la smetterebbero di prendere ventenni da parcheggiare in tribuna. E per gli stessi giocatori sarebbe conveniente andare dove possono giocare perché non sarebbe come adesso che ti fanno un quinquennale e ti risolvi la vita.

'i birraio
Ospite
'i birraio

Per i calciatori valgono le stesse regole che valgono per gli altri settori economici, si va sul lavoratore che costa meno.
a raccogliere pomodori, africani e polacchi,
muratori albanesi,
operai, rumeni,
badanti, est europa
ecc. ecc.
senza una persona normale non potrebbe fare l’insalata, ristrutturare la casa, montare compressori, accudire la prozia…
poi gli dai la cittadinanza e se sono bravi giocano in nazionale.
quanti erano i francesi, ed i tedeschi, degli ultimi due mondiali?
quanti sono gli americani?
quanti i britannici?

2-3-08
Ospite
2-3-08

Beh, fu proprio il Milan ormai quasi 30 anni fa a spingere per il libero tesseramento di giocatori stranieri con solo 3 in campo. Chi non è più di primo pelo si ricorderà i tre olandesi in campo e Boban, Savicevic e Papin in tribuna. Poi la sentenza Bosman e lo scempio dei passaporti facili fecero il resto

babbo natale
Ospite
babbo natale

Mi ricordo ancora i lenzuolai che si lamentavano che ci fossero ancora non italiani come promesso dai dv, invece in 3 anni abbiamo aumentato il numero sempre di piu e con qualita’, altra occasione per stare zitti….

Target5
Ospite
Target5

Il calcio è divenuto fisico e per fisici atletici. L’italiano ha il femore abbreviato, come diceva Brera

diaz
Ospite
diaz

Condivido il fatto che il discorso economico pesi a sfavore degli italiani. Aggiungo che i giovani italiani forti sono spesso presi dalle squadre di prima fascia nelle quali non giocheranno mai per poi essere ceduti (spesso in prestito) in squadre dove possano giocare. Questo iter fa perdere loro preziosi anni di carriera ed esperienza. Mi dite a cosa serve il presunto fenomeno Zaniolo alla Roma? Oppure tutte le panchine fatte da tanti giovani potenziali campioni alla Juventus? Il fatto è che, secondo me, ad una squadra di calcio non dovrebbe essere permesso di avere più di 30/35 calciatori professionisti di… Leggi altro »

Articolo precedente3 sole parate in 2 gare. 9 tiri concessi, di cui 4 nello specchio. Difesa al top per Pioli
Articolo successivoDragowski, il portiere eterno secondo che adesso punta al riscatto
CONDIVIDI