Poca Fiorentina, Bologna a metà: 0-0 che non accontenta nessuno

7



Pareggio senza reti che non fa sorridere nessuno. Noia nel primo tempo, la Viola ci prova nella ripresa, ma rischia nel finale.

Domanda: qualcuno è davvero soddisfatto di un pareggio senza sale, pepe e alcun tipo di aroma? Nessuno. E avremmo le motivazioni. La Fiorentina perché vive di pareggite acuta (16 in campionato) e non vince una partita in casa da quattro mesi. La prima di Montella non può essere un focus su Vincenzo: è appena arrivato, lasciamogli il tempo. Ma fossimo in Mihajlovic non torneremmo a casa con la pancia piena. Il punto, certo, e un lavoro – quello di Sinisa – che non si discute, al netto della serataccia di Bergamo. Ma è sacrosanto che il Bologna avrebbe dovuto e potuto osare di più, andando sulle paturnie viola, magari con un attaccante in corsa prima che il diluvio rendesse più brutta la recita del “Franchi”. Come dice Sinisa, è mancao coraggio, scrive Il Corriere dello Sport – Stadio. 

LA NOIA. Il primo tempo è una via di mezzo tra “ma stanno giocando?” e “qualcuno si sveglia?”. Siamo a livelli da cinque meno in quanto a produzione. La nuova Fiorentina di Montella non può essere certo giudicata dopo tre o quattro giorni. La circolazione è lenta, la montagna produce un paio di topolini (Simeone e Dabo), ma siamo a livelli miseri. Se il calcio moderno è circolazione rapida, fantasia e fisicità, bisogna lavorare un po’ per un futuro migliore. La sensazione è che mentalmente il Bologna si adegui troppo, come se il compitino (e il pareggino) fosse già un’ottima base. 

SUSSULTI. All’intervallo ci chiediamo: impossibile far peggio. Il Bologna non cambia atteggiamento: bello compatto, ma poco propenso a ribaltare. La Fiorentina fa la partita come chi tiene un cerino in mano e non vede l’ora di passarlo all’amico che transita da quelle parti. I viola producono con Chiesa due volte (garanzia Skorupski) e con Muriel che al 19′ non capitalizza uno svarione di Lyanco. Un quarto d’ora dopo Luis prende il palo con un tiro che sembra cross: evento molto figlio del caso. Lo 0-0 è scritto sui muri e sulla sabbia, eppure ci prova Veretout a schiodarlo con un disimpegno errato: Lafont si stende tutto e respinge su Orsolini. Ma resta forte la sensazione che, persino se avessero giocato fino a Pasquetta, sarebbe finita così.

7
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Drummer
Ospite
Drummer

Il pareggio accinta più il Bologna della fiorentinizza

Domenico
Ospite
Domenico

CARO VINCENZINO OK TUTTO MA SUI CROSS DA SINISTRA QUASI MAI NESSUNO OLTRE IL SECONDO PALO

Gian Aldo Traversi
Ospite
Gian Aldo Traversi

Titolo sbagliato è fuorviante: il Bologna è stracontento!!!

Buso
Ospite
Buso

Con squadroni come Cagliari Frosinone e Bologna si è vista soprattutto la voglia di cambiare squadra dei giocatori viola.

Porsenna
Ospite
Porsenna

Ma cosa dice questo? 15 tiri dei quali 6 in porta, il primo tempo il bologna ha fatto un solo tiro in porta.
è più onesto Tuttosport:
“Partita intensa e resa difficile dal campo pesante a causa della pioggia. La Fiorentina vicina al gol in più occasioni nella ripresa, senza però riuscire a concretizzare. Il Bologna nel finale sfiora la rete e si porta a casa un punto che potrebbe risultare pesante per la corsa salvezza.”

Mario Viola
Ospite
Mario Viola

Lasciate un po’ di tempo a Montella.
Purtroppo il Pioli ci ha depauperato la squadra, sfiduciandola e demotivandola.
Ora occorre un po’ di ENTUSIAMO e si ricomincia.
Purtroppo c’è la rubentus alla prossima. Fosse stata una squadra più debole avrei preferito.
Il danno di Pioli è incalcolabile ma recuperabile!

Roberto Como
Ospite
Roberto Como

Il danno di Pioli?
Sicuro che il danno non sia PRINCIPALMENTE più in alto?????
Scommetto che tu eri tra quelli che parlavano delle colpe dello stesso Montella per cui tu ora chiedi tempo….

Articolo precedenteUn palo e… 16 pareggi. Fiorentina, generosità e disordine
Articolo successivoFranchi, contestazione e contro-contestatori: tante assenze, la Curva con Pioli
CONDIVIDI